LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

La vita dimenticata dei musei civici
D. L.
Il Manifesto 28/12/2002

La Nascita di Venere di Botticelli e L'Annunciazione di Leonardo hanno rischiato di restare al buio per morosit della Galleria degli Uffizi nei confronti dell'Enel. Cos ironizzava, ma non troppo, un recente numero dell'Economist, riassumendo in pura short story il dramma dei beni culturali italiani, sottoposti alla cura dimagrante imposta dalla nuova politica berlusconiana in tema. In realt, i capolavori custoditi nella pinacoteca pi celebre del mondo non corrono al momento grandi rischi, tantomeno quelli dovuti alla mancanza di pubblicit. Che cosa succede, viceversa, in periferia nei piccoli musei civici dove la luce dei riflettori mediatici quasi sempre spenta? In un clima di effervescente corsa alla privatizzazione, si arriva al museo civico archeologico Oreste Nardini di Velletri con l'idea, inculcata dalle chiacchiere da caff, che il periodo pubblico della collezione sia alla fine dei suoi giorni. La smentita, decisa e garbatissima, viene dalla direttrice, Anna Germano: La notizia non potrebbe essere pi falsa perch il museo sta camminando sulle sue gambe, che sono pubbliche, con l'accordo degli amministratori locali, sindaco in testa.

Neanche si fosse grand tourist originali, il giro parte dall'ultimo dei castelli romani, quello pi lontano dalla capitale e allungato verso il sole dell'agro pontino. I Borgia vi allestirono, con pezzi provenienti da tutto il mondo, una casa museo il cui nucleo pi antico fu poi venduto ai Borboni (e ora impreziosice il museo archeologico di Napoli). Dunque, l'idea di Tremonti non nemmeno nuova. Anzi. Un'altra parte del patrimonio locale finita al Louvre, nelle vesti di una Pallade scoperta in zona proprio durante il passaggio dei soldati napoleonici.

Fortunatamente, l'ultimo ritrovamento, un bellissimo sarcofago di marmo pario risalente al II secolo, raffigurante le fatiche di Ercole, scampato a vendite e razzie di guerra. E' l, esposto sotto una serie di faretti la cui disposizione la direttrice non pu criticare, poich infinite sono le clausole a protezione degli allestitori privati che hanno riorganizzato gli spazi (anche questa una riflessione per gli assatanati del privato meglio: non era il pubblico, ad essere troppo rigido?). Il rapporto con la citt buono, dice Germano: I fruitori per eccellenza dei nostri tempi sono le scuole. Metteremo in gara un progetto didattico indirizzato alle elementari. Le associazioni concorrenti dovranno assicurarci le visite didattiche a un prezzo piuttosto contenuto. Noi prevediamo dieci cicli, per altrettante classi, di tre lezioni archeologiche ciascuno pi una simulazione di scavo. Per tappare la bocca alle malelingue, si garantisce che il museo veliterno aperto tutti i giorni, ecluso il luned, e che il biglietto alla portata di tutte le tasche.

Spostandosi a ritroso, verso Roma, e abbandonata l'Appia, ci si imbatte in Lanuvio. Che abbia dato i natali a Commodo notizia che non interessa pi neanche Ridley Scott. Che i lanuvini, sconfitti insieme agli altri componenti della Lega Latina, abbiano scansato il tipico destino riservato ai perdenti ottenendo persino la cittadinanza romana grazie alla presenza nel loro territorio del santuario di Giunone Sospita, un dettaglio per addetti ai lavori. Che viceversa l'anno scorso si sia trovata una villa di epoca imperiale la quale, per mancanza di fondi, stata rissotterrata, essendo la terra l'unico sistema di protezione gratuito, notizia che dovrebbe fare indignare tutti coloro che talvolta si dilettano a spulciare le voci di spesa dello stato, della regione Lazio e della provincia di Roma: non si potrebbe rinunciare a qualche disertato convegno e dirottare su queste voci bilanci un po' pi consistenti? Anche Lanuvio vanta un museo civico. Spiega il direttore, Luca Attenni: Abbiamo appena ripristinato i vecchi locali esistenti dal 1913 e distrutti durante la seconda guerra mondiale. Lavoriamo molto con le scuole e, per la festa del vino novello, abbiamo organizzato un laboratorio di ceramica archeologica. Nell'immediato futuro, abbiamo in progetto di risistemare l'area del Ponte di Loreto, sulla vecchia Via Antiatina, dove si appena espopriato un terreno.

Su Albano, inutile sprecare parole. Pino Chiarucci ricorda con un certo orgoglio: Il nostro, stato il primo museo ad aprire con i poteri delegati alle regioni nel 1975 e da allora ci siamo mossi avendo due punti cardine: la ricerca e la didattica. Ad Albano, dove la seconda legione partica severiana si accamp per restarvi, dopo i rigori della Siria, godendo della fresca aria di collina, si fa dell'archeologia sperimentale: Lavoriamo con l'universit di Nimes sulla gladiatura e sulla cavalleria con i belgi. Dai resti dell'accampamento di Albano abbiamo ad esempio scoperto che gli ordini, al vertice della legione, venivano dati con una sorta di sistema binario. Il museo civico vive di donazioni e di consegne (e va qui ricordato che ogni cosa scoperta nel sottosuolo appartiene per legge allo stato). E' certo il servizio pi amato dalla cittadinanza, anche se frequentato molto meno delle sale di videogiochi: Ma abbiamo fornito tante occasioni di lavoro a ragazze e ragazzi che hanno frequentato i nostri corsi di mosaico antico o di restauro. Molti di loro si sono costituiti in cooperativa, uno fa il restauratore in Vaticano.

Tre luoghi, tre storie, una sola morale. E' molto probabile che un turista-culturale, informato di questi percorsi, sceglierebbe Albano, Lanuvio o Velletri per un pomeriggio archeologico fuori del solito tour. Se non lo fa, soprattutto perch non lo sa. Se il ministro Urbani ha veramente a cuore il patrimonio italiano, cominci con il renderlo visibile, magari con campagne promozionali mirate.



news

25-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news