LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Patrimonio Spa. Si vendono le manifatture storiche
Daria Lucca
Il Manifesto 31/12/2002

Un pezzo dell'Arsenale ducale a Modena, una caserma borbonica del `700 a Catania, un importante palazzo di fine `800 a Palermo, un notevole esempio di razionalismo anni `30 a Firenze. Per non parlare delle torri dell'Eur a Roma, o delle poste del centro di Milano. Non si ancora spenta l'eco delle rassicurazioni diffuse dal governo attraverso la direttiva del Cipe sull'alienazione del demanio culturale ed artistico e gi le promesse sono inghiottite da una realt ben pi prosaica: il primo elenco di beni pubblici messi in vendita entro la fine dell'anno (cio entro oggi) comprende immobili di grande pregio. Un veloce controllo da parte delle associazioni (Italia Nostra) e dei Verdi hanno messo in mora il governo e, soprattutto, il suo ministro economico, responsabile dell'operazione. Giulio Tremonti non un ministro, ma il titolare di un'agenzia immobiliare, ha ironizzato il senatore Sauro Turroni, vicepresidente della commissione ambiente di Palazzo Madama. La mossa, infatti, targata via XX Settembre. Il 24 dicembre, infatti, con il decreto legge 282, Tremonti ha accelerato il processo di dismissioni (per ora lasciando fuori la Patrimonio SpA), disponendo l'alienazione considerata urgente di una trentina di immobili. Oltre alle torri dell'Eur e alle poste milanesi, ci sono moltissime manifatture tabacchi e depositi di generi di monopolio, gia dell'Eti. Un po' di muraglie sporche dallo smog, pensa il lettore distratto, e passa ad altra notizia. Non affatto cos, persino a una iniziale sommaria ricognizione. Insiste Turroni: I beni sono fra l'altro venduti a trattativa diretta, senza alcuna gara n procedura di evidenza pubblica, ma soprattutto senza avere verificato, come impone la legge, che fra essi non vi siano beni di intresse culturale, storico e artistico. Noi verdi gi ora possiamo dire che, fra i beni elencati dal decreto, figura un pezzo dell'Arsenale ducale di Modena, importante testimonianza della storia cittadina preunitaria che l'immobiliarista Tremonti vorrebbe cancellare.

Non tutto. Allertatasi immediatamente, anche Italia Nostra ha scovato altre dismissioni sospette. Racconta la segretaria Gaia Pallottino: Le manifatture dei tabacchi di Catania sono inserite in una bellissima caserma borbonica del XVIII secolo, situata in pieno centro storico, che un progetto recente ma dimenticato voleva destinare al museo archeologico di cui la citt manca. L'associazione si sentita fra l'altro presa in giro: Pochi giorni fa, il ministro Giuliano Urbani ci aveva garantito che sarebbe stata diramata una circolare ai soprintentendenti perch visionassero gli elenchi dei beni dismessi e autorizzassero le vendite. Ora scopriamo che il soprintendente siciliano non nemmeno stato informato delle decisioni. Evidentemente, il ministro dei beni culturali stato surclassato da quello dell'economia, in barba alle direttive del Cipe che stabiliscono la preventiva consultazione ed intesa con il ministero interessato.

Invalideremo la vendita presso le competenti sedi giudiziarie, se stata perfezionata entro il 31 dicembre come annunciato, poich viola le leggi vigenti, annuncia Giovanni Lo Savio, del consiglio direttivo di Italia Nostra. Fra l'altro, non stato chiarito in che ruolo agisce, in questa vicenda, la Fintecna, societ del Tesoro: l'ex Iri commissionaria alla vendita oppure destinataria di un trasferimento a titolo oneroso?





news

15-11-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 15 NOVEMBRE 2019

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

Archivio news