LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

ROMA - in apertura lo mostra su Sebastiano Del Piombo
CLAUDIO STRINATI
04 febbraio 2008, LA REPUBBLICA

LA PENOMBRA E IL BUIO NELLA CITT DEI PAPI

A Palazzo Venezia si sta per aprire la prima rassegna monografica sul pittore veneziano Fu a Roma per che visse la sua stagione pi fertile e qui raggiunse la sua pienezza artistica



Giorgione ha avuto molti allievi e seguaci. Uno di questi stato Sebastiano Luciani, passato alla memoria della storia con il nome di Sebastiano del Piombo. Insieme con Michelangelo, Raffaello, Leonardo da Vinci, un "grande" del Rinascimento, rivalutato nel corso dei secoli dalla critica, ma ancora poco noto al grande pubblico e che per questo sar il protagonista di unimportante esposizione, la prima a lui dedicata, in tempi moderni, che si svolger dall8 febbraio prossimo a Palazzo Venezia di Roma (fino al 18 maggio) per poi spostarsi alla Gemaldegalerie di Berlino (dal 28 giugno al 28 settembre).
Sebastiano comp un tragitto emblematico da Venezia a Roma. Finch fu a Venezia assimil tutti i comportamenti e tutti gli aspetti pi tipici di un ambiente laico e progressista; trasferitosi a Roma, divenne linterprete pi scrupoloso del Rinascimento contraddittorio e travagliato vigente nella Curia Papale. Il suo stesso epiteto, "del Piombo", passato poi a designarlo definitivamente, viene dalla sua vita professionale allinterno della Curia. Era entrato a lavorare in Vaticano come alto funzionario responsabile dellufficio della cosiddetta "piombatura" apostolica, un settore di alta rappresentanza dove venivano registrati e inventariati gli atti ufficiali, una sorta di protocollo delle delibere papali, di quella che oggi potremmo definire la Segreteria di Stato. Come Sebastiano avesse ottenuto un incarico del genere non affatto chiaro. Certo era una persona in grado di farsi apprezzare se si pensa che a Roma il primo incarico importante, nella sua professione di artista stimatissimo, gli venne dal principale committente attivo nella Citt Eterna, Agostino Chigi, il banchiere del Papa e uno degli uomini pi ricchi del suo tempo. Agostino comandava su tutti e, per ci che atteneva alla cultura e allarte, comandava perfino sul Papa. Era lui che, meglio di ogni altro, poteva costruire la carriera di un artista, e i lavori fatti da Sebastiano del Piombo nella villa Chigi sul Tevere, oggi nota col nome di Farnesina, giustificarono la stima riposta in lui dal finanziere. Che, quando decise di regolarizzare la sua situazione di convivente, pretese di celebrare le nozze riparatrici nella sua Villa e come celebrante volle Leone X il Papa Medici figlio di Lorenzo il Magnifico, e il Papa and nella Villa con tutto il codazzo dei cardinali e celebr il matrimonio sotto le volte della Loggia che Raffaello Sanzio, il primo pittore di Roma e del mondo, si era affrettato a affrescare con le storie di Amore e Psiche. Era il 1519 e Sebastiano del Piombo teneva Raffaello sotto attenta osservazione perch ormai la rivalit tra i due era esplosa in tutta la sua evidenza.
Sebastiano e Michelangelo. Agostino ormai aveva abbandonato il maestro veneto e tutta la sua stima si era riversata su Raffaello. Di contro Sebastiano si era spostato nel campo avverso e da anni era considerato un po da tutti il migliore amico di Michelangelo Buonarroti. Certo che fra i due ci fu unamicizia strettissima, improntata ad unaffettuosit inconsueta, se si pensa soprattutto al carattere burbero del Buonarroti. Tutti sapevano che Michelangelo incontrando per la strada Leonardo da Vinci neanche lo salutava e tutti sapevano che Michelangelo detestava il giovane urbinate Raffaello che in pochi anni era riuscito a scalzarlo dalla posizione di artista sovrano e sapeva come lusingare i potenti. Michelangelo non lo sapeva ma aveva la chiara sensazione che bisogna attrezzarsi per mantenere il potere. Bisogna, per esempio, fare squadra e prov a farla anche se non ne era capace. Aveva bisogno di avere vicino a s dei fedeli seguaci, degli allievi che lo assistessero e propagassero la sua opera.
Aveva pensato che Sebastiano Luciani, il veneto che manifestava un enorme talento per la pittura e un immenso rispetto per lui, fosse la persona adatta. Cominciarono a fiorire le leggende. Si diceva che Sebastiano, proprio perch allievo di Giorgione, in realt non sapesse disegnare sul serio e quindi non fosse in grado di concepire vere e proprie composizioni pittoriche. Si diceva che Michelangelo avesse preso a ben volere Sebastiano e che lo aiutasse segretamente. Gli forniva disegni e lo sosteneva per fargli ottenere incarichi. Proprio le cose migliori che Sebastiano tirava fuori erano gravate da questo sospetto. Michelangelo gli guidava la mano. E lo guidava anche nelle cose della vita in generale.
