LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Arriva in Italia il monumentale saggio dello storico Robin Lane Fox: quel che resta di Greci e Romani
MAURIZIO BETTINI
03 gennaio 2008, LA REPUBBLICA


Un viaggio che arriva fino in Afghanistan dove si veneravano gli dei dellOlimpo
Un grande affresco che inizia con Omero e si chiude con limperatore Adriano



Esiste ancora il mondo classico? La domanda potrebbe suonare bizzarra, specie in Italia - paese nel quale, come diceva Aldo Palazzeschi, attuale solo il passato. E in effetti in Italia il passato continua ad essere attuale: s, ma quale? Per trovare una risposta, occorre spostare lobiettivo su un fenomeno che ha esercitato una notevole influenza sulla nostra percezione dellantichit, ossia lingresso nel nuovo millennio. Fra le molte conseguenze che tale passaggio ha comportato, infatti, c anche questa: una volta tagliato il simbolico traguardo del duemila, come se il mondo classico si fosse ulteriormente distaccato dalla nostra continuit culturale. Se fino alla conclusione del secondo millennio la percezione dellantichit rimontava almeno agli inizi del primo, e oltre, dopo lingresso nel terzo millennio c stato come uno scorrimento nella graduatoria temporale: e lantichit percepita, quella sentita come contigua alla nostra modernit, si identificata piuttosto con il medioevo. Il quale costituisce per lappunto il passato che oggi "attuale" in Italia.
Le motivazioni di questo mutamento di percezione non sono da attribuire solo al passaggio di millennio. Tutti ricorderanno, per esempio, il dibattito sulle "radici cristiane" della cultura occidentale. Questa discussione presuppone che le origini, il punto iniziale della nostra cultura - come appunto sono le radici per una pianta - coincidano con il cristianesimo, e quindi non debbano risalire pi indietro. Cosa che, di fatto, taglia fuori dal nostro passato vivente personaggi come Omero, Platone o Virgilio. E anche quando si propone di sostituire questa dizione con laltra di "radici classiche e cristiane", il problema in realt non si sposta: perch, cos facendo, della cultura classica si tende a privilegiare solo quanto sarebbe confluito nel filone cristiano.
Il fatto che lantichit greca e romana si sta riducendo ad unanima trasmigrante - quando si manifesta, lo fa perlopi sotto altre sembianze. C il classico che si reincarna nella cultura cristiana e quello che trasmigra nei prodotti della fiction di massa, come Il gladiatore o Troy (per non parlare delle Termopili ridotte a video game); c il classico che rinasce nei personaggi del melodramma, da lIncoronazione di Poppea a Norma, riscuotendo anzi un discreto successo di pubblico e di studi; e c quello che fa capolino tra gli elmi e le corazze della pittura rinascimentale, amato dagli storici dellarte e dai frequentatori dei musei. Sempre pi spesso, insomma, abbiamo a che fare con i greci o i romani "di qualcun altro", sempre meno con quelli che appartenevano solo a se stessi.
questo il panorama in cui si affaccia lultima fatica di Robin Lane Fox, lo storico antico di Oxford noto per la sua biografia di Alessandro Magno. Il titolo di questo nuovo libro, tradotto da Davide Tarizzo e corredato di una speciale bibliografia per il lettore italiano curata da Marco Bettalli, molto eloquente: Il mondo classico. Una storia epica della Grecia e di Roma (Einaudi, pagg. 708, euro 32). Dunque al centro del quadro c lui, il mondo da cui ci stiamo in qualche modo distaccando. Ma per quale motivo questa storia vuol essere addirittura "epica"? Soprattutto perch, in un sol colpo, si raccontano ben nove secoli di storia, quelli che intercorrono fra Omero e limperatore Adriano. Dalle origini della cultura greca, Lane Fox ci conduce fino al 138 dopo Cristo, anno in cui limperatore si spense a Baia. La scelta di arrestare il proprio epos con questa data, svela le intenzioni non solo storiografiche, ma soprattutto narrative dellautore. Perch questo il libro di uno storico che ha voglia di raccontare, e che per farlo sceglie una tecnica letteraria piuttosto originale. I lettori che Lane Fox ha in mente, infatti, sono due: esterno il primo, interno il secondo. Il lettore esterno siamo noi, uomini del terzo millennio, a cui lo storico si rivolge senza dare per scontata nessuna familiarit con largomento. Quanto al lettore interno, si tratta appunto del personaggio con cui lepos si conclude: Adriano.
