LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Tesoro illegale in casa: sequestrato Vasi e gioielli antichi scoperti dalla polizia chiamata per un furto
SABATO, 02 FEBBRAIO 2008 il Tirreno - Livorno

Livorno: la proprietaria aveva chiesto aiuto agli agenti, che per si sono accorti che si trattava di materiale clandestino



--------------------------------------------------------------------------------

LIVORNO. Aveva in casa un vero e proprio tesoro in vasi, monete e gioielli antichi, sia etruschi che romani, e quando ha subito un tentativo di furto, ha chiamato la polizia. Peccato per la signora in questione che gli agenti si siano accorti che si trattava di materiale clandestino, tanto che alla fine le hanno sequestrato tutto quanto. Loperazione stata illustrata ieri mattina alla questura di Livorno, dove i dirigenti hanno mostrato i reperti sequestrati, oggetti che, seppure al mercato nero, hanno un valore venale altissimo: si tratta di centinaia di migliaia di euro.
In particolare si tratta di 10 bellissimi vasi, otto etruschi (di et villanoviana) e due romani, con scene mitiche dipinte in nero su sfondo rosso od ocra. Insieme ai vasi sono state sequestrate 70 splendide monete romane, in bronzo ed argento, quasi tutte di et imperiale, ma anche uno splendido esemplare di moneta repubblicana, con la lupa e la scritta S.P.Q.R.. Oltre a questo sono stati sequestrati 60 gioielli, anelli, spille fibule, in bronzo, anche questi di squisita fattura. Inoltre alcune statuette, lampade, unanfora ed altri oggetti della stessa epoca. Tutto materiale che, a parte un paio di bronzetti, sembra autentico.
La polizia livornese ha spiegato il modo a dir poco singolare in cui ha scoperto il museo clandestino nellabitazione di unimprenditrice di 46 anni, nel quartiere Fabbricotti. Tutto inizia negli ultimi giorni di dicembre, quando la signora sub un tentativo di furto. Limprenditrice si accorse che qualcuno aveva provato ad entrare in casa sua, e chiam il 113: Aiuto, venite, ho paura ad entrare in casa da sola, potrebbero esserci i ladri ancora dentro.
Una volante accorse e i poliziotti entrarono nellappartamento: dei ladri nessuna traccia. In bella mostra, per, in alcune eleganti bacheche e mensole ricavte nel muro, cerano gli splendidi reperti archeologici. Il caso volle poi che uno degli agenti entrati nella casa fosse un appassionato di arte antica, che riconobbe subito gli oggetti come pezzi di enorme valore storico.
Lagente spieg ai superiori che gli sembrava strano che in unabitazione ci fossero quegli oggetti, e che la cosa non gli era sembrata regolare. Questi beni, infatti, non si possono comperare, ma solo ricevere per eredit. A quel punto partirono le indagini: la polizia, per prima cosa, ha contattato la Soprintendenza ai beni artistici e storici, chiedendo se gli risultassero notizie di quel materiale archeologico. La Soprintendenza ha risposto che non solo non gli risultava alcun materiale in deposito legittimo a quellindirizzo, ma nemmeno a nome di quella persona.
A quel punto la polizia ha deciso di passare allazione: con il mandato di perquisizione ieri mattina gli agenti delle volanti e della squadra mobile si sono presentati alla porta dellimprenditrice e gli hanno contestato lillecita detenzione del materiale archeologico. La signora, a dir poco sopresa, si giustificata dicendo che si trattava di oggetti che erano stati acquistati durante diversi anni dal marito, un imprenditore livornese di 50 anni, che attualmente risiede ad un altro indirizzo. Il marito stato subito contattato, ed ha spiegato di aver comprato alcuni oggetti allasta di eBay su internet, e di avere le ricevute di altri.
Spiegazioni che non sono bastate ad evitare il sequestro: tutto il materiale stato portato in questura, mentre limprenditrice stata denunciata per ricettazione.



news

10-08-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 10 agosto 2020

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

Archivio news