LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Contro limpatto ambientale l`impegno di cave e cantieri
04 febbraio 2008, LA REPUBBLICA - affari e finanza


Regole e semplici norme di comportamento debbono guidare i due settori per evitare disagi ai cittadini e danni alla natura Roma Limpatto ambientale un altro problema che riguarda (anche) i cantieri edili. Inquinamento atmosferico, acustico, polveri, rifiuti: quando si apre un cantiere sotto casa sempre un brutto momento... Credo che siano sufficienti poche regole di buon comportamento - sostiene Paolo Buzzetti, presidente dell`Ance, associazione nazionale dei cantieri edili - per minimizzare re l`impatto e ridurre il pi possibile i disagi per vi chi vive e lavora nelle tutto sommato semplici anche per recuperare un dialogo pi disteso con gli abitanti coinvolti dalle trasformazioni legate all`attivit di cantiere. Penso prima di tutto a un`informazione chiara e corretta sulla programmazione e sul tipo di attivit previste, ma anche al doveroso impegno teso a evitare ogni tipo di inquinamento, contenendo i rumori, riciclando i materiali di scarto e evitando assolutamente di accumulare rifiuti o di disperderli nell`ambiente. Anche la polvere prodotta dalle operazioni di costruzione dovrebbe essere ridotta il pi possibile. Questo significa prima di tutto garantire che ogni singola operazione si svolga in piena sicurezza, a cominciare dallo spostamento di macchinari pesanti e di grandi dimensioni, che richiede competenza e cautela. Il problema della sostenibilit ambientale sfiora anche il settore della coltivazione mineraria di cava. L`attivit di produzione di aggregati in cava - spiega Francesco Castagna, direttore di Anepla, l`associazione nazionale produttori estrattori lapidei e affini - caratterizzata dalla trasformazione, tramite attivit di frantumazione, selezione e lavaggio, di sostanze minerali naturali. Essa non implica quindi, in via generale n la produzione di rifiuti, n il rilascio di emissioni nocive o grandi consumi energetici. Ugualmente non pone problemi il trattamento delle acque residue, che contengono solo solidi in sospensione e sono prive di altre sostanze innunanti. Peraltro si tratta di una attivit che implica una trasformazione, almeno provvisoriamente, delle caratteristiche geomorfologi- che del territorio e questo implica la necessit di grande attenzione e competenza in sede di progettazione. L`esercizio della attivit estrattiva - continua Castagna - sottoposta al rispetto di un insieme di norme e regole tecniche molto stringenti. Le prestazioni ambientali di una cava sono costantemente oggetto di controllo. L`aspetto di maggior interesse sul fronte della tutela ambientale per legato al fatto che gli interventi di mitigazione del`impatto e di riqualificazione delle aree al termine dell`esercizio della attivit sono elementi imprescindibili del progetto di coltivazione e sui quali poggia il rilascio del provvedimento di autorizzazione. Ci risulta a maggior ragione vero per le cave di maggiori dimensioni che sono sottoposte, in aggiunta, anche a procedura di Impatto ambientale. Servono ulteriori cautele? Incrementare il ricorso ai sistemi di certificazione ambientale, elaborare degli indicatori di sviluppo sostenibile che possano essere d`ausilio, favorire un maggior sviluppo del riciclaggio anche con una normativa pi chiara, creare percorsi e strumenti di concertazione tra pubblico e privato pi efficaci, specie per quanto concerne lo sviluppo delle enormi possibilit, anche di interesse pubblico, legate alla destinazione finale delle aree recuperate. (e. mar.) L`attivit estrattivi sottoposta a contro) impegnati costanti e costa PERFORAZIONE Quel "business del sottosuolo" decisivo per gli appalti pubblici 1 settore della perforazione rappresentato dalle imprese specializzate in lavori del sottosuolo. Si tratta di un business strettamente legato alle normative che regolano gli appalti pubblici, sia straordinarie che strategiche. L`organizzazione di riferimento per il settore l`Aif(Assocazone italiana fondazioni), che fa parte dell`Ance (Associazione nazionale costruttori edili). L` organzzazone impegnata soprattutto in progetti di formazione e aggiornamento professionale delle risorse