Per comprendere le ragioni di questa scelta, basta ricordare che il "grechetto", come lo chiamavano i maligni, attravers senza sosta i territori del suo impero essenzialmente per visitare tutti i luoghi di cui aveva letto, come scrisse un biografo; e che nella sua celebre Villa di Tivoli volle riprodurre il Liceo, lAccademia, il Pritaneo, il portico Pecile, la valle di Tempe e perfino lAde.
In altre parole, sui secoli che lo avevano preceduto Adriano rivolse per primo uno sguardo "classico", considerandoli in qualche modo un periodo concluso, un tesoro di memorie che occorreva non solo conoscere, ma anche tutelare. In questo modo il lettore interno dellopera di Lane Fox finisce per identificarsi con il lettore esterno, noi; che al mondo classico ci rivolgiamo - o meglio, dovremmo rivolgerci - con un sentimento simile.
Lungo il cammino di questo epos narrativo, dunque, Adriano ci viene incontro ben prima dellultimo capitolo, quello che gli dedicato. Nelle pagine sui grandi regni ellenistici, per esempio, lui che ci accompagna nella visita di Alessandria, sede della celebre biblioteca; mentre sugli spettacoli pubblici inaugurati a Roma da Augusto, gi sentiamo posarsi lo sguardo dellimperatore che centocinquanta anni dopo dovr promuovere anche lui musica, danza e teatro. A questo punto, si potrebbe sospettare che anche il mondo classico di Lane Fox sia quello "di qualcun altro", come sopra si diceva; in altre parole che sia "il classico di Adriano".
Non cos, lo storico non cede alle lusinghe della reincarnazione. Al contrario, per descrivere il mondo classico Lane Fox sceglie sempre un punto di vista estremamente "interno" ad esso - fino al punto di ricorrere direttamente alle tre categorie che gli antichi stessi utilizzavano per parlare della propria societ: giustizia, lusso e libert.
N pu essere un caso che, a dispetto del lettore interno che si scelto, Lane Fox non faccia mai menzione della Yourcenar. Preferisce raccontarci piuttosto di Apollonio, il funzionario di Tolomeo II che in Egitto rivoluzion larte del giardinaggio e della coltivazione - sulla scorta di Teofrasto, il filosofo che studi con passione la fioritura del ciliegio e le differenze fra il pero selvatico e quello domestico. N lautore esita a condurci fino in Afghanistan, sulle rive del fiume Amu Daria. Nel sito di Ai-Khanum sorgeva infatti una grande citt ellenistica, fra le cui rovine sono state ritrovate, incise, le massime di Delfi; laggi gli antenati dei Talebani veneravano gli dei della Grecia. Una grande lezione che la storia antica pu dare a tutti coloro che promuovono la separazione, o il conflitto, fra le culture.
Se dovessimo davvero perdere i contatti con il mondo classico, che cosa accadrebbe? Facile prevedere che il Colosseo sarebbe ben presto considerato opera di creature astrali, come Stone Henge, mentre leroe greco Edipo verrebbe definitivamente abbandonato "sul monte Citterio", come del resto ha gi scritto un mio studente. Ma non si tratta solo di questo. I greci e i romani avevano gi capito molto della vita e della politica, dimenticare la loro lezione sarebbe un peccato. Quando Adriano abbandon al loro destino le terre di l dal Tigri e dallEufrate, prese esempio da Catone il vecchio. Secondo il quale occorreva lasciar liberi i popoli che non potevano essere protetti. Forse, se il presidente Bush avesse letto questa frase, avrebbe desistito dallidea di "proteggere" lIraq.



news

18-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news