LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

BARI - PETRUZZELLI: Il rosso fiero del mio teatro. Petruzzelli, finalmente il colore non una scusa
MICHELE MIRABELLA
DOMENICA, 20 GENNAIO 2008 LA REPUBBLICA - Bari




Erano numerosi, un tempo, a Bari i negozi di tessuti. Ed era bello sbirciare dalle vetrine le pile variopinte che sembravano sculture alle spalle dei commessi abilissimi nel trovare in quella policromia la pezza che serviva alla signora o al mastro sartore che stava l, pensieroso a fronte del bancone ingombro di metri lineari pesanti come clave e di forbicione di ferro scuro. I commessi mi affascinavano per la loro doppia bravura che il mio amico Pallante a via Sparano ancora pu vantarsi di esibire. Il primo talento era gestuale e ricordava leleganza sinuosa di un ballerino di flamenco: consisteva nel calibrare a braccio la misura della stoffa. Afferrava con il pollice e lindice della mano destra il lembo estremo del tessuto, (era la cimosa?) lo sollevava con gesto ieratico, facendo scorrere la mano sinistra fino a raggiungere un confine probabile e lo portava a coincidere con la scapola sinistra. Potevi giurare che era un metro. La stoffa restava ben tesa qualche istante, tenuta anche dal mento nel suo bel mezzo come fosse un bavaglino, e poi safflosciava sul bancone pronta alla verifica della traccia centimetrata segnata sul bordo del tavolone. Il secondo talento consisteva nello sforbiciare deciso e veloce con cui quel maestro delle vendite sbeccava la pezza per poi, con chirurgica precisione delle mani, sbranarla in un taglio definitivo.
Il rumore era quello, tale e quale, di una pernacchia ben fatta e, noi ragazzini, la valutavamo con ovvia competenza tra le migliori nel genere delle pernacchie secche per non dir di peggio. Alcune inimitabili. Dipendeva dalla pezza. Il percalle era il pi sonoro per certe sue qualit tessili che non saprei riferire. Sta di fatto che alcune pernacchie particolarmente lancinanti presero il nome di "Strazzapercalle". I discoli miei coetanei potranno confermare. Ad uno di questi commessi di consumata perizia, vittima non rassegnata di disavventure coniugali, fui indirizzato da un amico di famiglia perdigiorno e ribaldo eroe degli aneddoti da caff, con la commissione di chiedergli un metro buono di "pezza a colore".
In citt, ma non dir quale, sera sparsa rapidamente la voce (risultata, poi, mendace) di una improvvisata del commesso che aveva colto sul fatto di un intimo colloquio la moglie. Costei si sarebbe giustificata e avrebbe ottenuto il perdono adducendo prove che furono giudicate dai maldicenti con unalzata di spalle, "Pezze a colore". Io ignoravo lantefatto ben noto al malcapitato marito il quale, quando si sent chiedere da me, sfrontato perch in buona fede, un bel metro di "pezza colore" and su tutte le furie, afferr il metro e mi rincorse fino alla soglia del negozio pronunciando irripetibili minacce.
La pezza a colore nel nostro colloquiale modo di espressione non ha niente a che vedere con larte sartoriale, peraltro periclitante e residuale, pur nella tenacia dei nostri artigiani del taglio e cucito. , come tutti sanno, un rimedio conclusivo, una scusa ben trovata, una motivazione opportuna e funzionale per una gaffe. La "pezza a colore" qualcosa di cui ci si deve accontentare per ricucire una situazione, altrimenti compromessa, un rammendo quasi invisibile per via del colore omologo. Ma , pur sempre, un rammendo, una ricucitura, una scusa. Il meno peggio. Anni fa, quando della ricostruzione del teatro Petruzzelli si parlava come di un sogno, ci si accontent di tirar fuori la questione del colore. Oggi che ci siamo svegliati, pare che abbia prevalso, nelle scelte dei Baresi, il rosso che ricordano le viventi generazioni. Rosso sfrontato e altezzoso, invece del tradizionale bianco certo molto pi elegante. Un tempo questa questione del colore mi sembr una "pezza a colore". Oggi si faccia come vorr la sovrintendenza che aprir il Teatro.
Altri colori occupano la mia riflessione come il bronzo di certe facce. Pare che questo colore sia una specie di tintarella che viene con il potere. Ma, per parlare "de minimis" che non guasta, mi preoccupa il verde dei semafori, puramente decorativo, il verde che, primo o poi, verr nel giardino di Punta Perotti. E il nero dellusura, il cupo nero delle estorsioni, il nero della vergogna di cui la mafia (il termine non mio, dei giudici, se la stampa non riferisce sciocchezze, cosa che non credo) ricopre la citt e la provincia. Il grigio topo del bullismo adolescenziale nelle scuole, e non solo, che nessuna pezza a colore varrebbe meglio a sedare che un bel pagliatone (altra gergalit ben nota i Baresi). Quanto alla politica, a certa politica ci vorrebbe un commesso di una volta, uno bravo, per prenderle le misure, e strappare bene un paio di metri di percalle. E ci vorrebbe un intero negozio di "pezze a colore".



news

21-05-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 21 maggio 2019

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

21-07-2018
Inchiesta de "L'Espresso" di Francesca Sironi: Il ministro Alberto Bonisoli e la scuola offshore

20-07-2018
Associazione Nazionale Archeologi. MIBAC: il titolo non è unopinione!

08-07-2018
Su Eddyburgh un intervento di Maria Pia Guermandi sull'Appia Antica

13-06-2018
Disponibile la relazione di Giuliano Volpe sull'attività del Consiglio Superiore

12-06-2018
Lettera aperta al Sig. Ministro dei Beni Culturali dott. Alberto Bonisoli: Per un futuro all'archeologia italiana

04-06-2018
Dalla rete: sul nuovo governo e sul nuovo ministro dei Beni culturali

19-05-2018
Sul contratto M5S - Lega vi segnaliamo...

17-05-2018
Cultura e Turismo: due punti della bozza Di Maio - Salvini

15-05-2018
Sulla Santa Bibiana di Bernini: intervento di Enzo Borsellino

Archivio news