LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

TORINO - Ricerca del Cresme per conto del Comune: la citt sta rinascendo, tra le note dolenti la poca sicurezza
DIEGO LONGHIN
VENERD, 18 GENNAIO 2008 LA REPUBBLICA - Torino


Promosso il lifting olimpico

Piace la trasformazione, giudizi negativi su trasporti e traffico



Soddisfatto il sindaco: "Stiamo per innescare un ciclo di cambiamenti che partir dai grattacieli di Piano e Fuksas"
Malumori tra i residenti sulla Spina3 che sono ancora in attesa del parco Mea culpa sul metr: "Dovevamo farlo prima"



--------------------------------------------------------------------------------

AI Torinesi piace la citt del dopo 2006 e ne apprezzano il nuovo volto. E il risultato, a favore delle trasformazioni, bulgaro. Secondo la ricerca del Cresme, per conto di Palazzo Civico su un campione di 3.500 famiglie, l87 per cento degli intervistati soddisfatto o molto soddisfatto di vivere a Torino, anche se non mancano le pecche. Le note dolenti, ma si tratta di insufficienze lievi, riguardano i trasporti pubblici, il traffico e i parcheggi, oltre alla qualit dellaria. Soddisfazione invece per le strutture commerciali, per i servizi culturali offerti, per la qualit degli spazi pubblici e dellarredo, per la presenza di attrezzature per il tempo libero. I cittadini reputano sufficiente anche la pulizia, dando un sei al servizio di nettezza urbana.
Per otto residenti su dieci la citt ha vissuto cambiamenti positivi o molto positivi e per tre su cinque le trasformazioni hanno dato risposte alle necessit. Non solo, vi sono appeal nuovi perch esistono diverse Torino. Per il 90 per cento degli intervistati la citt dellarte, della cultura e del sapere. Per l86 per cento la citt verde, per l80 la citt in rinascita, creativa e accessibile. Il 70 per cento la definisce come la citt dellindustria e della tolleranza, mentre per il 50 per cento una citt turistica ed internazionale.
Quali sono le trasformazioni promosse a pieni voti? In testa c piazza San Carlo, che prende un otto abbondante, a seguire il parco archeologico delle Porte Palatine, corso Mediterraneo e il cortile del Maglio a Porta Palazzo. Bocciato, invece, piazzale Valdo Fusi, considerato un intervento insufficiente. Tra gli edifici nuovi non vincono gli architetti blasonati, ma lenogastronomia. In testa c Eataly, con la ristrutturazione dellex fabbrica Carpano di via Nizza, poi il Palahockey, la passerella e larco olimpico, la chiesa del Santo Volto e il PalaFuksas. Una sufficienza la guadagnano anche i giandujotti di piazza Solferino, anche se sono in via si smantellamento.
Torino piace ai torinesi, la percezione delle politiche pubbliche dimostra che la volont dellamministrazione stata compresa e che abbiamo imboccato la strada giusta, hanno sottolineato il sindaco Sergio Chiamparino e lassessore allUrbanistica, Mario Viano. Il primo cittadino ha invitato, riferendosi ad un nuovo ciclo di trasformazioni che va innescato, a fare tesoro dei progetti di grandi architetti che la citt ha a disposizione, ad iniziare da quello di Piano sul grattacielo Intesa-Sanpaolo e di quello di Fuksas per la sede unica della Regione. Un riferimento a chi dentro la maggioranza, in testa la sinistra radicale, vuole approfondire meglio le varianti al piano regolatore prima di dare il via libera alle realizzazione delle torri. Ed poi tornato sulla metafora di piazza San Carlo, sottolineando che nella azione amministrativa cerco di rappresentare chi ha voluto che si realizzasse la trasformazione della piazza e non chi si opposto.
I punti critici non mancano, ma secondo il direttore del Cresme, Lorenzo Bellicini, sono quelli consueti delle grandi citt: Abbiamo svolto indagini simili su altre metropoli e non ci siamo mai trovati davanti a risultati cos positivi. Rimane il fatto che il 63 per cento del campione giudica Torino poco o per niente sicura, il 76,4 per cento considera molto elevato o medio il degrado nelle periferie, anche se in generale chi vive nelle aree di trasformazione soddisfatto dei risultati. Soprattutto i residenti di Spina 1, San Paolo, Spina 2 e Lingotto. Meno entusiasmo dagli abitanti di Spina 3, dove i malumori si sentono di pi. Ci aspettavamo questo effetto - spiega Viano - daltronde lintervento sulla Spina 3 deve ancora concludersi con la creazione del parco. Altri motivi di malessere riguardano i trasporti e il traffico. I voti non sono cos negativi - spiega il sindaco - rispetto ad indagini di altre citt. I motivi di malessere ci sono, ma in alcuni casi non sono di esclusiva competenza comunale. Per quanto riguarda i trasporti le responsabilit sono di chi ha amministrato la citt in passato. Se la metropolitana si fosse fatta prima, forse oggi avremmo un voto migliore e le trasformazioni sarebbero servite ad accrescere ancor di pi la qualit della vita nella citt.



news

18-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news