LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Tesoro illegale in casa: sequestrato Vasi e gioielli antichi scoperti dalla polizia chiamata per un furto
SABATO, 02 FEBBRAIO 2008 il Tirreno - Livorno

Livorno: la proprietaria aveva chiesto aiuto agli agenti, che per si sono accorti che si trattava di materiale clandestino



--------------------------------------------------------------------------------

LIVORNO. Aveva in casa un vero e proprio tesoro in vasi, monete e gioielli antichi, sia etruschi che romani, e quando ha subito un tentativo di furto, ha chiamato la polizia. Peccato per la signora in questione che gli agenti si siano accorti che si trattava di materiale clandestino, tanto che alla fine le hanno sequestrato tutto quanto. Loperazione stata illustrata ieri mattina alla questura di Livorno, dove i dirigenti hanno mostrato i reperti sequestrati, oggetti che, seppure al mercato nero, hanno un valore venale altissimo: si tratta di centinaia di migliaia di euro.
In particolare si tratta di 10 bellissimi vasi, otto etruschi (di et villanoviana) e due romani, con scene mitiche dipinte in nero su sfondo rosso od ocra. Insieme ai vasi sono state sequestrate 70 splendide monete romane, in bronzo ed argento, quasi tutte di et imperiale, ma anche uno splendido esemplare di moneta repubblicana, con la lupa e la scritta S.P.Q.R.. Oltre a questo sono stati sequestrati 60 gioielli, anelli, spille fibule, in bronzo, anche questi di squisita fattura. Inoltre alcune statuette, lampade, unanfora ed altri oggetti della stessa epoca. Tutto materiale che, a parte un paio di bronzetti, sembra autentico.
La polizia livornese ha spiegato il modo a dir poco singolare in cui ha scoperto il museo clandestino nellabitazione di unimprenditrice di 46 anni, nel quartiere Fabbricotti. Tutto inizia negli ultimi giorni di dicembre, quando la signora sub un tentativo di furto. Limprenditrice si accorse che qualcuno aveva provato ad entrare in casa sua, e chiam il 113: Aiuto, venite, ho paura ad entrare in casa da sola, potrebbero esserci i ladri ancora dentro.
Una volante accorse e i poliziotti entrarono nellappartamento: dei ladri nessuna traccia. In bella mostra, per, in alcune eleganti bacheche e mensole ricavte nel muro, cerano gli splendidi reperti archeologici. Il caso volle poi che uno degli agenti entrati nella casa fosse un appassionato di arte antica, che riconobbe subito gli oggetti come pezzi di enorme valore storico.
Lagente spieg ai superiori che gli sembrava strano che in unabitazione ci fossero quegli oggetti, e che la cosa non gli era sembrata regolare. Questi beni, infatti, non si possono comperare, ma solo ricevere per eredit. A quel punto partirono le indagini: la polizia, per prima cosa, ha contattato la Soprintendenza ai beni artistici e storici, chiedendo se gli risultassero notizie di quel materiale archeologico. La Soprintendenza ha risposto che non solo non gli risultava alcun materiale in deposito legittimo a quellindirizzo, ma nemmeno a nome di quella persona.
A quel punto la polizia ha deciso di passare allazione: con il mandato di perquisizione ieri mattina gli agenti delle volanti e della squadra mobile si sono presentati alla porta dellimprenditrice e gli hanno contestato lillecita detenzione del materiale archeologico. La signora, a dir poco sopresa, si giustificata dicendo che si trattava di oggetti che erano stati acquistati durante diversi anni dal marito, un imprenditore livornese di 50 anni, che attualmente risiede ad un altro indirizzo. Il marito stato subito contattato, ed ha spiegato di aver comprato alcuni oggetti allasta di eBay su internet, e di avere le ricevute di altri.
Spiegazioni che non sono bastate ad evitare il sequestro: tutto il materiale stato portato in questura, mentre limprenditrice stata denunciata per ricettazione.



news

13-10-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 13 ottobre 2019

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

Archivio news