LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Modena. Da sabato nuovo vestito della Torre cittadina
Michele Fuoco
Gazzetta di Modena 17/1/2008

Un po' Lego con l'aggiunta di qualche simbolo sacro l'ultima versione del telo

Entusiasmo alle stelle per il "nuovo" telo di Paladino che sar collocato, da sabato, sulla Ghirlandina. Lo esprimono il sindaco Pighi, gli assessori Lugli e Guerzoni, la direttrice della Civica Vettese e l'architetto del Comune Cadignani, durante la conferenza di ieri in Municipio. Euforia che pare voler contaminare i giornalisti ai quali ora, secondo il sindaco, "non manca la materia prima per far discutere".
La vestizione lunga e dovrebbe durare, con condizioni metereologiche favorevoli, dai due ai quattro giorni. Nessun sincronico "svelamento" dell'opera, che i modenesi potranno vedere man mano che il telo sar montato dai tecnici della ditta bresciana Masserdotti che sta provvedendo, a tempo di record, con stampa digitale, a fissare le immagini sul telo bianco in pvc che l'artista di Benevento ha quasi tutte ricreate.
I quattro grandi teli - dice l'architetto Cadignani - offriranno la copertura totale, ad eccezione della cuspide, della Ghirlandina, dove i ponteggi sono stati predisposti per accoglierli. Saranno illuminati, in parte, anche dall'interno della struttura. Ma non c' da preoccuparsi: la cerimonia di inaugurazione ci sar ed fissata per marted alle 18, sotto la Ghirlandina. Naturalmente, con tante bottiglie di spumante (c' chi punta allo champagne) per brindare alla riuscita dell'operazione. Un'operazione che, per Pighi, assume notevoli valenze culturali, anche per il dibattito che si creato sull'opportunit di coniugare l'antico (la Ghirlandina) e il contemporaneo (il telo di Paladino) o dimettere soltanto elementi funzionali al restauro, senza disegni che rappresentino qualcosa di pudico. Il problema di una delicatezza assoluta e non mancher di approfondimenti, di suscitare ancora discussioni. Il che mi piace moltissimo. E Lugli difende la sua scelta coraggiosa, cio quella di aver coperta una grande capolavoro, come la Ghirlandina, con altra arte del nostro tempo. Una prova di coraggio di aver chiamato, con la consulenza della Vettese, un artista di spessore come Paladino che risulta tra gli autori che la Conferenza Episcopale Italiana ha voluto per offrire, con le immagini, un yolto ad un testo sacro, come il nuovo dizionario liturgico. Altro che riproduzione della Ghirlandina. Si sarebbero spesi, secondo Guerzoni, quasi gli stessi soldi per un telo bianco da montare. Paladino non ha voluto un centesimo, ma la realizzazione e montaggio della sua opera coster 150mila euro. L'assessore ai lavori pubblici da i "numeri" anche per il restauro che inizier i primi di febbraio e durer due anni: tre milioni di euro (800mila il primo stralcio). Ci penser a sborsare, in buona parte, la somma la Fondazione Cassa di Risparmio. E a parlare, nei dettagli, del restauro saranno, il 7 febbraio alle 21, nel teatro della Fondazione San Carlo, Stefano Lugli, del dipartimento di Scienze della terra dell'Universit di Modena, la Cadignani che coordina il comitato scientifico, Francesca Piccinini, direttrice del Museo civico, e Donato Labate, archeologo della Soprintendenza. Ma ci sar anche un convegno, prima dell'estate per illustrare i risultati degli studi sulla torre. E gli interventi saranno proiettati in avanti per affrontare, con gli studi del sottosuolo, quello della "statica" del monumento, verificata da esperti pi di 30 anni fa.

