LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Calatrava, il ponte infinito verso quota 16 milioni
Gigi Biglietti
IL GAZZETTINO, 5 febbraio 2008

senz'altro il "ponte pi lungo del mondo" come tempi di realizzazione. Nasce, sulla carta, il 25 giugno di 12 anni fa a Venezia quando la giunta Cacciari presenta il modellino dell'opera: Lo ha regalato alla citt il grande architetto spagnolo Santiago Calatrava -esult l'allora assessore all'Urbanistica Roberto D'Agostino affiancato dal "giovane" sindaco filofoso - Coster meno di 4 miliardi di lire (2 milioni e 56mila euro di oggi, ndr), sar appaltato entro il '97 e i lavori dureranno 10-12 mesi. La pavimentazione sar in tradizionale pietra d'Istria.
Ne avessero azzeccata una!
Oggi possiamo dire che non ci sono certezze sui tempi, n sui costi. L'unica cosa certa che dalla cifra del bando d'appalto (estate 2002) i cost sono pi che quadruplicati: da 3,87 milioni di euro ai 16 milioni attuali. Ma in sede di preventivi la spesa prevista era ancora pi bassa.
Correva infatti l'anno 1996: fallito il governo di larghe intese del dopo Berlusconi I, si era appena votato per le Politiche e il neo-premier Romano Prodi proclamava: Dureremo 5 anni. A fine dicembre la commissione di Salvaguardia approva il progetto per il quarto ponte: coster 3,9 miliardi di lire. Per avere l'atto definitivo (progetto esecutivo) passano altri tre anni e mezzo. L'architetto Calatrava, da parte sua, non se ne sta con le mani in mano: l'inizio del Terzo millennio vede 60 suoi ponti disseminati per il mondo, 40 dei quali all'interno di citt storiche.
l'ottobre 2000 quando la giunta di Venezia stanzia 10 miliardi di lire, due volte e mezza quanto previsto dal primo preventivo. Ma si sa i costi lievitano e, intanto, arrivato l'euro.
Per preparare il bando d'appalto ci vuole un altro anno e mezzo. Il documento ufficiale fissa in 3.8 milioni di euro il costo dell'opera: in pratica rispetto al '96 il cambio con la lira di 1 a 1.000 (come per frutta e verdura!), n Comune, comunque, annuncia pomposamente: entro fine 2003 il ponte sar pronto. A met di quell'anno, per, si scopre che le fondamenta sono da irrobustire e l'inaugurazione viene spostata prima a ferragosto 2004 poi a ottobre dello stesso anno.
Nel frattempo scoppiano le polemiche per la barriera che rappresenta per i disabili (vedi articolo sotto) e quella per i problemi tecnici dell'acciaio utilizzato. Quest'ultima difficolt fa slittare tutto di altri 12 mesi e, immancabile, arriva la prima indagine della Corte dei Conti per danno erariale (iniziata nel marzo 2005 e non ancora conclusa). Ci vuole un altro annetto per predisporre le
prove di carico che vengono (finalmente) superate nell'agosto 2006, ma intanto fanno rinviare l'inaugurazione di un altro anno mentre i costi diventano 8 milioni e mezzo di euro anche a causa dei contenziosi con le ditte subappaltatrici.
Il resto storia relativamente recente: nell'aprile dello scorso anno arriva il decimo rinvio con i costi che toccano quota 10 milioni e, ultima, giunge l'indagine conoscitiva della Procura (con l'acquisizione di tutti i documenti) sulle spese ormai stimate in 16 milioni di euro.
Nessun'altra struttura al mondo sotto gli occhi di tanti enti controllori come il ponte di Calatrava si lamentata l'assessore comunale Mara Rumiz snocciolando i nomi di Corte dei Conti, Guardia di Finanza, Procura della Repubblica, Autorit di vigilanza dei Lavori pubblici e Commissioni varie. Avr anche ragione, ma consideri che nessun ponte pedonale (solo pedonale!) ha richiesto
una dozzina d'anni per essere realizzato. I problemi derivano dalla sottovalutazione iniziale della complessit dell'opera da parte di tutti con una sottostima di costi e tempi ha concluso l'assessore veneziana. Quindi qualcuno che ha sbagliato c': basterebbe che ne pagasse le conseguenze.
Fra le curiosit va ricordato che l'opera ha portato un fiorire di originali trovate toponomastiche: Cacciari nel 2003 lanci l'idea di chiamarlo Ponte della Pace, ma le tante battaglie attorno alla sua realizzazione (politiche e non) hanno affossato la proposta. Il Gazzettino, nel referendum fra i lettori, ha raccolto come preferenziali i nomi dei santi (Chiara seguita da Lucia) pi di aggettivi come "Novo" o intitolazioni a personaggi come Cesco Ba-seggio o Sandro Pertini. Tralasciato il nome "dei Sospiri" (gi usato, ma per ben altri motivi) c' anche la provocatoria idea di chiamarlo Ponte delle Beffe. Alla fine, per, la spunter il nome tecnico e, soprattutto veneziano doc, proposto dal sindaco Cacciari: "ponte de la Zi-rada", perch in quel punto c'era la svolta del Canai Grande.
La vera svolta che tatti si aspettano , per, quella dei lavori che sembrano infiniti. Gli ultimi intoppi in ordine di tempo riguardano le spallette (a rischio cedimento) e la pavimentazione in vetro che sarebbe troppo scivolosa - come a Bil-bao in un'altra opera di Calatrava - e quindi richiede una lavorazione particolare.
Molti si chiedono come sia possibile che 420 anni fa - nel 1588 - per realizzare il Ponte di Rialto si sia fatto tutto in pochi mesi: forse perch il progettista si chiamava Antonio Da Ponte...



news

18-10-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 ottobre 2019

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

Archivio news