LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

NIZZA Dove sono finiti gli antichi coppi del Foro boario?
01 FEBBRAIO 2008, LA STAMPA

NIZZA. INTERPELLANZA DELLOPPOSIZIONE


Dove sono finiti gli antichi coppi del Foro boario?. Se lo chiedono i consiglieri di minoranza Pietro Lovisolo, Gabriele Andreetta, Marco Caligaris e Carlo Lacqua (Nizza Nuova), a pochi giorni dalla conclusione del rifacimento del tetto dellAla di piazza Garibaldi. Il dubbio che le vecchie tegole siano state sostituite da nuove diventa anche oggetto di uninterpellanza, in cui i quattro dellopposizione chiedono se ledificio sia sottoposto a vincolo dalla Soprintendenza per i Beni architettonici e quali siano i criteri per cui sia stata scelta una copertura con coppi visibilmente diversi dagli originali. Linterrogazione sar allordine del giorno del prossimo Consiglio comunale, ma la replica del sindaco Maurizio Carcione non si fa attendere: I coppi non sono stati sostituiti - garantisce il primo cittadino - sono gli stessi di centanni fa: solo sono stati puliti e restaurati. Alla minoranza consiglio di informarsi prima di parlare e firmare delle interrogazioni. La polemica per, va ben oltre il tetto e investe anche il futuro utilizzo del Foro. Dopo il restauro, sempre secondo la minoranza, il rischio che lAla rimanga una bella scatola vuota. Lo sbaglio - accusa Caligaris - aver chiuso la struttura con le vetrate. Si poteva restaurare ma lasciandolo aperte in modo da poterlo utilizzare per le bancarelle del mercatino dellantiquariato, per la fiera del bestiame e per le tante altre iniziative di Nizza. Cosa ce ne faremo di una sala congressi con tante belle sedie?. Ricorda il consigliere di minoranza: Avevamo proposto di fare l la sede del Museo del Gusto, invece che a Palazzo Crova: nessuno ci ha ascoltati. E poi si potevano usare un po di soldi per restaurare anche gli altri due edifici fatiscenti della piazza: la casetta della Pro loco e i bagni pubblici. Per il sindaco, il cosa fare del Foro si decider solo dopo la fine del restauro, verso fine primavera: Stiamo ragionando su quale sar il futuro uso dellAla - annuncia - per ora, siamo orgogliosi di aver realizzato un sogno della citt: dare nuova vita al simbolo di Nizza. Il nuovo Foro, progettato dagli architetti Laura Secco e Ezio Bardini, e dellingegnere Giorgio Colletti, sar diviso in due ali (una per i congressi, laltra per le manifestazioni) e una stanza per lufficio turistico.
In tutto mille metri quadri coperti con 40 grandi arcate in muratura, chiuse da vetrate. Il restauro costato un milione 154 mila euro, di cui 864 mila finanziati dalla Regione, 75 mila dalla Fondazione Cr Asti e 215 mila dal Comune.fine: FAMMUS



news

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

25-07-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 luglio 2020

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

Archivio news