LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

TOSCANA - VICOPISANO. Sos ai privati per la nuova vita dellantica rocca
Francesco Turchi
11 GENNAIO 2008, IL TIRRENO

VENERD, 11 GENNAIO 2008

Pagina 3 - Pontedera








--------------------------------------------------------------------------------

Una fortezza su due Comuni; tanta storia alle spalle e un futuro denso di interrogativi. Maestosa, in posizione dominante, meta di turisti e curiosi che sfidano il sentiero impervio per fare un tuffo nel passato. Collocata su una scogliera di macigni di verrucano, posti quasi verticalmente rispetto al suolo, a formare la base naturale della fortezza ed al tempo stesso un elemento costitutivo della stessa, la Verruca oggetto da sempre di credenze e leggende, generate dalla suggestione che suscita nellosservatore: ma oggi dominata dal degrado. Stavolta non c da prendersela con amministrazioni comunali poco sensibili alle bellezze architettoniche del proprio territorio. Lattuale stato in cui versa la Rocca deriva dal disinteresse dei proprietari. Gi, perch quello che nel corso della storia ha rappresentato un caposaldo inespugnabile per tutti gli eserciti e le potenze interessate alla conquista del territorio circostante, finito in mano di privati, che evidentemente non sono interessati a un suo recupero. Il plurale dobbligo, visto che le propriet sono due. La Verruca a cavallo di due territori: il versante che si sviluppa nel comune di Calci, di propriet di una famiglia della zona, mentre laltra met fa parte del Comune di Vicopisano, ed nelle mani di una societ immobiliare.
La Verruca raggiungibile sia da Vicopisano che da Calci: basta armarsi di scarpe da trekking e essere disposti ad affrontare una passeggiata immersi nella natura. Ed anche visitabile. Il problema che il trascorrere degli anni ha provocato grossi problemi alla struttura, che avrebbe bisogno di un intervento di consolidamento. Lamministrazione comunale di Vicopisano, guidata da Antonella Malloggi, sarebbe anche disponibile a valutare lipotesi. Ma prima di tutto ci vuole la disponibilit dei proprietari: Ci sono delle associazioni che si sono interessate alla questione e hanno promosso, proprio un paio di mesi fa, un incontro, al quale abbiamo partecipato insieme ai nostri tecnici, ai rappresentanti del Comune di Calci e a quelli della Soprintendenza. C la volont di fare qualcosa, ma prima di tutto ci deve essere linteresse dei proprietari. Che tutto da verificare: La stessa Soprintendenza sarebbe interessata a recuperare la Verruca, consapevole dellimportanza storica che riveste.
La prima menzione del Castello della Verruca si ha in un documento del 996, quando lImperatore Ottone III conferma a Majone, abate di San Salvatore Sesto, tutti quei beni che labbazia possedeva precedentemente, tra i quali citata anche la Verruca e labbazia di San Michele alla Verruca. La Verruca fu anche al centro delle battaglie tra pisani e fiorentini, che ben conoscevano limportante funzione di vedetta di questa Rocca. I fiorentini nel 1503 decisero di fortificarla ulteriormente ed incaricarono del progetto Leonardo Da Vinci. Ma che la Verruca fosse importante lo si deduce anche dalla lettera scritta da Niccol Machiavelli ai Commissari di Campo che combattono a Pisa: ...pensiamo che subito voi harete gi pensato di andare avanti et levarvi dinnanzi agli occhi la Verrucola, la quale ci sempre stata una continua molestia et uno impedimento ad codesti nostri luoghi allintorno, et adiuto non picciolo alli inimici....
Attualmente - si legge sul sito internet Viconet.it - si conservano rovine che permettono una lettura dei diversi interventi ricostruttivi. A pianta pentagonale, la Verruca presenta due grossi torrioni laterali di forma circolare nel lato anteriore, frutto degli interventi di restauro cinquecenteschi e costruiti in mattoni, ed una coppia di bastioni a spigolo vivo sul lato posteriore in pietra locale. Pur seriamente danneggiata dalle vicissitudini storiche, la fortezza mostra chiaramente la disposizione strutturale originaria e consente ancora di capire lorganizzazione interna delle strutture in alzato. Sono invece ben conservate tutte le strutture interrate come la cisterna o i corridoi di accesso alle torri laterali. Inoltre presente un edificio costituito da grossi blocchi di verrucano, tradizionalmente identificato come una chiesa. La porta, a cui si arriva mediante una ripida scaletta intagliata nella roccia, conserva ancora la struttura trilitica, le tracce dei cardini e dei dispositivi di chiusura e consente lingresso nella fortezza. La fortezza edificata su due livelli, di cui uno completamente interrato. Il livello superiore quello che ha subito i danni maggiori, ad esempio sono scomparsi del tutto le merlature e le varie strutture coperte, delle quali per in alcuni punti si intravedono i resti. La Rocca presenta accessi nel terreno che conducono ai bastioni laterali nei quali sono state ricavate stanze da cui era possibile sparare o sorvegliare lesterno. Sul lato nord sono visibili una serie di archi in muratura che sostenevano la struttura portante di una copertura analoga a quella appena descritta e oramai franata. La speranza che presto arrivino delle novit: La Soprintendenza - spiega il sindaco - ha preso limpegno di scrivere ai proprietari per cercare di smuovere la situazione. Per quanto ci riguarda, se c la disponibilit a garantire una fruizione pubblica dellarea, siamo disponibili a pensare a un progetto, per poi cercare i finanziamenti. Ma ci deve essere la volont della propriet.



news

18-08-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 agosto 2019

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

Archivio news