LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Quando a Milano si progettava
di Luciana Baldrighi
luned 04 febbraio 2008, IL GIORNALE



Il volume Il territorio dellarchitettura di Vittorio Gregotti (Feltrinelli, pagg. 190, euro 11), scritto 40 anni fa, oggi ripresentato con unintroduzione ad hoc di Umberto Eco, riflette pi che mai la tematica dellarchitettura specifica legata al territorio.

Non si pu rivoluzionare la societ per mezzo dellarchitettura. Per potremmo comunque risolvere questultima. Questo il nostro compito come architetti. Con queste parole Vittorio Gregotti cerc di spiegare che cosa fosse la cosa in cui si incarna larchitettura e come il progettare si inserisse in quel discorso che riguarda il sociale, la comunit il nostro modo di essere.

Il volume rimane di interesse assoluto perch negli anni Sessanta si cercava, anche ingenuamente con grande fervore intellettuale, di trovare una risposta alla modernit, a come le citt si dovessero evolvere in unItalia che passava improvvisamente dalla societ agricola a quella industriale. Non un caso che il testo, quarantanni dopo il problema, rimane sul tappeto, posto esattamente come lo fu nel 1966, e che uno studioso del calibro del professor Vittorio Gregotti, docente di progettazione architettonica prima a Milano, poi a Palermo e infine a Venezia, ex direttore di Casabella e di Edilizia Moderna e noto architetto di fama internazionale, abbia recuperato quel suo testo.

Nel volume, come sottolinea nella prefazione Umberto Eco, Gregotti cerca disperatamente di resistere ai bilanci e spera di riuscire a vivere abbastanza a lungo per fare esperienze nuove e diverse, capaci di dare un senso pi preciso alle cose e ai sentimenti (persino quelli legati allabitare): un filosofia condivisa con il noto scrittore e semiologo.

Al di l della testimonianza storica il senso del testo di Gregotti va ricercato nelle sue opere, nei suoi lavori di architettura di questi quarantanni, con tutte le loro positive ambiguit e con i piccolissimi frammenti di verit che da esse, talvolta, emergono.

Un testamento che non lascia dubbi su ci che stato il dibattito culturale italiano degli anni Sessanta, i riferimenti al battito strutturalista in corso allora in Francia e laggiornamento di certi problemi di moda. Il sogno leonardesco dellarchitetto degli anni Cinquanta e latmosfera interdisciplinare e critica della nuova avanguardia.



Gregotti ha saputo cercare i punti di congiunzione che esistono sia sul piano dellarchitettura, sia su quello dellurbanistica; tanto su quello del disegnatore industriale, quanto su quello grafico, pubblicitario ed editoriale.

Nel libro Gregotti spiega perch il problema architettonico si inserisca tanto nettamente in quello del territorio della citt, del paesaggio, del tessuto regionale. Larchitettura degli anni Cinquanta non si poneva il problema della citt, ma il suo volume gi allora si poneva la questione dei confini disciplinari. Restano i tentativi di comunicazione globale degli anni Sessanta.

Erano i tempi in cui Umberto Eco e Vittorio Gregotti collaboravano strettamente alla Triennale di Milano per unesposizione di arti applicate. Erano gli anni doro del design industriale italiano che, dalle automobili fino alle macchine da scrivere, ai portaceneri o alle posate, dal cucchiaio alla citt, lItalia si imponeva nel mondo e lanciava i suoi prodotti come opere darte culminate nei musei di New York.

A chiamare in causa le nuove utopie erano gli architetti riuniti intorno alla Triennale, come il Gruppo 63: Lucio Del Pezzo mostrava su grandi quadri testi di Antonio Gramsci, Enrico Baj faceva da contrappunto con robot fatiscenti; non mancavano riflessioni sul gioco di Shiller. Larchitettura rappresentava un modo di costruire un senso. Scrittori, romanzieri, poeti e artisti come Fontana facevano studi che andavano di pari passo con il paesaggio e ledificio. Lo scopo, ieri come oggi, affrontare questa grammatica del tessuto urbano interconnesso al linguaggio sociale e a quello delle scienze: nozioni necessarie per una lingua da comunicare, larchitettura.



news

13-10-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 13 ottobre 2019

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

Archivio news