LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

ROMA - I palazzinari di via Gordiani
Andrea Foschi - Riccardo Iori
21 DICEMBRE 2007, IL Manifesto

INCHIESTA/1 Il business sgomberi

Un pugno di costruttori, un progetto per mille appartamenti. A un passo dal fiore all'occhiello della Roma veltroniana: il quartiere Pigneto. E i rom pagano le spese


Roma


Poco pi di un anno fa, il 2 dicembre del 2006, due giovani, Lijuba Mikic di 17 anni e Sasha Traikovic di 16, sposati da appena un mese, morirono in un rogo divampato nel campo di via dei Gordiani a Roma. In quello stesso campo, lo scorso 30 ottobre, sei prefabbricati sono stati sventrati sotto le direttive del VI e dell'VIII gruppo della Polizia municipale romana, anticipando di poco le operazioni di polizia e gli allontanamenti coatti divenuti routine dopo il brutale delitto Reggiani. Motivo ufficiale: contrastare lo spaccio di eroina, problema che da anni imperversa in quel campo, come denunciato, tra l'altro, dagli stessi rom. Motivi ufficiosi: fare un favore ai palazzinari che agognano la fine di quel campo, uno dei pi antichi e meglio integrati della capitale.
Il linguaggio burocratico utilizzato nel foglio consegnato alle persone allontanate, firmato dal dr. Francesco Alvaro, direttore del V Dipartimento (Politiche sociali) sconcertante, perfetta applicazione del messaggio biblico per il quale le colpe dei padri ricadranno sui figli: La S.V. non stata in grado di rispettare le norme che regolano la civile convivenza tra gli ospiti del campo attrezzato di via dei Gordiani. I comportamenti illeciti da Lei messi in atto escludono ogni possibilit di considerare altre soluzioni che non quella dell'allontanamento dal campo di tutto il suo nucleo familiare. Le norme evase sono quelle sancite da un patto firmato nel 2003 dall'allora presidente del Municipio VI, Vincenzo Puro, e i capifamiglia rom, nel quale la vita dei residenti era regolamentata in ogni aspetto, dall'obbligo di segnalare gli ospiti alle modalit con cui tenere animali domestici. Un comunicato del gruppo Prc al municipio in merito alle operazioni di sgombero lascia intravedere come stanno veramente le cose; a chi parla di un possibile abbattimento del campo, Rifondazione risponde: Non vorremmo che, dietro coloro che ventilano tale ipotesi, si nascondano personaggi che, da alcuni mesi, vanno proponendo iniziative speculative sulle aree, compresa quella dell'attuale campo rom, che gravitano intorno alla futura stazione Teano della Metro C. Proprio davanti all'insediamento, infatti, fervono i preparativi per la futura linea metropolitana della capitale, evento urbanistico che far schizzare alle stelle le quotazioni di terreni e appartamenti della zona, che si ritrover a essere da semiperiferica a centrale, in un angolo della capitale ancora pieno di verde e assai vicino a uno dei nuovi poli d'attrazione della Roma multietnica, tollerante e veltroniana: il Pigneto.

Chi si oppone e chi vuole l'affare
I personaggi che si nasconderebbero dietro la speranza che la zona sia bonificata dalla presenza dei rom sarebbero una cordata di costruttori che hanno specifici interessi nella zona, tra cui particolarmente attivo l'immobiliarista Renato Bocchi. L'insediamento dei rom, infatti, si trova all'interno dell'area del Piano particolareggiato Casilino-Prenestino, da anni oggetto di un tira e molla in Commissione Urbanistica. Da una parte ci sono le resistenze di ambientalisti, comitati e partiti di sinistra, per i quali i 230mila metri cubi di cemento previsti sono troppi. Dall'altra ci sono due gruppi di costruttori, uno riconducibile all'Aic (Associazione italiana casa), l'altro al Consorzio centro direzionale Casilino, raggruppamento che detiene, secondo il presidente, avv. Giuseppe Lavitola, non pi di 40-50 ettari nella zona in questione. Il Consorzio, di cui Bocchi , sempre secondo le parole dell'avv. Lavitola, uno dei maggiori azionisti, o per meglio dire consorziati, vorrebbe aumentare le cubature previste, quantomeno raddoppiando l'indice volumetrico, attualmente di 0.5 mc/mq, e arrivando alla costruzione di 1000 appartamenti dai 600 previsti. Bocchi avrebbe pi volte ribadito informalmente la necessit di modificare il piano e, contestualmente, di rimuovere il campo, che sorge su un terreno dell'Ater.

