LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Arte, i restauri bloccati
Arturo Carlo Quintavalle
Corriere della Sera 14/01/2008

M ezzo milione di edifici monumentali in Italia a fronte di circa 45.000 in Francia, ancora di meno in Germania, in Spagna, in Inghilterra; dunque una massa enorme, a cui sono da aggiungere i tessuti urbani antichi di centinaia di citt e di migliaia di insediamenti minori; di tutto questo la conoscenza incerta e cos la tutela. E per giunta, dei pochi soldi disponibili per i restauri, ogni anno se ne spende poco pi del 30%. Cinquantamila dunque i monumenti schedati in Italia e quindi, sui rimanenti 450.000, si fanno soltanto ipotesi di lavoro. Quattrocento funzionari si occupano delle tutela delle architetture, ma devono confrontarsi con le economie di bilancio, con le auto vecchissime che per sono indispensabili per i sopralluoghi in pianura e montagna, con la benzina che costa troppo: mancano gli autisti, gli esperti di computer, i rilevatori, per cui i custodi pi volonterosi, oppure gli stessi architetti devono fare ogni cosa. Prendono 1.300 euro al mese, quelli che nel peggiore studio di architettura si dovrebbero dare a un bravo telefonista. Questi sono i mezzi per tutelare un territorio enorme, dove il privato, e non voglio dire la speculazione, si fa largo a gomitate. Gli uffici in Italia devono infatti dare pareri motivati, con ricerche di archivio e sul campo, a circa 200.000 richieste ogni anno, devono insomma rispondere a chi si rivolge loro, devono controllare. Cos ciascuno dei 400 funzionari dei Beni Architettonici dovrebbe verificare, in media, in un anno, cinquecento monumenti, ma in certe regioni gliene toccano 1.500 o 2.000; il funzionario dovrebbe controllare i progetti, visitare il monumento, analizzarne le strutture, suggerire soluzioni, un lavoro a volte di settimane per un solo progetto. Adesso poi cambiato il modello di lavoro dei funzionari: prima si tutelavano solo i monumenti, ora limpegno per il tessuto, lambiente, per quelle architetture che danno il senso di un sistema. Che cosa sarebbero Siena e San Geminiano, Mantova ed Orvieto, Assisi e Bologna se non si fosse tutelato lo spazio urbano, se non si fossero sempre controllati interventi dei privati, materiali, tecniche, per evitare le violenze che si vedono troppo spesso in giro? Certo, vi sono zone non dipendenti dal ministero, le regioni a statuto speciale, dove gli assessori decidono al di fuori di ogni controllo, si pensi alla speculazione attorno alla valle dei templi ad Agrigento, si pensi alla programmata distruzione delle carceri ottocentesche di Trento. Vediamo adesso limpegno economico del ministero per il restauro architettonico. I soldi vengono da tre fonti: i fondi ordinari, quelli del lotto e quelli privati, gli ultimi ovviamente non sono valutabili, gli altri s. Ebbene, i fondi ordinari, dal 2004 al 2007, sono crollati da 92 milioni di euro a 56 e solo grazie al lotto, nel 2007, si avuto un incremento di 21 milioni che porta a 78 milioni il totale, mai cos basso nel quadriennio. Certo, sembra che nella finanziaria 2008 gli stanziamenti siano risaliti, ma il problema di fondo rimane, come possibile destinare una parte irrisoria del denaro pubblico alla tutela di quel patrimonio che porta ogni anno in Italia decine di milioni di turisti e miliardi di euro? In tempi lontani Carlo Ludovico Ragghianti suggeriva di considerare i monumenti, le pinacoteche, le citt, le nostre miniere, i nostri pozzi di petrolio, le nostre rendite finanziarie ma, per fare questo, serve una tutela, a cominciare da quella del paesaggio, tutela che, da generazioni, non riesce a imporsi: si pensi alla costa ligure, a quella campana, a quelle della Puglia, della Calabria, della Romagna, della Sardegna. Certo, poi venuta la legge Galasso che vieta la edificazione lungo le rive del mare ma il danno era fatto. Si pensi allabusivismo edilizio che ha distrutto la forma delle nostre citt antiche creando anche al loro interno, salvo poche eccezioni, edifici mostruosi. Dopo il terremoto in Umbria e Marche, dopo che sono stati messi a rischio Giotto e Cimabue, insomma il centro della civilt del nostro Paese, dopo i veri miracoli dovuti alla dedizione di soprintendenti e tecnici del restauro per salvare quanto non era stato sbriciolato, adesso il ministero chiede agli uffici periferici una verifica degli edifici anche perch quasi due terzi dellItalia zona sismica. Ma come faranno le sedi periferiche delle Soprintendenze a controllare la stabilit di decine di migliaia di monumenti e, peggio, come riusciranno a intervenire? Un altro problema incombe: la percentuale effettivamente spesa dei denari assegnati alle Soprintendenze assurdamente bassa, varia dal 28 per cento del 2004 al 40 per cento del 2007: si tratta certo di un aumento significativo ma il problema resta. Spiega il Direttore Generale dei Beni Architettonici, storico-artistici e etnoantropologici architetto Roberto Cecchi: Un tempo si facevano affidamenti a imprese di fiducia, restauri a cottimo, certo con zone dombra ma, avendo addestrato un insieme di specialisti che il mondo ci invidia, i restauri si facevano con molta maggiore efficacia e duravano a lungo sopra tutto per la nostra diversa metodologia di intervento.



news

24-05-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 24 maggio 2019

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

21-07-2018
Inchiesta de "L'Espresso" di Francesca Sironi: Il ministro Alberto Bonisoli e la scuola offshore

20-07-2018
Associazione Nazionale Archeologi. MIBAC: il titolo non è unopinione!

08-07-2018
Su Eddyburgh un intervento di Maria Pia Guermandi sull'Appia Antica

13-06-2018
Disponibile la relazione di Giuliano Volpe sull'attività del Consiglio Superiore

12-06-2018
Lettera aperta al Sig. Ministro dei Beni Culturali dott. Alberto Bonisoli: Per un futuro all'archeologia italiana

04-06-2018
Dalla rete: sul nuovo governo e sul nuovo ministro dei Beni culturali

19-05-2018
Sul contratto M5S - Lega vi segnaliamo...

17-05-2018
Cultura e Turismo: due punti della bozza Di Maio - Salvini

15-05-2018
Sulla Santa Bibiana di Bernini: intervento di Enzo Borsellino

Archivio news