LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

NAPOLI - Sfregiato un leone di piazza dei Martiri
FABRIZIO CAPPELLA
01 DICEMBRE 2007, LA REPUBBLICA - NAPOLI



Subito partite le indagini della polizia sullatto di teppismo compiuto probabilmente con una accetta

Raid nella notte: qualcuno ha tranciato di netto la coda della statua




La coda spaccata di netto e abbandonata sullerba, a testimonianza dellennesimo atto vandalico in piazza dei Martiri, nel salotto della citt, ancora una volta violato: la vittima uno dei leoni di marmo che stanno alla base del monumento. Un vero e proprio raid teppistico compiuto nella notte tra gioved e venerd.
La amara scoperta ieri mattina, ad opera di un giardiniere del Comune: sul prato che circonda la colonna, luomo si imbatte con sua grande sorpresa e sconcerto su due pezzi di marmo abbandonati, uno pi grande, della lunghezza di circa cinquanta centimetri, laltro pi piccolo.
Non ci vuole molto a scoprirne la provenienza: al leone trafitto dalla spada, dedicato ai caduti carbonari del 1820, manca proprio lultimo pezzo della coda. Il giardiniere avverte immediatamente la polizia, arrivano anche i vigili urbani che presidiano la zona: dopo i rilievi del caso, i pezzi danneggiati vengono affidati ai tecnici del Comune, che dovranno provvedere alla riparazione che si preannuncia non facile, perch in passato quella statua aveva gi subito danni simili.
Lipotesi pi probabile quella dellincomprensibile gesto di uno o pi vandali: la coda di marmo ha uno spessore di almeno dieci centimetri, difficile pensare a un qualsiasi tipo di incidente o alle conseguenze dellingenua bravata di qualcuno che ha provato a salire sulla statua. La rottura, insomma, sembra proprio voluta. Un taglio netto, uno sfregio.
Una vicenda destinata inevitabilmente a innescare da una parte polemiche e dallaltra iniziative giudiziarie. Queste ultime possono dirsi gi automaticamente partite con i rilievi effettuati dagli agenti della polizia e da quelli dei vigili urbani. La zona dove avvenuto il misterioso raid di competenza del commissariato San Ferdinando guidato dal vice questore Pasquale Errico. I suoi investigatori sono gi al lavoro per cercare ogni traccia possibile o una eventuale testimonianza che li possa condurre allautore o agli autori del gesto probabilmente compiuto con una accetta o qualcosa di molto simile a questa. I riflessi di questa indagini saranno poi come prassi vagliati dallautorit giudiziaria che, davanti a elementi precisi, potr muoversi in una precisa direzione.
Il secondo aspetto, le polemiche, sono legate al ruolo e al momento del raid vandalico. In pieno centro, alla vigilia del periodo natalizio, proprio mentre infuria il dibattito su come blindare i fine settimana del salotto buono della citt per sottrarlo alla movida selvaggia, alla aggressioni e alle violenze che hanno gi segnato le scorse settimane.
Lattacco al monumento principale di piazza dei Martiri mette a nudo la mancanza di un presidio notturno: chi ha agito armato di unascia o di qualcosa di molto simile ha potuto farlo praticamente indisturbato, certo dellimpunit. Uno smacco ai veri progetti sicurezza di cui si dibatte costantemente e un allarme per ci che potrebbe ancora succedere nelle prossime settimane. Lo sfregio avvenuto infatti anche dopo una evidente mobilitazione delle forze dellordine che nelle ultime settimane hanno preso a presidiare con continuit la zona liberandola anche dai parcheggiatori abusivi e dalle auto posteggiate in sosta vietata. Ma evidentemente non basta, occorre un presidio maggiore anche in piena notte.
Prorio sul tema della movida selvaggia, del caos e dei raid in pieno centro possibile intervenire in un partecipato forum aperto dal sito napoletano di "Repubblica". Basta andare allindirizzo web www.napoli.repubblica.it , registrarsi ( tutto assolutamente gratuito) e dire la propria rilasciando commenti o proponendo soluzioni alla questione aperta.
Il leone trafitto dalla spada, realizzato dallo scultore Stanislao Lista, uno dei quattro simboli eretti a memoria dei martiri della citt, posti alla base della colonna voluta da Ferdinando II e dedicata alla Vergine della Pace: il leone morente (di Antonio Busciolano) ricorda i caduti repubblicani del 1799, i due dallaspetto feroce (di Pasquale Ricca e Tommaso Solari) i martiri liberali e garibaldini del 1848 e del 1860.








news

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

20-08-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 20 agosto 2019

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

Archivio news