LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Sardegna - Passano alla Regione gli immobili delle Saline
PABLO SOLE
La Nuova Sardegna 06/02/2008

CAGLIARI. Nuova linfa vitale per il Parco di Molentargius-Saline. La boccata d’ossigeno arriva grazie all’intesa raggiunta tra Regione e Monopoli di Stato sul passaggio di proprietà di alcuni immobili presenti nell’area umida, condizione indispensabile per la piena operatività del Parco di Molentargius. Da ieri, con l’annuncio ufficiale, la partita sembra definitivamente chiusa: i Monopoli di Stato hanno dato il via libera al trasferimento di alcuni degli immobili più significativi presenti a Molentargius, come gli edifici che ospitano la direzione centrale, l’ispettorato, i locali dell’ex scalo - e dunque anche portineria, spogliatoi, officine, autorimesse, magazzini, mensa e guardiola di vigilanza - oltre alla chiesetta del Santissimo Nome di Maria. I vertici del Consorzio di gestione dell’area umida attendevano da tempo questa decisione, soprattutto in funzione di una più precisa programmazione delle attività future e, dunque, di una scelta strategica sulle direttrici di sviluppo da seguire. Normale, quindi, che questa novità rilanci i progetti abbozzati da tempo e lasciati in stand-by. Come la ripresa dell’attività saliniera, o la realizzazione del polo museale. ‹‹Nei giorni scorsi abbiamo incontrato il presidente Soru - ha detto il direttore Generale del Consorzio di gestione, Mariano Mariani - per fare il punto della situazione sullo stato di salute del Parco e sulle attività future. Le ipotesi messe sul tavolo sono diverse: si va dalla ripresa della produzione di sale, puntando ad un mercato di nicchia che privilegi la qualità e non la quantità, fino alle iniziative collegate all’attività termale. Su quest’ultimo punto, appare chiaro che il presupposto primario riguarda la disponibilità di strutture ricettive, per questo crediamo che l’attuale Ospedale Marino, di prossima dismissione, possa rispondere a questa necessità››. Ancora: una volta entrati in possesso degli immobili, occorrerà investire per la messa in sicurezza e le eventuali ristrutturazioni richieste dalle nuove destinazioni d’uso. Riqualificare, insomma, costa. Per questo, in linea di massima, Ente parco e Regione non escludono l’eventuale partecipazione del settore privato. ‹‹Una delle ipotesi ventilate - ha confermato il presidente Gigi Ruggeri - riguarda l’affidamento di alcuni locali con l’obiettivo di creare profitto per il Parco. Si potrebbe pensare, ad esempio, di affittare alcuni ambienti ad enti e associazioni››. E puntare, come sottolineato dai vertici del consorzio, anche su un punto ristoro e un bookshop che vadano ad integrarsi con il polo museale e il centro di accoglienza visitatori. E con molta probabilità, l’apporto di finanziamenti privati non mancherà nemmeno sul versante della produzione saliniera: in questo caso, la linea sposata dal Parco prevede il coinvolgimento di imprenditori locali che conoscono bene la materia. I nomi dei possibili papabili, com’è ovvio, non ci sono. Ma basta scorrere la lista dei produttori specializzati per ipotizzare l’eventuale cooptazione di realtà economiche consolidate come Cadelano e Contivecchi. ‹‹Di certo - hanno affermato concordi Mariani e Ruggeri - registriamo con grande soddisfazione l’impegno della Regione ai fini dello sviluppo del Parco››. L’unico neo: la precaria condizione economica delle casse del Molentargius-Saline. Che dovrebbe comunque risolversi con il varo della Finanziaria regionale. Intanto si guarda avanti: sottoscritta l’intesa, la giunta non ha perso tempo e ieri mattina ha siglato un’apposita delibera con la quale si dà mandato alle direzioni generali della Presidenza e dell’assessorato agli Enti locali e Urbanistica, coadiuvate dall’area legale, di definire gli adempimenti necessari all’attuazione dell’accordo con l’Agenzia del demanio di Cagliari.



news

22-07-2021
Corte costituzionale: sentenza su beni paesaggistici

20-07-2021
Piano strategico grandi progetti beni culturali: raccomandazioni sul decreto per la rimodulazione 2020

18-07-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 Luglio 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

Archivio news