umane, con l`obiettivo di migliorare gli standard di sicurezza e la capacit di innovazione. Dal punto di vista degli operatori, la perforazione comprende tutti coloro che producono macchinari legati al trivellamento sia per l`estrazione di materiale solido e liquido, sia per la costruzione di tunnel, pozzi e impianti. Il settore merceologico di riferimento comprende apparecchi e impianti di perforazione, tunnel e gallerie, battipali, escavazione trincee, impianti idraulici avanzamento tubazioni, apparecchi per manutenzione canali, risanamento e riparazione fognature, perforazione per tiranti d`ancoraggio, componenti ed accessori. STRADALE Possibile identificare le produzioni realizzate secondo le regole europee pianti e antiere uno dei principali business. Il comparto stradale comprende importatori, distributori, costruttori, concessionari e noleggi di macchine la costruzione e l`asfaltatura delle strade, oltre che gli appaltatori di opere pubbliche e le aziende private che si occupano di strade. Per quanto riguarda i prodotti, del settore fanno parte le macchine pavimentazioni stradali, i rulli compressori, le strumentazioni perla riparazione e la manutenzione strade, i sistemi di controllo, i componenti e accessori di vario tipo. L`associazione di riferimento per gli operatori di settore la Siteb (Associazione italiana bitume e asfalto stradale), che fornisce le linee guida per il comparto, in collaborazione con l`uni. Negli ultimi anni il settore si rinnovato per far fronte alle nuove normative nazionali in tema di sicurezza sul lavoro e a quelle comunitarie riguardanti la qualit dei prodotto. Tra le ultime innovazioni introdotte, la marcatura CE delle miscele luminose, che identificher le produzioni realizzate secondo standard europei. nz, , _, a di im- CALCESTRUZZO SOLLEVAMENTO Prodotti sempre migliori Campagne di sensibilizzazione e caccia ai mercati emergenti per ridurre qualsiasi tipo di rischio D a una parte gli investimenti in tecnologia per migliorare la qualit del prodotto in termini di resa e di durata, dall`altra l`espansione internazionale alla ricerca di quote crescenti nei mercati emergenti. Gli operatori italiani del calcestruzzo stanno vivendo una fase di grande vitalit e sono stati tra i prime ad adeguarsi alla nuova normativa sulle costruzioni, che ha introdotto una nuova regolamentazione in merito alle certificazioni e ai sistemi di sicurezza. Nel settore operano tutte le aziende produttrci ed utilizzatric dei prodotti legati a questo campo come calcestruzzo preconfezionato e prefabbricato, cemento armato, impianti di betonaggio e strutture in cava. Per estensione, si considerano parte del segmento anche le aziende che realizzano impianti di betonaggio, macchine per il calcestruzzo, pompe, compattatori, macchine e impianti per il cemento armato, casseforme, impalcature, sistemi di controllo e accessori. Il riferimento di settore l`Atecap, Associazione tecnico economica del calcestruzzo confezionato. Aisem (Associazione Italiana Sisterni di sollevaL mento, elevazione e movimentazione) e la Ucomesa (Unione costruttori macchine edili, stradali, minerarie ed affini) sono le organizzazioni del settore del sollevamento. Un comparto che comprende e racchiude tutti i mezzi e gli utilizzatori dei veicoli ad accesso aereo e piattaforme di lavoro mobili elevabili. La merceologia rguarda macchinari per il sollevamento, gru, autogru, movimentazione ed accessori. Ogni macchinario si differenzia, poi, per tipo di piattaforme, bracci, nastri, benne ed ascensori. La delicatezza del settore e l`allarme sicurezza hanno spinto l`Aisem a incrementare le campagne di sensibilizzazione per gli operatori del settore. La formazione riguarda sia quella operativa - ci sono diverse tipologie di macchine, ciascuna con caratteristiche proprie - , sia gli aspetti legali, tecnici e commerciali, oltre a legislazioni e regolamenti. Per quanto riguarda quest`ultimo punto, i problemi principali sorgono per la presenza di alcune contraddizioni a livello legislativo che complicano l`applicazione dei dispositivi normativi.



news

13-10-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 13 ottobre 2019

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

Archivio news