LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

PIEMONTE - La Triennale perde un museo Castagnoli "sfila" la Gam
MARINA PAGLIERI
30 GENNAIO 2008, LA REPUBBLICA, TORINO


Seconda edizione per la Triennale darte contemporanea, dal 6 novembre. Un nuovo curatore, David Birnbaum, che gi ha diretto Constellation per Artissima. Ma un museo in meno, non ci sar la Gam: Non siamo solo un dispensatore di occasioni espositive e di incontri temporanei, dice il direttore Pier Giovanni Castagnoli.


Siamo capitale di tutto, finch ci si dir che dopo 150 anni non lo siamo pi di niente"
"Non siamo solo un dispensatore di occasioni espositive e incontri temporanei"



Il direttore della Gam si chiama fuori dalla Triennale T2. 50 lune di Saturno. E il museo di via Magenta non ospiter, come era successo tre anni fa - nel giardino era esposta una grande scultura gonfiabile del giapponese Takashi Murakami, di cui era allestita una personale alla Fondazione Sandretto, mentre nella manica corta ai piani alti si vedevano le opere dei giovani artisti - nessun lavoro dei 50 e pi partecipanti. Non per polemica, ma perch giunto il momento di dire basta alla successione di eventi e fiere che distolgono il museo dalla sua missione. Quella, appunto, di essere un museo.
Professor Castagnoli, la Gam non partecipa alla Triennale di arte contemporanea, nata tre anni fa con il coinvolgimento di tre musei. Ora ne rimangono due. Perch?
La Gam non c perch credo che i musei debbano avere una loro missione molto chiara e nettamente stabilita, coerente nelle azioni che si debbono attuare per realizzarle. Non ritengo opportuno essere trascinati continuamente su altri terreni da seduzioni che possono apparire attraenti, ma distolgono dagli obiettivi che sono tipici di un museo.
Insomma, a lei questa Triennale non interessa. cos?
Non dico che non mi interessa, diverso. Ci sono due istituzioni, il Castello di Rivoli e la Fondazione Sandretto, che hanno il mandato di agire per la conoscenza dellarte contemporanea. La Gam ha una collezione di 800 e 900, e anche, vero, opere contemporanee: ma non ha come mandato esclusivo di occuparsi dellarte pi recente. Invece si continua a trascinarla da tutte le parti questa Galleria darte moderna, non mi pare vada bene.
In che senso, scusi?
Una volta il design, perch Torino ne la capitale. Unaltra volta c unaltra capitale, di qualcosa daltro. Siamo capitale di tutto, per lo meno fino a quando qualcuno ci dir che dopo 150 anni non siamo pi capitale di nulla. Sia chiaro, non ho alcuna prevenzione, non voglio esprimere un giudizio sulla prima edizione della Triennale, n sulla futura. Solo che sento come estraneo a un museo come la Gam questo compito. Ritengo che prima ne vengano altri.
Quali?
Tanti, ma fondamentalmente quello di essere un museo e un museo sempre pi forte. E non solo un dispensatore di occasioni espositive e di incontri temporanei.
C polemica dunque da parte sua?
No, non c polemica. Hanno tutto il diritto di farla, la Triennale. Ma senza la Gam. Fra qualche tempo si potr giudicare sui risultati che producono luna e laltra scelta, quella del museo che vuole essere museo e quella del museo produttore di eventi. Sembra che si debba fare tutto, andare dietro a tutto.
Dove sta il problema, secondo lei?
Guardi, la Fondazione Torino Musei ha tra i suoi scopi - e questa anche una delle ragioni sostanziali che ha portato alla sua costituzione - quello di operare ed agire per conto di... Di altri, insomma. Ora, la missione della Gam pu anche essere quella di raccogliere raccomandazioni, progetti, suggestioni che arrivano da fuori, ma purch queste siano coerenti con il tracciato programmato dal museo e dal suo direttore.
Manca questa coerenza, secondo lei?
Lo statuto della Fondazione Torino Musei felicemente monocratico, non sono lunico ad averlo fatto notare. Come gi rilevato dai consiglieri della stessa Fondazione, ma anche in Comune in quinta commissione cultura, i poteri stanno nelle mani solo del presidente e del segretario generale. Credo che questo statuto vada modificato, che si debba ristabilire un pi virtuoso rapporto tra responsabilit e poteri, tra le figure che agiscono allinterno della fondazione: ovvero, la presidenza, la segreteria generale, il consiglio di amministrazione, il comitato scientifico e le direzioni.







news

18-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news