LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

CAMPANIA - Oscurantismo ambientalista
MARIO LUISE
15 gennaio 2008, LA REPUBBLICA - NAPOLI



Il commissario per lemergenza rifiuti in Campania, prefetto Improta, nel 1995 mi nomin commissario per la gestione del Consorzio Ce/4, incarico che ho ricoperto fino al 1999. Lesperienza di quegli anni mi induce a fare delle considerazioni schematiche, nella speranza di dare un utile contributo allemergenza di oggi.
La discarica di Bortolotto da circa trentanni veniva gestita da privati. Camion provenienti soprattutto dal Nord (Veneto), vi scaricavano ogni tipo di rifiuto. La stessa cosa avveniva nei laghetti nati dal prelievo di sabbia lungo la Domiziana.

(segue dalla prima di cronaca)
Il percolato della discarica non veniva trasportato allimpianto di depurazione, n le fiancate e le cime erano ricoperte dal terreno. Per tutto il comprensorio sono stati anni di gravissimo inquinamento dellaria e della falda, e di pericolo per la salute. In solo quindici giorni si port a termine la pubblicizzazione e si garant il perfetto funzionamento della discarica, eliminando dun colpo il fetore e bloccando linquinamento della falda. In quel posto ora c un modernissimo impianto di captazione del biogas e di trasformazione in energia elettrica, immessa in rete dal 1996. Le cave furono chiuse. Per ottenere questo risultato si lavor in tremenda solitudine, avendo la maggior parte della gente contro. Ma la prefettura e la Procura (dottor Ceglie) fecero la loro parte. E fu una esperienza gratificante, tanto da farmi avere un elogio dalla commissione bicamerale. Unaltra discarica efficiente fu aperta nel Comune di Santa Maria la Fossa.
La conclusione alla quale sono pervenuto che per andare avanti, nel nostro ambiente, bisogna alienarsi il consenso (e il prezzo pesante!) e che non importa quale sia il sito, ma unicamente lidoneit dellimpianto e della gestione. Il resto mistificazione. C di pi: una discarica dopo anni di chiusura, va soggetta a subsidenza (si abbassa), sicch in presenza di una tragedia come quella attuale, si pu procedere anche alla ricarica controllata di alcune discariche, con le opportune garanzie di trattamento dei rifiuti. Ma questo non lo sento dire da nessuno.
Mi sono sempre rifiutato di far deviare il consorzio verso attivit che non fossero quelle strettamente legate allo smaltimento dei rifiuti e alla progettazione. Con 21 dipendenti sono stato in grado di garantire sempre la raccolta e lo smaltimento in venti comuni, e spesso di soccorrere anche altri consorzi in crisi. Nel 1996 fu predisposto, con altri consorzi, anche il "Piano provinciale dei rifiuti" con la previsione di numerosi impianti di trattamento (rottamazione, trasformazione inerti) disseminati in tutta la provincia. Se ne riparla solo oggi come una trovata originale.
La continua e virulenta aggressione politica mi costrinse a dimettermi. Da allora il Consorzio CE/4, gestito dal centrodestra, ha partorito tanti altri rami dazienda parassitari e ha portato il personale a oltre 400 dipendenti, ottenendo unicamente il fallimento della gestione, debiti, pignoramenti, pesanti e estese iniziative giudiziarie, e la totale inattivit. La conclusione che la responsabilit non solo della gestione del centrodestra, ma di tutti i comuni che costituiscono lassemblea del Consorzio, nel CE/4 come altrove. Com possibile che i sindaci non si accorgessero dellallegra gestione, del clientelismo e della totale inattivit?
Numerosi sono stati i prefetti che dal 1995 si sono succeduti. Non mi sembra che oltre alla difficile e necessaria pubblicizzazione delle discariche si siano fatti poi grandi passi avanti, e cera da aspettarselo visto che un prefetto non mai espressione di consenso elettorale. Ma a Bassolino, invece, chi glielo ha fatto fare di accettare lincarico di commissario con il peso delle preesistenze, visto che in modo efficace era ed impegnato nel difficile compito del rilancio economico della Regione? Ora ammette le sue responsabilit e appare come lunico capro espiatorio di tutti i mali. Ma come si fa a non vedere ancora oggi con quanta forza si esprime loscurantismo ambientalista di tanti sindaci di centrodestra e di centrosinistra, di preti con madonne vaganti per le campagne, capaci solo di opporsi, in nome del campanile, a soluzioni - ora immediate - invece di chiedere, ieri come oggi, impianti garantiti?
La mia esperienza mi porta a concludere che occorre fare, da parte di tutti, uno sforzo culturale notevole, spiegando alla gente che non esiste il demonio del rifiuto, ma loccasione del rifiuto, occasione che a me, nella qualit di sindaco di Castelvolturno consent di avere il paese sempre pulito, di costruire due piazze, un lungofiume, un impianto fognario e lenergia elettrica in rete.
Lautore stato commissario CE/4 e sindaco di Castelvolturno dal 1993 al 1997






news

18-08-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 agosto 2019

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

Archivio news