LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

BARI - PETRUZZELLI: Il rosso fiero del mio teatro. Petruzzelli, finalmente il colore non una scusa
MICHELE MIRABELLA
DOMENICA, 20 GENNAIO 2008 LA REPUBBLICA - Bari




Erano numerosi, un tempo, a Bari i negozi di tessuti. Ed era bello sbirciare dalle vetrine le pile variopinte che sembravano sculture alle spalle dei commessi abilissimi nel trovare in quella policromia la pezza che serviva alla signora o al mastro sartore che stava l, pensieroso a fronte del bancone ingombro di metri lineari pesanti come clave e di forbicione di ferro scuro. I commessi mi affascinavano per la loro doppia bravura che il mio amico Pallante a via Sparano ancora pu vantarsi di esibire. Il primo talento era gestuale e ricordava leleganza sinuosa di un ballerino di flamenco: consisteva nel calibrare a braccio la misura della stoffa. Afferrava con il pollice e lindice della mano destra il lembo estremo del tessuto, (era la cimosa?) lo sollevava con gesto ieratico, facendo scorrere la mano sinistra fino a raggiungere un confine probabile e lo portava a coincidere con la scapola sinistra. Potevi giurare che era un metro. La stoffa restava ben tesa qualche istante, tenuta anche dal mento nel suo bel mezzo come fosse un bavaglino, e poi safflosciava sul bancone pronta alla verifica della traccia centimetrata segnata sul bordo del tavolone. Il secondo talento consisteva nello sforbiciare deciso e veloce con cui quel maestro delle vendite sbeccava la pezza per poi, con chirurgica precisione delle mani, sbranarla in un taglio definitivo.
Il rumore era quello, tale e quale, di una pernacchia ben fatta e, noi ragazzini, la valutavamo con ovvia competenza tra le migliori nel genere delle pernacchie secche per non dir di peggio. Alcune inimitabili. Dipendeva dalla pezza. Il percalle era il pi sonoro per certe sue qualit tessili che non saprei riferire. Sta di fatto che alcune pernacchie particolarmente lancinanti presero il nome di "Strazzapercalle". I discoli miei coetanei potranno confermare. Ad uno di questi commessi di consumata perizia, vittima non rassegnata di disavventure coniugali, fui indirizzato da un amico di famiglia perdigiorno e ribaldo eroe degli aneddoti da caff, con la commissione di chiedergli un metro buono di "pezza a colore".
In citt, ma non dir quale, sera sparsa rapidamente la voce (risultata, poi, mendace) di una improvvisata del commesso che aveva colto sul fatto di un intimo colloquio la moglie. Costei si sarebbe giustificata e avrebbe ottenuto il perdono adducendo prove che furono giudicate dai maldicenti con unalzata di spalle, "Pezze a colore". Io ignoravo lantefatto ben noto al malcapitato marito il quale, quando si sent chiedere da me, sfrontato perch in buona fede, un bel metro di "pezza colore" and su tutte le furie, afferr il metro e mi rincorse fino alla soglia del negozio pronunciando irripetibili minacce.
La pezza a colore nel nostro colloquiale modo di espressione non ha niente a che vedere con larte sartoriale, peraltro periclitante e residuale, pur nella tenacia dei nostri artigiani del taglio e cucito. , come tutti sanno, un rimedio conclusivo, una scusa ben trovata, una motivazione opportuna e funzionale per una gaffe. La "pezza a colore" qualcosa di cui ci si deve accontentare per ricucire una situazione, altrimenti compromessa, un rammendo quasi invisibile per via del colore omologo. Ma , pur sempre, un rammendo, una ricucitura, una scusa. Il meno peggio. Anni fa, quando della ricostruzione del teatro Petruzzelli si parlava come di un sogno, ci si accontent di tirar fuori la questione del colore. Oggi che ci siamo svegliati, pare che abbia prevalso, nelle scelte dei Baresi, il rosso che ricordano le viventi generazioni. Rosso sfrontato e altezzoso, invece del tradizionale bianco certo molto pi elegante. Un tempo questa questione del colore mi sembr una "pezza a colore". Oggi si faccia come vorr la sovrintendenza che aprir il Teatro.
Altri colori occupano la mia riflessione come il bronzo di certe facce. Pare che questo colore sia una specie di tintarella che viene con il potere. Ma, per parlare "de minimis" che non guasta, mi preoccupa il verde dei semafori, puramente decorativo, il verde che, primo o poi, verr nel giardino di Punta Perotti. E il nero dellusura, il cupo nero delle estorsioni, il nero della vergogna di cui la mafia (il termine non mio, dei giudici, se la stampa non riferisce sciocchezze, cosa che non credo) ricopre la citt e la provincia. Il grigio topo del bullismo adolescenziale nelle scuole, e non solo, che nessuna pezza a colore varrebbe meglio a sedare che un bel pagliatone (altra gergalit ben nota i Baresi). Quanto alla politica, a certa politica ci vorrebbe un commesso di una volta, uno bravo, per prenderle le misure, e strappare bene un paio di metri di percalle. E ci vorrebbe un intero negozio di "pezze a colore".



news

18-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news