LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Bologna. Scavi, ecco l'archeologia fai-da-te
Marco Guidi
Il Resto del Carlino 17/1/2008

Soprintendenza: pochi mezzi, scarso personale, ma risultati importanti

Vivere e lavorare in emergenza e, tuttavia, riuscire a ottenere dei risultati, spesso importanti. Combattere con la carenza di organici per tenere aperti 50 cantieri di scavo in tutta la regione. La Soprintendenza per i beni archeologici dell'Emilia-Romagna , dal 2002, affidata a Luigi Malnati (il solo sovrintendente di ruolo a Nord degli Appennini, tutti gli altri sono ad interim). In effetti la situazione complicata spiega Malnati , a partire dall'organico: 148 persone (nelle Marche sono 200), di cui solo 108 in servizio. Questo ci ha portato a fare convenzioni con le amministrazioni locali (nei piani regolatori previsto il controllo archeologico preventivo) e alla collaborazione con cooperative archeologiche che effettuano scavi, spesso finanziati dalle amministrazioni pubbliche o da privati.
Perch questa disparit di organico, anche con regioni pi piccole, come le Marche? Perch il ministero dei Beni culturali da sempre molto sensibile ai siti archeologici monumentali, ma molto meno alle zone dove invece si scava, si conserva, si estraggono materiali magari non appariscenti ma fondamentali per la storia del territorio. In ogni caso, grazie agli accordi con i poteri locali e con i privati, riusciamo a svolgere attivit di tutela e ottenere risultati. Oggi si pu dire che dei circa 50 cantieri aperti in regione solo il 10% sia finanziato dal ministero, ma non facciamo solo scavi, per esempio pubblichiamo i Quaderni archeologici dell'Emilia-Romagna, arrivati al XVIII volume.
Malnati parla modestamente di risultati, ma in effetti si tratta di grandi risultati e non solo per gli studiosi ma anche per il pubblico comune, quando li conoscer. Partiamo dagli scavi della Fiera. L sono emerse gi 1.300 tombe, alcune con corredi che testimoniano la sepoltura di personaggi importanti dell'VIII-VII secolo avanti Cristo. E, contemporaneamente, le stesse testimonianze arrivano dagli scavi in San Vitale. Entrambi segnano un momento fondamentale per Bologna. Quando, verso l'VIII secolo a.C., con decisione presa dai capi dei vari villaggi, si decise di riunirsi in un solo centro. Un centro che fu certamente fondato seguendo il rito etrusco di fondazione e che si chiamer prima Felsina e poi Bologna.
Una splendida testimonianza di quei tempi al laboratorio di restauro. Si tratta di una coppa di bronzo scanalata, di provenienza orientale o forse imitata da un artigiano locale. Una coppa che non sfigurerebbe in una tomba fenicia o siriaca. Una coppa che copriva, alla necropoli della Fiera, il dolio (grande vaso) dove erano le ceneri del morto. Un dolio che fu decorato con inserti in piombo. E, l a fianco, proveniente dalla necropoli di Casalecchio, ecco un vaso attico a figure nere. Ma la scoperta pi recente e pi significativa forse quella che arriva dallo scavo di via Saffi, una stele etrusca con un'iscrizione (cosa rarissima in zona) e con una figura che avanza su un carro da guerra o da parata. Una stele che indicava una tomba forse gi saccheggiata dai Galli e, poco lontano, un'altra stele di epoca villanoviana ritrovata durante gli scavi di Palazzo Pepoli, in cui spicca un carro a quattro ruote. E intanto proseguono gli scavi che affiancano i lavori della Tav. E un'altra grande scoperta, forse la pi spettacolare, appena stata effettuata vicino a Bologna. Non possiamo ancora descriverla per motivi di sicurezza, ma lo faremo ben presto. E non solo, la Soprintendenza e il Museo archeologico stanno pensando a una grande mostra sugli etruschi a Bologna in base alle ultime scoperte.
Questo a Bologna, ma vanno almeno ricordati i graffiti su una parete di una villa romana a Imola, che raffigurano due gladiatori. E il grande monumento funebre modenese dedicata da una donna, Vetilia, a s, al marito e al figlio nel I secolo dopo Cristo. E la grande vasca di Noceto (Parma) del II millennio a. C, dove le trib gettavano oggetti votivi. Senza tralasciare la casa del chirurgo di Rimini, ora aperta al pubblico. Insomma, anche con pochi soldi e poco personale, non male per una Soprintendenza che ha fatto dell'emergenza una norma.



news

18-08-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 agosto 2019

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

Archivio news