A Viterbo Sebastiano aveva ricevuto lincarico di fare una maestosa Piet per la chiesa di San Francesco della Rocca. Era un capolavoro ma correva voce che il disegno del mirabile corpo del Cristo morto lo avesse fatto Michelangelo e Sebastiano lo avesse dipinto con lo scrupolo e la competenza che gli venivano comunque riconosciuti. Poi Raffaello era morto a trentasette anni nel 1520 e Michelangelo aveva cercato di inserire subito Sebastiano tra coloro che sarebbero stati incaricati di completare le cose lasciate incompiute dallurbinate, ma senza risultato. E senza risultato era rimasta anche la strana gara che il cardinale Giulio de Medici aveva indetto poco tempo prima proprio tra Raffaello e Sebastiano.
Dalla corte papale alla malinconia. La famiglia Medici teneva rapporti privilegiati con la Francia e Giulio volle approfittare delloccasione per dare un segno della potenza artistica di Roma. Volle che venisse fatta la pi bella pala daltare delluniverso e collocata nella sua chiesa a gloria sua, dellItalia e della forza della Chiesa nel contesto internazionale. Lutero aveva appena proclamato la condanna al Papa, a Roma, e al culto pagano dellarte messa al posto della coscienza e della fede in Cristo. Su un punto le obbiezioni di Lutero alla Curia romana apparivano condivisibili per tutti. La chiesa costituita nel nome di Cristo lo aveva dimenticato e larte ne era la prova tangibile. Con tanti lavori immani che si stavano facendo negli ultimi venti anni tra architetture colossali, sculture monumentali, dipinti, affreschi, codici miniati, oggetti liturgici, nessuno si ricordava mai di rappresentare limmagine del Redentore. Michelangelo, certo, aveva esordito proprio con la Piet e questopera si era impressa nellimmaginario collettivo ma poi anche lui aveva pensato ad altro.
Era rimasto solo Sebastiano del Piombo a proporre ogni tanto largomento principe della cristianit. Sebastiano si era distinto, in questo senso, per un lavoro destinato a diventare a suo volta un simbolo dei tempi nuovi, quando nel 1516 e il 1524 aveva dipinto la cappella dei signori Borgherini nella chiesa romana di San Pietro in Montorio. Qui il tema del Cristo era ritornato nellarte romana in tutta la sua potenza e suggestione.
Ancora una volta era girata la solita voce. Michelangelo gli avrebbe dato i disegni per dipingere sul muro della cappella la Flagellazione di Cristo. Sebastiano sapeva usare la tecnica dellolio sul muro quasi sconosciuta ai pittori romani che lavoravano laffresco e aveva lasciato sbalorditi i primi osservatori per la magnificenza del risultato. Lo si pu vedere ancora oggi anche se va ricordato come lolio sul muro tenda a scurire enormemente. che Sebastiano voleva dipingere "scuro" e questo fatto non dipendeva da Michelangelo ma dalla sua ispirazione. Quando la cappella Borgherini fu compiuta si cap un po meglio chi fosse Sebastiano del Piombo. Il disegno era gigantesco e solido ma le immagini apparivano meste e frustrate come se un velo di possente malinconia fosse stato calato sulla sacra rappresentazione. Si capiva meglio lintenzione del maestro. Era quella di entrare nella dimensione del buio e della notte quando tutto ancora pu essere visto ma sta sprofondando nelloscurit. Gli storici del futuro avrebbero potuto cos interpretare lintera sua parabola in questa chiave.
La gara con Raffaello. A quel punto il cardinale Giulio de Medici lo chiam e gli chiese di fargli il quadro per la cattedrale di Narbonne ma lo avvert che la stessa cosa aveva chiesto a Raffaello. Poi avrebbe scelto il migliore. Questa, almeno, la leggenda. Nessuno vinse la gara ma i due quadri rimasero a maggior gloria dellarte in s. Il quadro di Sebastiano ora a Londra nella National Gallery e rappresenta la Resurrezione di Lazzaro. Il quadro di Raffaello ai Musei Vaticani e rappresenta la Trasfigurazione di Cristo. Il quadro di Raffaello il regno della luce e quello di Sebastiano quello della tenebra. Per da un punto di vista ideale Sebastiano aveva vinto la gara ancor prima di cominciarla. Lultimo incarico fu la Nascita della Vergine per la chiesa di Santa Maria del Popolo. Una enorme pala daltare da dipingere su lastre di ardesia con la tecnica della pittura a olio. Una vera sfida perch in quel modo il colore pu resistere bene al passare del tempo. Mor nel 1547 a sessantadue anni senza essere riuscito a portare a termine la sua ultima fatica.






news

18-10-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 ottobre 2019

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

Archivio news