LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Viaggio nei mille paesaggi dItalia
LUCA VILLORESI
MARTED, 05 FEBBRAIO 2008 LA REPUBBLICA - Cultura


Ci sono molti modi per osservare i diversi scenari del nostro paese di certo essi sono anche una chiave per cercare di comprenderlo



Ci che appare naturale invece frutto di un lungo lavoro di scavo e protezione
Tutto comincia quattromila anni fa con la civilt dei Sesi che indica cumuli di pietre



--------------------------------------------------------------------------------

Siamo il Bel Paese chAppennin parte e l mar circonda e lAlpe. Abbiamo molti, anzi, troppi paesaggi; molti modi per osservarli, raccontarli, interpretarli. E anche una semplice ricapitolazione di luoghi comuni diventa inevitabilmente sovrabbondante. Da dove partire? Voliamo bassi, partiamo da una certezza: da unestremit. Questa una di quelle vedute che i vecchi disegnatori definivano a volo duccello. Siamo a unottantina di chilometri dallAfrica. Laereo scende su Pantelleria: un bel caso limite, non solo in senso geografico. Tra tante possibili chiavi di lettura di un ambiente naturale lantica, semplice ricetta dei quattro elementi mantiene infatti un suo indubbio valore; e la combinazione di terra, aria, acqua, fuoco che si ritrova a Pantelleria punta decisamente verso gli estremi. Isola senzacqua, spersa nellacqua... il fuoco del vulcano e del sole battente... il soffio impetuoso dello scirocco e del maestrale che, per almeno sessanta giorni allanno, blocca ogni comunicazione... la terra inventata, contesa allerosione, coccolata. Un panorama comincia spesso dalle aspettative. E il primo sguardo dinsieme, dallalto, conferma le attese: azzurro saraceno, nero infernale, verde passito... Ecco i dammusi... Ecco le palme... Ma davvero a Pantelleria cerano tutte queste palme?
Si dice che lItalia sia il giardino dEuropa. E vero. E, al di l delle citazioni letterarie, a confermare la fama della penisola basta un semplice dato statistico. La matematica del paesaggio, senza giri di parole, parla chiaro. La flora europea composta da circa diecimila specie; in Inghilterra ne troviamo sulle mille e settecento; in Italia arriviamo a seimila. E non tutto. Perch nellanalizzare lalchimia di un panorama, la combinazione di quei quattro principi primordiali si ricombina, a sua volta, con la forza catalizzante di un quinto elemento: luomo. Rappresentato, nel nostro caso, dallhomo italicus: un soggetto particolarmente attivo (in un arco di tempo che copre almeno tre millenni, dagli ingegneri etruschi agli architetti milanesi) nel modellare, strato su strato, ogni angolo del Bel Paese. Anche in fatto di quinto elemento, peraltro, si vedr, Pantelleria rappresenta un caso estremo. Il primo colpo docchio inganna. Quel paesaggio selvaggio, apparentemente cos naturale, una volta messo a fuoco si rivela infatti come uno scenario totalmente artificiale. Ogni avvallamento, ogni anfratto, ogni cambio di livello di questisola stato lavorato, rifilato, scavato.
Per sopravvivere a condizioni estreme (situazione che, allopposto, ritroveremo sulle Alpi), i vegetali si fanno piccoli, testardi, coriacei. Pi o meno come capitato agli uomini abbarbicati a questa pietraia. Una storia che comincia ben prima di quanto ci si possa immaginare, quasi quattromila anni or sono, con la civilt dei Sesi. Sese, nel dialetto locale, vuol dire cumulo artificiale di pietre. Apparentemente sono quattro muretti sgangherati e insignificanti, spersi tra le scogliere. Eppure eccezionalmente importanti. Perch le vestigia dei Sesi - spiega il soprintendente, Sebastiano Tusa - rappresentano il pi antico insediamento preistorico affacciato sul Mediterraneo, databile attorno al 17 secolo avanti Cristo. Allinizio sfruttata come una miniera di ossidiana (nella civilt della pietra per costruire strumenti da taglio non cera materiale migliore), Pantelleria, allalba dellera dei metalli, si era poi trasformata in una tappa sulla rotta dello stagno. E poi, di nuovo ancora, in un altro avamposto su qualcosa, per gli uni o per gli altri: fenici, romani, arabi, fino allattuale elenco telefonico, zeppo di cognomi liguri e napoletani. Un popolo di coloni, che ha alzato, abbassato, riciclato ripari, cisterne, porcilaie, magazzini, grotte. E curato - da giardiniere, pi che da agricoltore - un velo di terra raccolta pugno a pugno e riposta nello scrigno delle terrazze, per far campare capperi e ulivi, viti che si acquattano al suolo, fichi dIndia. E ora, s, anche le palme: un nuovo status symbol paesaggistico.