Dai terroni ai rom
Quello di via dei Gordiani il pi centrale tra i campi autorizzati rimasti a Roma, uno degli ultimi baluardi prima che il sogno, un tempo di Fini, ora di Veltroni, dei rom fuori il perimetro del Raccordo Anulare sia compiuto in pieno. Sorge tra la Casilina e la Prenestina, due grandi arterie stradali che entrano nella capitale da est. Gi nel secondo dopoguerra nell'attuale zona del campo sorgeva una baraccopoli, abitata per da italiani, principalmente immigrati del centro e del sud che si stabilirono l in attesa di una soluzione migliore. Fu alla fine degli anni '70 che avvenne il passaggio di consegne tra gli italiani e i rom che si fermarono in quell'area. I pionieri di quella esperienza, Miciu, Lazaro e Ivana, si trovano ancora l.
La maggior parte dei nuovi arrivati proveniva da Kragujevac, una delle maggiori citt serbe, anche se molti di loro erano o si sarebbero imparentati con rom di origine bosniaca. La memoria del luogo di provenienza si trascinava una cultura da proletariato industriale che non connotava assolutamente questi rom come nomadi. Il lavoro e la casa, al contrario, erano loro prerogative essenziali. La fabbrica, o in seconda battuta la manovalanza nei cantieri edili, erano, e sono tuttora, i mestieri privilegiati di questa comunit. Per gli altri la via per il sostentamento era quella dei tipici lavori del sottoproletariato romano: venditori di rose, parcheggiatori abusivi, stracciaroli, impieghi ereditati dagli emigranti italiani di Gordiani.
Il rapporto con il quartiere non stato mai problematico, lo spaccio di droga divenne una tragica realt del campo solo a fine degli anni '90, e le prime vittime furono gli stessi rom, in particolar modo i ragazzi, che oggi rappresentano la maggioranza del campo; oltre il 60% su un totale che supera di poco le 200 unit. Ragazzi che per la prima volta si trovano ad affrontare, senza reti di protezione adeguate, una fase come l'adolescenza, culturalmente sconosciuta a quel popolo. Spiega Roberto Pignoni, docente di geometria a La Sapienza e membro di Karaula MiR, gruppo antirazzista italo-sloveno attivo a via dei Gordiani: Per anni i rom sono stati bombardati di inviti a integrarsi alla nostra cultura. Questo avviene con un grosso sforzo di adattamento collettivo. I codici di comportamento e i linguaggi cambiano, un insieme di paradigmi tradizionali sono messi in crisi e i ragazzi sono sempre pi simili ai loro compagni di scuola non rom. Con una differenza: non hanno i documenti e si vedono sistematicamente rifiutare la cittadinanza italiana. Gli si dice integratevi, diventate come noi, ma nello stesso tempo gli si dimostra che non sono degni di essere come noi, che non possono avere delle case e dei lavori come i nostri. Una trappola esistenziale che antropologi e psichiatri chiamano doppio legame e che pone gli adolescenti rom in una condizione di confusione e fragilit estreme.

Alloggi sperimentali e sconosciuti
Eppure un'occasione per vivere in una situazione migliore i ragazzi di via dei Gordiani l'avevano avuta. Proprio alla fine degli anni '90 un progetto dell'allora Iacp, oggi Ater, aveva prospettato alloggi sperimentali, edificati sulla base della famiglia estesa, ed energicamente autosufficienti. Un progetto che, dopo due anni di conferenze di servizi, sembrava sul punto di partire e che avrebbe compreso anche la ristrutturazione degli altri appartamenti dell'Ater presenti in zona e l'apertura di un parco pubblico a beneficio di tutto il quartiere. Farlo sarebbe stata una prova di lungimiranza architettonica, ma anche politica e sociale, non da poco, ma Roma una citt che ha perso totalmente la sua dimensione sociale ed ormai completamente in mano ai costruttori, sono le considerazioni di Mauro Masi, architetto dell'Ater di Roma che su quel progetto continua a fare conferenze in giro per l'innovazione che avrebbe portato. Invece di un villaggio ecosostenibile nel marzo del 2002 furono montati i container, che ora il Comune sta abbattendo, molto pi costosi del progetto di Erp e molto meno vivibili, in linea con l'urbanistica del disprezzo da sempre adottata con i rom. Ricorda il senatore Salvatore Bonadonna (Prc), all'epoca assessore all'Urbanistica del Lazio: Era un progetto di 12 miliardi di lire su un totale di 6400 miliardi stanziati dalla Regione per l'Edilizia residenziale pubblica, e di cui pi di 4500 erano destinati a Roma. L'incidenza economica era irrilevante e la nascita del villaggio avrebbe potuto evitare tragedie figlie della vita in container come quella di Sasha e Lijuba. Il progetto non pass perch Storace, candidato alla Regione, diede addosso a Badaloni, colpevole di costruire le case agli zingari, e perch l'entourage di Rutelli, in procinto di sfidare Berlusconi alle politiche, giudic sconveniente firmare un simile provvedimento. Scelte miopi, se ricordiamo chi vinse, nel Lazio e in Italia.



news

24-06-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 24 giugno 2019

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

21-07-2018
Inchiesta de "L'Espresso" di Francesca Sironi: Il ministro Alberto Bonisoli e la scuola offshore

20-07-2018
Associazione Nazionale Archeologi. MIBAC: il titolo non è unopinione!

08-07-2018
Su Eddyburgh un intervento di Maria Pia Guermandi sull'Appia Antica

13-06-2018
Disponibile la relazione di Giuliano Volpe sull'attività del Consiglio Superiore

12-06-2018
Lettera aperta al Sig. Ministro dei Beni Culturali dott. Alberto Bonisoli: Per un futuro all'archeologia italiana

04-06-2018
Dalla rete: sul nuovo governo e sul nuovo ministro dei Beni culturali

Archivio news