LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Venezia. Il consiglio regionale rimette gli occhi su palazzo Ducale
01 DICEMBRE 2007, IL GAZZETTINO ONLINE




«Credo che il consiglio del Veneto, il massimo organo rappresentativo dell'istituzione regionale, dovrebbe avere sede in questo palazzo per restituire questo luogo alla sua originaria funzione e dare continuità a ciò che esso rappresenta nella storia e nell'identità del nostro Veneto». Il presidente del consiglio regionale del Veneto, Marino Finozzi, non si è lasciato sfuggire l'occasione di trovarsi nella sala del Piovego di palazzo Ducale per aprire il convegno su "Il patrimonio linguistico veneto: tutela e valorizzazione" per lanciare un messaggio sull'utilizzo della storica sede delle istituzioni della Serenissima, emblema dei settecento anni di storia della gloriosa repubblica e del libero governo veneziano.

«Forse sembra che io non abbia di meglio da fare che occuparmi di queste sciocchezze» è stato il, tutto sommato, scortese commento del sindaco di Venezia, Massimo Cacciari, probabilmente influenzato dal fatto che la considerazione veniva di un esponente della Lega Nord e dimentico che la proposta aveva avuto illustri predecessori nei "padri" della Regione Veneto agli albori degli anni '70. La destinazione di palazzo Ducale a sede del neonato consiglio regionale fu un tormentone che andò avanti per tutta la prima legislatura (1970-1975) quando gli uffici regionali erano sparsi in giro per la città e il consiglio si riuniva ancora a Ca' Corner, sede della Prefettura e dell'amministrazione provinciale, in attesa che venisse ultimato il restauro dei due palazzi Ferro e Fini ricavandone anche l'aula consiliare dove attualmente si svolgono le sedute del consiglio.

I notabili della vecchia Dc, che naturalmente aveva fatto il pieno di consiglieri, adocchiarono da subito i più bei palazzi veneziani per farne la sede della nuova istituzione e palazzo Ducale fu, di diritto, la prima scelta. E se già allora tante furono le resistenze da parte sia del Comune di Venezia che della Soprintendenza, che hanno sempre gestito assieme il palazzo, figurarsi oggi che il simbolo della Serenissima è meta di milioni di turisti l'anno.

La sede del consiglio fu comunque un tema che tornò in auge anche durante la quinta legislatura quando il presidente Umberto Carraro, socialista, mise gli occhi su Punta della Dogana da tempo inutilizzata: ci furono contatti con il ministero e fu perfezionato un contratto di concessione per 99 anni in cambio della ristrutturazione degli ambienti. Ma, alla fine, come spesso avviene in politica, finì tutto in una bolla di sapone. E ancora di bolla, questa volta però di vetro, si parlò durante la scorsa legislatura quando il presidente Enrico Cavaliere, leghista, commissionò a uno studio di architettura il progetto di un'aula consiliare più consona che si doveva ricavare sventrando parte di due piani di palazzo Ferro Fini. Anche allora non se ne fece nulla e si optò per un maquillage della vecchia sede e all'acquisto e ristrutturazione di palazzo Torres Rossini per ospitare i gruppi consiliari.

Giuseppe Tedesco



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news