Il dammuso una capanna di pietre. Una volta il pantesco ci viveva come aggrappato a una zattera. Una dimora spartana, accanto alla quale quelli che rientravano nel novero dei signori piantavano, al massimo, una singola palma: un segno distintivo, come un don davanti al nome. Nellevoluzione di una specie, per, ogni tanto si aprono nuove ere. Per la palma pantesca bisogna cos distinguere tra un prima Armani e un dopo Armani. Dunque, accaduto questo. Il primitivo costa caro e a Pantelleria si paga tutto di pi: acqua, trasporti, ristrutturazioni (un metro cubo di parete di pietra costa trecento euro). Questo spiega da una parte lesistenza di tanti dammusi che vanno in rovina; dallaltra il fiorire del dammuso vip, con il suo corredo di palme. Armani nel suo giardino selvaggio - costo della manutenzione, si dice, sui 500 mila euro allanno - ne ha piantate 180. Lanciando la moda. C chi si fatto il palmeto in stile oasi, chi le ha messe in fila come cipressi. Le palme fanno Africa. E devono far Africa in fretta. Le grandi (costo: sui duemila euro) arrivavano dallEgitto, a decine, a centinaia. Nei container, per, si infiltrato anche un parassita micidiale, chiamato punteruolo rosso. Lisola si riempita di moncherini. E a dimostrare, nel suo piccolo, lenunciato secondo il quale un battito dala di farfalla a Pechino provoca un uragano a New York, uno strisciare di bagarozzo a Pantelleria ha messo in crisi, nel giro di un paio danni, tutti i lungomare italiani, fino a Rimini e Riccione.
Pantelleria ha una superficie di 83 chilometri quadrati. La Sicilia ne conta 25.426; lItalia 301.338. Nel complesso dei paesaggi italiani questisola diventa una particella insignificante. Eppure, perfino nelle ristrettezze di un territorio cos minimale, possiamo scoprire una grande variet di situazioni. Ora del tutto naturali: a Pantelleria, ad esempio, si ritrovano almeno tre o quattro microclimi, con escursioni termiche di cinque o sei gradi. Ora indotte dalluomo, anche in tempi recenti. Lambiente, in apparenza, non si direbbe cambiato da quello descritto da Cesare Brandi, nel 1970. Il nero dellossidiana sciabola riflessi torvi come mannaie. I muretti, che da lontano sembravano muretti, quando si vedono da vicino appaiono come bastioni. Resiste ancora perfino qualche giardino pantesco, una specie di nurago, dove, nellinterno, sta chiuso, come il minotauro nel labirinto, un limone o un arancio: una sfida alla natura, ch nessun sistema agricolo prevede tanto lavoro per far produrre un singolo albero. A osservare pi da vicino, tuttavia, i mutamenti non mancano. Si guardi al fattore quantit: negli anni Cinquanta, ad esempio, gli ettari coltivati a vigna erano pi di 10 mila, oggi sono sui mille e cinquecento. O si badi ai particolari della qualit, perch la vigna sembra la stessa, ma in realt pi scapigliata rispetto a quella del passato, maniacalmente pulita, pettinata e rifilata dal bisturi della roncola.
Quanti grandi paesaggi ci sono in Sicilia? Palermo e la Conca doro, Catania e lEtna, Ragusa e gli Iblei, i feudi dellinterno, Agrigento e la valle dei templi... Mandorli, carrubi, zolfo, sale, lava, gattopardescamente sospesi tra la mollezza lasciva e lasprezza dannata. Grandi scenari, dove Pantelleria diventa un dettaglio e gli sfondi sono tratteggiati dalle pennellate di colore stese dagli alti e bassi delle borse agricole. Vedi gli agrumi: gialli e arancioni in ribasso, secondo i dati della Coldiretti; senza escludere dal pessimismo i tarocchi rossi di Catania, deprezzati da una concorrenza che dalla Spagna si allargata al Per e al Sud Africa e flagellati da una malattia arrivata dal Sud America, con un nome che, come quello del punteruolo, gi un programma: la tristeza. Botanica o entomologica, peraltro, la globalizzazione non una novit. Giuseppe Barbera, professore di culture arboree alluniversit di Palermo, comincia ad elencare le piante indigene venute da altri continenti: Il fico dIndia? Importato dallAmerica cinquecento anni fa. La prima notizia di una coltivazione di limoni? Risale al 1095. Il mandarino stato introdotto nella prima met dellOttocento. Larancio dolce si diffonde nel Cinquecento Senza dimenticare le altre extracomunitarie sbarcate con gli arabi: riso, canna da zucchero, cotone, anguria, melanzane, carciofi...



news

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

25-07-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 luglio 2020

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

Archivio news