LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

BARI - Arte, al castello lo Spazialismo debutta con Licata e Morandis
ANTONELLA MARINO
GIOVED, 07 FEBBRAIO 2008 La repubblica - Bari




Il curatore Giovanni Granzotto: "Abbiamo scelto la Puglia per il suo ruolo centrale nella cultura del Mediterraneo"
La corrente: "Si tratta di un genere che non impone pi un tema figurativo, ma invita a crearselo secondo la propria fantasia"



--------------------------------------------------------------------------------

Tutti conoscono Lucio Fontana, tra i pi grandi artisti del 900, che con il semplice gesto iconoclasta dei "Tagli", lo squarcio netto della lama sulla tela, avevano cancellato secoli di illusionismo pittorico, oltrepassando lo spazio virtuale del quadro per congiungersi a dimensioni altre. Il suo sogno di unarte capace di esprimere una sensibilit pi moderna, tradurre in forme nuove levoluzione del progresso scientifico, liberandosi dai pregiudizi e dai gravami rappresentativi del passato si tradusse nel 47 nella nascita del movimento spazialista, cui aderirono numerosi artisti del tempo. Alla costola veneziana del gruppo, meno noti al pubblico allargato ma non certo agli addetti ai lavori, appartengono Gino Morandis e Riccardo Licata, di cui da oggi (alle 18) il castello svevo di Bari ospita una doppia vasta antologica, promossa dallIstituto nazionale darte contemporanea col patrocinio del ministero per i Beni ed attivit culturali e lassessorato al Mediterraneo della Regione Puglia.
Trait dunion tra i due autori - il primo, Morandis, nato a Venezia nel 1915 e scomparso nel 94; il secondo Licata, originario di Torino ma veneziano dadozione, quattordici anni pi giovane e tuttora operante - proprio la tensione a tradurre umori, emozioni, sensazioni o ricordi in un linguaggio libero di forma - colore che ha nella luce mediterranea il suo punto di avvio e insieme di approdo. proprio questo il motivo per cui stata scelta la location barese come sede privilegiata. Bari uno dei luoghi chiave della cultura mediterranea spiega Giovanni Granzotto, curatore della mostra insieme a Barbara Morandi. La specificit dello spazialismo veneto sta proprio nella sua matrice luministica, nella sua connotazione meno concettuale, pi pittorica e tattile, che trae spunto da una storia e da una geografia comuni. Ci sembrava prestigioso, dopo Napoli coinvolgere una citt da questo punto di vista cos importante, in una cornice assolutamente appropriata come il castello svevo. Timidamente il maniero federiciano, con lavvallo del soprintendente Martinez, riapre cos se non al contemporaneo quanto meno allarte moderna. Stamattina alle 11 si terr un convegno presieduto da Anselmo Villata, per approfondire alcuni aspetti di questa esperienza. Mentre nelle ampie sale superiori, Angioina e Bona Sforza, circa cento opere spesso di grandi dimensioni si offrono al pubblico con forza emozionale fino al 10 marzo (info 339.523.83.12).
Seguendo una scansione cronologica, attraverso un confronto a segmenti tra i due autori, i lavori, provenienti da collezioni private ma anche da musei e istituzioni pubbliche documentano le diverse fasi delle rispettive ricerche, con particolare attenzione alla produzione degli anni cinquanta - sessanta. Per Licata si passa dai primissimi esordi figurativi allindividuazione di un personale alfabeto cifrato che attraversa la svolta informale con una cifra surreale, per poi decantarsi in un processo di rastremazione geometrica e ritornare sotto forma di affresco narrativo. I suoi quadri sono fraseggi ritmici affidati alla musicalit del colore, alla combinazione sintetica di un particolare segno biomorfico declinato in diverse varianti, un albero - totem come unit minima capace di assecondare come il pennino del sismografo sussulti di ritmi interiori, sinfonie cromatiche ora pi fantastiche ora pi strutturate. Parallelo lexcursus di Morandis, allievo di Virgilio Guidi e Giorgio Morandi (la "s" del cognome fu aggiunta proprio per non confondersi col maestro bolognese), tenace sperimentatore di tecniche e impasti pittorici con cui esprimere un immaginario liquido e atmosferico, fatto di esplosioni tonali, fluttuazioni astratte, accensioni di macchie e vapori cromatici in cui il referente naturalistico introiettato nel rimando ad una dimensione astrale, ad equilibri invisibili e a rapporti sottesi oltre la fenomenologia delle apparenze.
Nella convinzione, dichiarata in uno dei manifesti dello Spazialismo, che larte non impone pi allo spettatore un tema figurativo, ma lo pone nella condizione di crearselo da s, attraverso la sua fantasia e le emozioni che riceve.



news

18-10-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 ottobre 2019

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

Archivio news