LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

BARI - Ecco i tesori invisibili della citt
ANTONIO DI GIACOMO
09 febbraio 2008, la Repubblica, BARI

IL VIAGGIO
Ci sono menhir, chiese affrescate e ruderi di ville abbandonati al degrado


Sotto gli occhi di tutti. Eppure invisibili. Luoghi nel cuore o ai margini della citt, comunque dimenticati e condannati al degrado. Ci si passa magari davanti con lauto ogni giorno, senza sapere niente della storia dei ruderi di una villa o di un mucchio di pietre apparentemente insignificanti. A Bari va cos e, nellindifferenza generale, c una citt che muore dentro la citt.

Fa da guida il generale in pensione Munaf, presidente della Societ per i beni culturali
Menhir, chiese e ipogei i tesori dimenticati di Bari
"Ecco la citt invisibile sotto i nostri occhi"

Il caso della masseria San Giorgio: un rudere devastato dai vandali a 90 anni dal restauro
La denuncia: "In teoria ognuno di questi luoghi dovrebbe essere sotto tutela"

A denunciarlo da una decina danni almeno Letterio Munaf, generale dellAeronautica a riposo e presidente per la Puglia della Sipbc (Societ italiana per la protezione dei beni culturali).
Ed lui ad accompagnarci in un gran tour attraverso la storia dimenticata di Bari. Si salta a bordo di unauto ed come entrare in unimmaginaria macchina del tempo. A via Fanelli, a un passo dalle casermette, il viaggio a ritroso nel passato spiazzante. Davanti agli occhi, sul marciapiede con vista, si fa per dire, su una saracinesca che cinge un cantiere edile abbandonato, c un enorme masso. Ai suoi piedi, Munaf indica un altro paio di grandi pietre. Tuttintorno erbacce e spazzatura. un menhir di et preistorica avverte. Difficile crederci, a giudicare da com ridotto. Era una delle poche tracce del passato pi antico di Bari. Prima si trovava in aperta campagna, poi stato divelto per fare posto a dei palazzi e, durante le fasi di rimozione, s pure spezzato. Quello che resta qui, dimenticato su un marciapiede.
Si torna verso la citt. Fino ad arrivare allincrocio tra via Fanelli e via Omodeo. C una grande isola, pochi alberi secolari sopravvissuti e erbacce fitte quasi come una giungla. Nel mezzo si staglia quel che rimane di villa Giustiniani, una dimora di fine 800. E qui Munaf tira fuori dalle tasche un dossier - sintitola Programma di salvaguardia del patrimonio storico architettonico del territorio - curato per il Comune di Bari nel 1989 da Stefano Serpenti e Gaetano Cataldo. La scheda su villa Giustiniani densa di sorprese. Conserva nel sottosuolo - si legge - lunico ipogeo ancora esistente allinterno della citt, fortunatamente salvato dalla distruzione ed acquisito al patrimonio pubblico. Gi, il rudere di villa Giustiniani di propriet comunale. E lipogeo? A fatica ci si fa strada tra le erbacce, fino ad arrivare a una lieve depressione ricoperta di terriccio. Sopra ancora spazzatura, naturalmente. Ecco, qui cera lingresso di questo insediamento rupestre.
Di nuovo nel traffico, si va verso via delle Murge quando, dopo aver imboccato il ponte, sulla destra simpone il rudere di un belledificio in pietra con un loggiato che corre tuttintorno. la masseria e trappeto Dottula dice Munaf. Va da s che la struttura ha subito le offese della malasorte. Un portico e parte della facciata del piano nobile del palazzo sono crollati riferisce il "bollettino di guerra" del generale. Ci si arrampica su un muretto per cercare di vedere cosa c dietro. Ai piedi di questa masseria settecentesca, privata secondo i dati del Catasto, i ruderi di un antica costruzione in pietra.
In macchina, ma in periferia. A sinistra c il megastadio. A destra, la masseria e ipogeo Alberotanza. Si parcheggia, un paio di prostitute di colore appollaiate su un divano levano i tacchi non appena intravedono le macchine fotografiche. Ci si fa un giro, attorno alledificio. Lunica botta di colore, che suona quasi come una beffa, la sagoma di un clown che ridacchia sui manifesti di un circo affissi sulle facciate della masseria in rovina. Solo che qui non ci sono semplici rifiuti, ma una serie di vasconi in amianto che qualcuno ha pensato bene di smaltire cos. Alla luce del sole. A proposito: anche la vecchia dimora degli Alberotanza un bene comunale. Viene lamaro in bocca sbotta Munaf. E pensare che in questa galleria dellincuria non c luogo che, in teoria, non si ritrovi sotto tutela. E non finita.
La tabella di marcia originaria indica unultima tappa: tale masseria e chiesa San Giorgio (cos recita la schedatura di quellinevaso Programma comunale di salvaguardia del 1989), un complesso di propriet privata secondo le informazioni fornite dal Catasto. A destinazione. poco fuori citt, a due passi dal teatro Kismet Opera in strada San Giorgio Martire. Interrompe lo sguardo una cancellata arrugginita e divelta, sullo sfondo tra la boscaglia limmagine di qualcosa che sa dantico. Un paio di copertoni abbandonati fanno da preludio allo stupore della scoperta. La chiesa San Giorgio un gioiellino romanico (XI secolo), come annuncia la stessa facciata. Si varca lingresso, del portale nessuna traccia. Sul pavimento e sui muri qualcuno ha disegnato un po ovunque con dei gessetti croci celtiche, laltare devessere stato sradicato e portato via, tanto che il pavimento sottostante sembra addirittura sventrato. E, in alto, cera una volta un affresco: bisogna fare appello a un bel po dimmaginazione per capire come san Giorgio vi fosse raffigurato. Basta attraversare uno stretto corridoio ed eccoci nella masseria, edificata nel 700. Dappertutto scritte sui muri, siringhe a volont e rifiuti. Senza parole.
Nemmeno quando si va via e quasi non sinciampa in una fossa, fuori dalla chiesa: lingresso di un ipogeo. Se ne distinguono anche gli ambienti, per quel poco che filtra alla luce del giorno. A parlare, invece, una lapide sopravvissuta nella chiesetta. Nellanno del Signore 1920, esultando gli italici petti compimento aspirazioni nazionali - riporta liscrizione - questa vetusta chiesa in onore di San Giorgio consacrata Nicola Scattarelli da fede mosso e da piet restaurava. Ad rei memoriam. XX aprile MCMXX. Sono bastati appena novantanni per distruggere un millennio di storia e spazzare via limpresa di un mecenate di ieri.








news

18-11-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 NOVEMBRE 2019

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

Archivio news