LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

BOLOGNA - Dietro le quinte dell´Arte Povera Libri, cartoline, timbri e manifesti raccontano la "rivoluzione"
PAOLA NALDI
SABATO, 02 FEBBRAIO 2008 LA REPUBBLICA - Bologna




Al Civico Archeologico fino al 24 febbraio si possono persino ascoltare (in cuffia) le voci dei protagonisti




--------------------------------------------------------------------------------

SE non ci fosse stata la fotografia e fermare le immagini di performance e azioni, se non ci fossero stati i programmi estetici degli artisti e i cataloghi a documentare le mostre, rimarrebbe ben poco oggi dell´arte contemporanea che si sviluppò alla fine degli anni Sessanta. Invece un capitolo di quell´esperienza, l´Arte Povera, torna a rivivere e ad emozionare proprio grazie a queste testimonianze, presentate nell´esposizione «Libri e documenti. Arte Povera 1966-1980», allestita fino al 24 febbraio al Museo Archeologico (orario martedì-venerdì 9-15, sabato e festivi 10-18.30). Evento promosso, in occasione di Arte Fiera, dal Comune di Bologna in collaborazione con Corraini Edizioni di Mantova, curatori anche del catalogo.
La selezione dei lavori è di Giorgio Maffei che al tema ha dedicato studi recenti. Non ci sono le opere (gli specchi di Giulio Paolini, l´igloo di Mario Merz o i tappeti di cotone con lettere di Alighiero Boetti, i legni di Jannis Kounellis, le sculture di Giovanni Anselmo, il «mare» di Pino Pascali o le invenzioni di Pier Paolo Calzolari) ma fotografie e video che le raccontano, magari nel momento in cui vengono allestite negli spazi espositivi. Ci sono le voci degli artisti registrate per le interviste (da riascoltare con le cuffie) e i loro ritratti: scatti in bianco e nero realizzati dai fotografi che al tempo condividevano con loro esperienze e spazi, Paolo Mussat Sartor e Mimmo Jodice a Napoli, Claudio Abate a Roma, Giorgio Colombo a Milano e alle grandi manifestazioni come la Biennale di Venezia o Documenta a Kassel, e poi Ugo Mulas, Gianfranco Gorgoni. Alla fine non si sente la mancanza dei grandi lavori che al tempo rivoluzionarono il linguaggio dell´arte; lo spirito di allora emerge comunque, la forza innovativa traspare ugualmente dalle riviste, dai manifesti, dagli inviti per le inaugurazioni delle mostre.
A definire la portata di questo fenomeno tutto italiano ci sono le teorie dei critici, che si possono leggere nelle riviste originali chiuse nelle teche. Accanto ad una sezione speciale, la più consistente, che riguarda i così detti libri d´artista: opere visive e riflessioni estetiche al contempo. «Il libro d´artista per sua stessa natura sfugge alle categorie estetiche tradizionali - spiega il curatore in catalogo - . Consente all´artista, talvolta più della pittura, della scultura o dell´installazione, un´analisi interiore, un esercizio formale o narrativo, una sospensione della fatica creativa a favore di una disciplina riflessiva sui significati del proprio lavoro». Riflessioni che, come dimostra il materiale esposto in questa occasione, si riversarono poi su volantini, locandine, timbri, cartoline e perfino giochi.



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news