La Vettese: Risultato di un lungo lavoro
Ȓ il risultato di un lungo lavoro, le cui tappe sono state segnate da motivi pi di carattere tecnico che estetico.
Esordisce cos Angela Vettese che ritiene che un'opera in bianco e nero non sarebbe stata suggestiva.
Invece, quella colorata, che proiettata su un piccolo schermo nella Sala del Vecchio Consiglio comunale, pi equilibrata.
la soluzione definitiva di Paladino, completamente diversa da quella che, in precedenza, giornali e televisioni hanno mostrato.
Non pi piccoli disegni colorati, difficili da riportare sullo stesso materiale, con il rischio di perdere consistenza e forse di sparire nel tempo.
Ora si davanti ad un'opera con immagini cromaticamente pi marcate che, sul telo microforato e non attaccabile dal fuoco, potranno resistere per anni.
Paladino ha deciso - continua la direttrice della Civica - di riprendere stilemi propri, con geometrie rigide e riquadri in bianco e nero, che ricordano certe modulazioni del Duomo. L'opera assume l'aspetto di una fantasia figurativa che ha parentela con l'arcaico e il romanico. Il colore "sparato" dal computer potrebbe sbiadire. Ecco perch - prosegue la Vettese - le immagini sono forti. Il primo progetto prevedeva anche la copertura della guglia. Problemi di sicurezza per l'impalcatura hanno portato ad una diversa soluzione.
Soluzione da vedere sul telo (14 metri di larghezza e 64 di altezza, per fasciare su tutta la superficie la Ghiriandina) che il montacarichi porter, fra due giorni, al bordo superiore del ponteggio e che sar calato con funi.

Giovanardi: Attaccapanni che proprio non mi piace
Ho potuto vedere l'immagine dell'opera definitiva di Paladino e mi venuto subito in mente il gioco del Lego, quello dell'infanzia. L'on. Carlo Giovanardi non risparmia nemmeno l'ultima "creatura" dell'artista, n ricordo quello del gioco che si fa con mattoncini ad incastro, di vari colori. Cos l'ex ministro passato dall'affermazione che con il progetto precedente, dai tanti piccoli figurine colorate, a Modena poteva essere carnevale tutto l'anno, alla considerazione che l'opera ultima riporta alla memoria il gioco caro ai bambini. La sua protesta, sostenuta da Sgarbi, contro la copertura passata anche attraverso "La Ghirlandina non un attaccapanni" e l'interpellanza al ministro per i beni culturali Rutelli che non ha dato risposta.

Lugli: Operazione culturale non fatta per chiamare turisti
A Modena il primato in Italia di far coprire un monumento, di indiscutibile valore storico e artistico, con un'opera di un autore famoso. Un'opera che avrebbe potuto essere anche diversa da quella che sabato salir sulle impalcature della Ghirlandina. La stessa Angela Vettese afferma di aver nostalgia del profilo di una figura (primo progetto), non realizzabile perch la luminescenza dei vari tasselli non avrebbe potuto trovare materiali idonei che potessero reggerla per tutto il periodo del restauro della torre.
E Paladino, al quale sono pervenuti tutti i giornali modenesi, ha potuto avere anche qualche ripensamento.
Non una dimostrazione di debolezza - sostiene la direttrice - ma di capacit di confrontarsi. Il suo stato un atto generoso, in quanto mesi che lavora a questo progetto e non ad altri. Quelli (una quindicina) visti da Sgarbi non sarebbero che delle variazioni dello stesso progetto.
La soprintendenza non ci ha messo becco. Avrebbe potuto farlo soltanto se al posto dell'opera di Paladino avessero collocato un semplice telo protettivo con la riproduzione fotografica della torre. Visibilmente soddisfatto l'assessore Lugli: La nostra un'operazione culturale. Non l'abbiamo fatta per attirare i turisti. Ma se vengono...



news

24-05-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 24 maggio 2019

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

21-07-2018
Inchiesta de "L'Espresso" di Francesca Sironi: Il ministro Alberto Bonisoli e la scuola offshore

20-07-2018
Associazione Nazionale Archeologi. MIBAC: il titolo non è unopinione!

08-07-2018
Su Eddyburgh un intervento di Maria Pia Guermandi sull'Appia Antica

13-06-2018
Disponibile la relazione di Giuliano Volpe sull'attività del Consiglio Superiore

12-06-2018
Lettera aperta al Sig. Ministro dei Beni Culturali dott. Alberto Bonisoli: Per un futuro all'archeologia italiana

04-06-2018
Dalla rete: sul nuovo governo e sul nuovo ministro dei Beni culturali

19-05-2018
Sul contratto M5S - Lega vi segnaliamo...

17-05-2018
Cultura e Turismo: due punti della bozza Di Maio - Salvini

15-05-2018
Sulla Santa Bibiana di Bernini: intervento di Enzo Borsellino

Archivio news