LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Opificio, Bruno Santi verso le Soprintendenza
Marco Ferri
Il Giornale della Toscana, 31 gennaio 2008

Mentre il governo Prodi, ancorch sfiduciato, sta esalando i suoi ultimi respiri, la geografia degli organi periferici del Ministero per i beni e le attivit culturali (e relativi dirigenti) sta cambiando notevolmente. E dal momento che le poltrone dei vari soprintendenti sono molto ambite, sar interessante assistere alla risistemazione dei ruoli uno dei quali - la soprintendenza dellOpificio delle Pietre Dure di Firenze - pare ormai nelle mani di Bruno Santi. Ma vediamo che cosa sta accadendo. In Italia esistono4 poli museali (Firenze, Roma, Napoli e Venezia), un numero di soprintendenze che tutelano i beni architettonici (Palazzi, Monumenti etc..) e altre che tutelano i beni mobili del territorio, cio i beni artistici. Questi ultimi due tipi di soprintendenze in qualche caso sono miste, cio una sola soprintendenza si occupa sia dei beni architettonici sia di quelli artistici. Mentre in tutta Italia questa anomalia va scomparendo, inspiegabilmente in Toscana - dove la tutela la valorizzazione e lo studio dei beni culturali innegabilmente pi importante che altrove - le soprintendenze miste aumentano, evidentemente a scapito della razionalizzazione del sistema. AdArezzo si sono aggiunte, infatti, le miste di Lucca e MassaCarrara, di Pisa e Livorno e adesso di Firenze, Prato e Pistoia, con lesclusione di Firenze capoluogo, i cui beni artistici dal primo gennaio sono passati sotto la tutela del Polo museale fiorentino. Tra coloro che fanno le spese di questa nuova geografia dei beni culturali in Toscana c Bruno Santi, soprintendente per i beni artistici di Firenze (solo la provincia), Prato e Pistoia. Il suo ruolo pare abbia le ore contate e che le sue competenze passino alla collega Paola Grifoni (responsabile dei beni architettonici di Firenze, Prato e Pistoia) non ancora detto. Paola Grifoni infatti non essendo ancora vincitrice di concorso e avendo un contratto esterno, potrebbe anche non rimanere in quellincarico. A tutto ci si aggiunge lidea del (quasi ex) sottosegretario per i beni culturali, Andrea Marcucci, di destinare Santi alla guida dellOpificio per i prossimi tredici mesi che gli mancano alla pensione, ipotesi che sta prendendo campo e che trova daccordo anche la direzione regionale toscane (Lolli Ghetti) e i sindacati. Permesarebbe un grande onore - ha detto Santi - e si tratterebbe di un ritorno perch da funzionario vi ho gi lavorato nel 1981-1982, allepoca di Umberto Baldini. Certo che per ora non ho ricevuto alcuna comunicazione ufficiale dal Ministero e, sinceramente, mi piacerebbe sapere dove trascorrer il mio ultimoanno di servizio. Posso solo dire che in tutti questi anni ho assistito a un fenomeno quantomenostrano.Daquando, nel 1974, lonorevole Spadolini guid per primo il ministero per i beni culturali, fino al 2001 non vi era stata alcuna riforma. Poi, negli ultimi sette anni, le riforme che si sono succedute sono addirittura tre. Forse c qualcosa che non va per il giusto verso. Dal punto di vista strettamente personale - ha concluso Bruno Santi - anche se mi manca poco pi di un anno alla fine del mio servizio, posso dire che mi piacerebbe essere ricordato come una persona che ha sempre cercato di far lavorare bene gli uffici dove si trovava. Il direttore regionale per i beni culturali della Toscana, Mario Lolli Ghetti, ha definito Santi un buon amico, affettuoso, competente e, se fosse destinato alla guida dellOpificio, non avrei niente in contrario. Se ci avvenisse cancellerebbe le speranze dei due nuovi dirigenti toscani freschi di nomina - Isabella Lapi Ballerini e Mario Scalini - e di Fabrizio Vona, il direttore del laboratorio restauri della soprintendenza di Bari-Lecce che si era autocandidato per la poltrona di via degli Alfani.



news

25-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news