LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Salvate le teche di Carlo Scarpa
Attilio Mazza
Bresciaoggi, 5 febbraio 2008

Sono ormai in dirittura d'arrivo, tanto che dovrebbero concludersi a met febbraio, i lavori di manutenzione del Museo delle armi nel Mastio visconteo del Castello; il costo previsto per l'intervento si aggira intorno ai 40 mila euro.
Il Museo fu realizzato sul colle Cidneo all'inizio degli anni Settanta; il progetto era stato redatto dal celebre architetto veneziano Carlo Scarpa con la collaborazione dell'architetto bresciano Francesco Rovetta, all'epoca suo assistente all'Universit di Venezia.
Il progetto ebbe l'approvazione e la lode del professor Pardi, soprintendente ai Beni architettonici della Lombardia, e il gradimento degli eredi Marzoli, donatori al Comune di Brescia della prestigiosa collezione. Alla tragica e improvvisa morte di Carlo Scarpa, avvenuta in Giappone il 28 novembre 1978, i lavori subirono una battuta d'arresto. Furono ripresi nel 1980 con la direzione di Francesco Rovetta, che chiese la collaborazione dell'architetto Arrigo Rudi, in attivazione delle varianti e della pratica burocratica. Rovetta progett le opere per l'interno del Mastio e le scale di sicurezza in ferro sulla facciata principale, in fianco allaTorre Mirabella.
L'allestimento, vetrine e supporti, fu studiato dallo stesso Rovetta, dall'architetto Rudi, dal professor Francesco Rossi della Pinacoteca Carrara di Bergamo e dalla direzione Musei di Brescia per le rispettive competenze. La realizzazione e interpretazione dell'allestimento fu affidata a Giuseppe Rivadossi, gi scelto a suo tempo da Scarpa, e sembrerebbe opportuno che le opere in corso possano salvaguardare il progetto originario.
Purtroppo - commenta l'architetto Rovetta - la realizzazione del progetto di Carlo Scarpa rimase incompleta, nonostante autorevoli esperti e critici avessero sollecitato la naturale conclusione dell'opera.
La valorizzazione del Museo delle armi - continua Rovetta - sicuramente encomiabile. Si tratta della realizzazione di uno dei grandi maestri dell'architettura contemporanea. Si celebrato nel 2006 il centenario della nascita. In quella occasione il ministero ai Beni architettonici aveva spronato affinch si giungesse finalmente al completamento dell'opera e si provvedesse al ripristino del progetto Scarpa per il Museo nella sua forma originaria
L'ARCHITETTO SI AUGURA che i lavori in corso siano rispettosi dell'operato di Scarpa e ne conservino tutte le caratteristiche e parti, senza snaturarlo. In particolare, spero che non siano smontate e rimontate le vetrine espositive, poich l'operazione rischierebbe la loro compromissione e, come per ogni mobile ligneo, comporterebbe la loro quasi certa distruzione.
Ritengo corretto che le vetrine e tutti gli altri elementi espositivi interni vengano ricollocati nel luogo originariamente progettato con le dettagliate e rigorose prescrizioni espositive ideate da Carlo Scarpa e realizzate dall'Officina Giuseppe Rivadossi, ammonisce il professionista. Servono comunque opere che abbiano l'obiettivo da un lato di ripristinare l'allestimento e dall'altro di adeguarlo alle nuove normative.
A questo proposito, secondo l'architetto Rovetta dovrebbe essere ripristinata la prima sala d'ingresso dal prato Mirabella, utilizzando un criterio di restauro che rispetti e salvaguardi il progetto originario; potrebbe essere eseguita la manutenzione delle scale in ferro di facciata e ripristinato il loro attacco a terra ora compromesso; potrebbe infine essere realizzato il percorso di accesso ai disabili cos come richiederebbe la normativa ed un minimo senso di civilt.
Alla completa realizzazione dell'originario progetto Scarpa mancano peraltro alcune opere: innanzitutto non stato ancora realizzato il livello inferiore del museo, consistente nei locali del Mastio situati al livello del ponte levatoio (Scarpa aveva previsto che questi locali fossero adibiti a salone d'ingresso e ricezione, spazi di servizio e spazi didattici ed espositivi di materiale storico, gigantografie ed audiovisivi). Sacrapa aveva inoltre indicato nel progetto originario spazi d'uso posti a livello intermedio di collegamento alle sale espositive attuali superiori,
mentre all'ultimo piano si sarebbero dovuti realizzare una biblioteca, un organico deposito delle armi non esposte e un laboratorio per la manutenzione.
Mi auguro che gli operatori e i responsabili delle opere in corso ne tengano conto, pun-tualizza l'architetto. D'altro canto, si tratta di una progettazione che ha suscitato interesse nel mondo della cultura...
Il Museo delle armi di Brescia di Scarpa, ricorda Francesco Rovetta, un monumento cult moderno, largamente analizzato da studiosi e ripetu-tamente pubblicato su prestigiose riviste internazionali, oltre che in numerosi testi specialistici.
Tavole del progetto, disegni e fotografie - continua - sono stati esposti in varie occasioni in diverse citt italiane ed estere. Spero che una simile progettazione sia salvaguardata con meticolosit e rispetto. Di tutto ci ho cognizione precisa sino ai pi piccoli particolari molto delicati che solo chi ha lavorato e, in questo caso, ha anche progettato con il maestro, pu documentatamente riproporre in modo fedele all'originale.
Avendo collaborato direttamente col professore, rimango ora l'unico testimone di un raffinato progetto articolato e complesso, ancora incompleto. Se terminato, il Museo permetterebbe alla citt di vantare due opere geniali di uno dei pi grandi maestri dell'architettura contemporanea: la Stele di piazza Loggia ed il Museo delle armi nel Castello di Brescia.



news

10-07-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 10 luglio 2020

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

Archivio news