LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

FIRENZE - Tramvia al Duomo, quanto si scaver?
MARA AMOREVOLI
GIOVED, 07 FEBBRAIO 2008, LA REPUBBLICA - Firenze



"Ad oggi non abbiamo ricevuto il progetto esecutivo da Palazzo Vecchio" dice la funzionaria competente per il territorio fiorentino



La soprintendenza: sappiamo cosa c sotto, il punto la profondit



Nel 2006 lavori sotto la ex Canonica, di fronte alla colonna di San Zanobi
"Per la tutela di ci che sta nel sottosuolo spetta a noi dare il nulla osta"



--------------------------------------------------------------------------------

Vogliamo vedere quel progetto. Il disegno esecutivo, corredato delle quote di scavo e di ingombro delle rotaie sulla superficie. Ad oggi non abbiamo ricevuto nulla da Palazzo Vecchio, cos siamo in attesa. No, non si fanno i conti senza loste. E la soprintendenza archeologica si fa avanti, chiede notizie precise sulla linea 2 della tranvia, bussa per avere il progetto esecutivo che ne prevede il passaggio da Piazza San Giovanni, a fianco del Battistero e su via Martelli. E rimbalzano gli interrogativi: a quale profondit si scava? Quale impatto provocher la posa delle verghe? Chi parla Carlotta Cianferoni, funzionaria delle soprintendenza archeologica, responsabile della competenza del territorio fiorentino. Siamo noi ad occuparci della tutela di tutto quello che si trova nel sottosuolo. Quellarea del centro pi che indiziata per rilevanza storica, spetta a noi dare il nulla osta - precisa - E non c assolutamente bisogno di scavare, sappiamo benissimo cosa c sotto. E tutto documentato.
Bene, allora dica, racconti. Cianferoni tira gi una serie di volumi e pubblicazioni dagli scaffali della ricca biblioteca della soprintendenza archeologica. Edoardo Galli, Dove sorse il bel San Giovanni 1916, Mario Lopes Pegna, Firenze dalle origini al Medioevo 1962, gli ultimi volumi del notiziario Studi e materiali sugli scavi effettuati dagli archeologi dellistituto. C una nutrita bibliografia sugli scavi nel castrum, intorno allarea del Battistero grazie alle relazioni fatte dallarchitetto Corinto Corinti della commissione storico-archeologica incaricata di raccogliere la documentazione sulle demolizioni del 1889. Nel 1895 fu aperta la sezione romana del Museo archeologico, con le iscrizioni, frammenti e resti esposti ancora nei due cortili, con i reperti di quegli scavi. E fu allora che venne creata piazza San Giovanni. Ecco, il Battistero si trova dentro la cerchia delle mura romane, la Porta settentrionale guardava proprio linizio dellattuale Borgo San Lorenzo. Lopes Pegna scrive nel suo saggio: Le mura settentrionali si dilungavano per 1600 piedi (circa 480m.)dal tergo dellabside di Santa Maria del Fiore, per piazza San Giovanni e via Cerretani, fino verso linizio di via dei Banchi dove si saldavano ad angolo retto con le mura occidentali. Il volume riporta alcune foto di scavo: i resti dei blocchi della Porta settentrionale "contra Aquilonem", un pezzo di strada romana in basolato, una ricca casa repubblicana sotto al Battistero con pavimento in mosaico, spazi ancora accessibili agli studiosi attraverso una botola.
Bene, ma la tranvia passa pi in l, i resti di epoca romana sono in profondit: a quale quota? Calma - insiste la funzionaria - Ci dica lamministrazione, con il progetto esecutivo, le misure delle quote di scavo. Nel 2006 sono stati effettuati scavi anche sotto la ex Canonica, per autorizzare i lavori di un ascensore. Siamo a pochi metri dal Battistero, di fronte alla colonna di San Zanobi. La relazione illustra uno scavo di 2,5 per 2,5 metri, profondo 2,7 metri, in cui sono stati rinvenuti resti di un canale scolmatore, drenaggi sabbiosi e anfore del I a.C. e il I d.C., strutture di fondazione. Stratificazioni romane, medievali e ottocentesche che, dice Cianferoni come nel caso della tranvia in piazza Stazione, non hanno fermato i lavori. Sono state documentate e ricoperte. Era materiale irrilevante.
Bene, potrebbe essere lo stesso per larea di passaggio della linea 2, si possono fare verifiche con altri scavi, no? Gli scavi non vanno fatti, non necessario spendere denari. Si sa cosa c qui. Le mura romane e la porta settentrionali, le case abbattute nell800, e i resti di abitazioni romane. Limportante avere il quadro preciso della tranvia, le quote e lingombro di rotaie e servizi - ripete la funzionaria - se queste non interferiscono con i resti delle mura romane o altri importanti reperti, non ci sono problemi. Altrimenti le cose si complicano. Ad esempio, se sotto ci sono resti di muri di abitazioni dell800, non ci sono problemi, ma da vedere. Il direttore regionale Mario Lolli Ghetti mi dice che 15 anni fa sono state poste nel tracciato sotto la pavimentazione in pietra delle solette antivibrazioni. Bene, ma a quale profondit, dov la documentazione e le misure? Aspetto che Palazzo Vecchio me la fornisca.. Non sono n a favore n contro il passaggio della tranvia da piazza San Giovanni, faccio semplicemente il mio dovere. E questo mi obbliga a tutelare i resti di unarea cos importante della storia antica di Firenze. Faremo le nostre verifiche e dopo, daremo leventuale nulla osta al progetto.



news

15-11-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 15 NOVEMBRE 2019

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

Archivio news