LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

VENETO - La Gdf trova e salva un tesoro archeologico
26 GENNAIO 2008, IL GAZZETTINO ONLINE

Una collezione di ben 93 reperti risalenti al VII e IV secolo avanti Cristo, provenienti da Puglia e Basilicata, sono stati ritrovati ad Arcugnano pronti per essere collocati nel traffico illecito



Un autentico tesoro di reperti archeologici , originari dell'antica Daunia, stato scoperto e messo al sicuro dalla Guardia di Finanza di Vicenza. I manufatti, novantatre pezzi in tutto, facevano bella mostra di s in una villa di Arcugnano di propriet di un ingegnere vicentino in pensione, M.R, che ora stato denunciato a piede libero per ricettazione. Il professionista, collezionista a sua volta, aveva allestito una sorta di sala espositiva su un enorme tavolo in una sala della sua abitazione a beneficio degli appassionati che, contattati via telematica, potevano prenderne visione. I pezzi, una volta acquistati, sarebbero stati immessi nel circuito clandestino del traffico illegale nazionale e internazionale di reperti archeologici . Ma per arrivare a luned scorso, giorno in cui i militari delle Fiamme gialle beriche hanno bussato alla sua porta, ci sono voluti alcuni mesi di indagini particolarmente difficili, come ha avuto modo di spiegare ieri mattina il comandante provinciale Antonio Morelli, che hanno richiesto pazienti appostamenti e pedinamenti visto che i canali attraverso cui passano contatti e informazioni per lo smercio illegale di beni archeologici e opere d'arte, sono gestiti da persone assolutamente insospettabili per posizione sociale e professione. Raro quindi riuscire ad intercettare notizie di questi traffici, ma non impossibile come hanno saputo dimostrare i militari e gli ufficiali della Gdf berica che hanno poi dato seguito alle indagini fino a individuare la villa dell'ingegnere che fungeva anche da "deposito" temporaneo dei preziosi reperti. I pezzi, in ottimo stato tranne una splendida stele che stata danneggiata da un maldestro intervento di restauro, sono di enorme pregio, come ha successivamente appurato la Sovrintendenza ai Beni Archeologici di Padova, tanto che per alcuni non possibile nemmeno fare una stima certa. I seicentomila euro determinati dai funzionari della Sovrintendenza come valore ufficiale, erano comunque destinatin a lievitare sul mercato clandestino tanto da poter superare tranquillamente il milione di euro. Si tratta nella maggior parte di vasi, anfore, crateri, steli funerarie, statuette, portaunguenti, lampade ad olio risalenti all'epoca protoromana, cio tra il settimo e il quarto secolo avanti Cristo e provengono da scavi clandestini di siti archeologici , nella maggior parte necropoli non solo della Puglia, in provincia di Foggia e di Bari , nella zona appunto dell'antica Daunia, ma anche della Basilicata. I reperti salvati potrebbero essere a breve esposti in una mostra temporanea a Vicenza grazie ai contatti avviati dal comando provinciale della Guardia di Finanza con i responsabili dei musei vicentini con l'obiettivo di valorizzare la collezione sequestrata a beneficio di tutti, e non solo degli appassionati del genere.
Paola Masera



news

18-08-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 agosto 2019

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

Archivio news