LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Musei dello stupore per moderni mecenati
Antonio Paolucci
Luoghi dellInfinito, 5 febbraio 2008

Il museo come istituzione e anzi come categoria dello spirito" congeniale all'uomo d'Occidente.
Possiamo dire che l'idea di museo carattere distintivo fondante della nostra civilt. Questa parte del mondo che ha inventato i miti di Ulisse e di Faust (il viaggio a ritroso sul filo degli affetti e dei ricordi, la nostalgia della patria perduta, la vittoria impossibile e tuttavia continuamente cercata sull'oblio e sulla morte) anche quella che ha dato forma al museo.
Il museo la testimonianza d quello che siamo stati, certifica la nostra identit, consegna a una specie di sacralizzata immortalit la memoria di cui sappiamo e vogliamo essere parte. Con il museo l'uomo d'Occidente ha cercato di esorcizzare l'insignificanza e la morte.
Ma dietro il museo (dietro gli "studiola" dei principi e degli umanisti italiani, come dietro le grandi gallerie d'Europa e d'America nate dal mecenatismo dinastico non meno che dal desiderio di autocelebrazione della moderna borghesia capitalista) c' sempre il collezionismo. Singolare e provvidenziale propensione dell'animo umano che porta il denaro a cercare l'opera d'arte cos che quest'ultima possa, un giorno, approdare al pubblico godimento. Senza la naturale tendenza, antica come la storia, che chiamiamo collezionismo non avremmo gli Uffizi e il Louvre, non lo Horne a Firenze e la Bagatti Valseceli a Milano, non il Correr a Venezia, lo Jacquemart Andre a Parigi, l'Isabella Gardner a Boston. Grazie a tale meravigliosa propensione i signori della guerra del nostro Rinascimento (i Malatesta, i Montefeltro, i Gonzaga, gli Sforza) e i signori della banca e dell'industria della American Renaissance (i Kress, i Rockefeller, i Morgan, i Getty) hanno messo insieme i tesori che fanno l'orgoglio dell le nostre pi celebri gallerie.
L'opera d'arte di propriet privata cerca dunque il museo come suo naturale approdo, cos come il denaro sceglie di diventare benefico e virtuoso quando entra nel museo per abbellirlo, per arricchirlo, per qualificarlo. Com' accaduto nel nuovo Museo del Duomo di Monza consegnato allo stupore del pubblico e all'ammirazione degli studiosi, grazie ai finanziamenti e al lavoro dei coniugi Caiani.
Attenzione, per. Perch il sistema funzioni, perch le opere d'arte di propriet privata e il denaro dei cittadini cerchino il museo, necessario che il museo conservi l'aura di eccellenza e d'immortalit che la nostra cultura nei secoli gli ha attribuito. La decadenza del museo per quello che il museo significa (autorevolezza dei funzio-nari, qualit dei restauri, affidabilit della ricerca, educazione del gusto) comporterebbe l'inaridimento e il degrado di tutto l'intero universo delle arti. E infatti come potrebbe ancora funzionare l'attrazione del collezionista e del mecenate verso il museo, se il museo (che qui in Italia significa Soprintendenza) perdesse il suo prestigio?



news

13-10-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 13 ottobre 2019

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

Archivio news