LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Diritti d'autore e brevetti contro gratuit, uno scontro evitabile
Emanuela Di Pasqua




Parla Giovanni Ziccardi, rappresentante di IP Justice, il gruppo internazionale che si batte per una riforma del copyright


L'errore pi grave Non capire che Internet un mondo a s e ostinarsi a cercare di assimilarlo al mondo dei bilanci a partita doppia




Il gruppo internazionale di tutela delle libert civili IP Justice (www.ipjustice.org) che da pi di un anno si batte per una riforma del copyright, ha recentemente pubblicato un rapporto che analizza il trattato panamericano Free Trade Area of the Americas Treaty(Ftaa), denunciandone i pericoli per la vita di migliaia di americani in tema di diritti di propriet intellettuale.


E' in discussione infatti un importante accordo commerciale tra il Nord e il Sud America che dovrebbe aprire le porte ad una vasta area di libero scambio e che prevede un intero capitolo dedicato all'Intellectual Property. Nel rapporto di IP Justice sono denunciati tutti i pericoli in cui incorrer chiunque utilizzi piattaforme P2P, DVD, ecc. Per combattere questa situazione, IP Justice ha lanciato una petizione che mira a rivedere completamente l'intero capitolo del trattato dedicato al copyright. Incuriositi siamo andati a cercare il professor Giovanni Ziccardi dell'Universit di Milano, uno degli animatori dell'iniziativa, che fa parte del board of directors di IP Justice e ne il rappresentante italiano, esperto di diritto digitale e fondatore e direttore della rivista scientifica internazionale Ciberspazio e Diritto - Cyberspace and Law




Il diritto d'autore ha subito delle distorsioni secondo lei negli ultimi tempi?




Internet arrivata in un contesto economico e tecnologico in cui il diritto d'autore soffriva gi di una malattia terminale. La Rete ha fatto in modo che un qualsiasi ragazzino potesse avere nelle proprie mani il potere distributivo di una major, consentendo tra l'altro una distribuzione capillare mai verificatasi prima (basti pensare al Blair Witch Project o all'iniziativa di Stephen King, che hanno saltato a pi pari le rispettive catene distributive). Inoltre Internet ha permesso la condivisione della conoscenza, senza alcun rispetto per le regole del mondo fisico. Tutto questo ha portato a una reazione dell'ordinamento e alle conseguenti distorsioni. L'ordinamento infatti non ha avuto attenzione verso il consumatore n verso l'autore, ma ha deciso di assumere un atteggiamento sanzionatorio. La distorsione sta dunque in parte nell'ordinamento giuridico e in parte nel substrato politico, come evidenzia il rapporto triennale appena uscito del US Copyright Office, reperibile anch'esso sul sito di IP Justice, dimostrando ancora una volta una scarsa attenzione verso i mutamenti della societ civile.Ma la percezione della gente qual ? Non le pare che le violazioni al diritto d'autore stentino a essere catalogate come reati?




Indubbiamente. Noi stiamo vivendo uno di quei momenti storici in cui determinate comunit hanno comportamenti difformi dal diritto per un divario di linguaggio e di modalit di vita che fanno s che troppe persone si sentano estranee, con riferimento al fenomeno Internet, all'intento dei governi e, soprattutto, del legislatore. Forse stato sottovalutato l'impatto che Internet ha avuto nella societ civile. Non basta una legge per rimediare a questo senso di estraneit. Ci nonostante esistono delle formule alternative e degli spazi di dialogo. Per esempio, nonostante il navigatore sia portato alla gratuit dei contenuti, l'esperienza di Apple e di iTunes ha dimostrato che esistono margini di business.




L'Europa sta prendendo il peggio degli Stati uniti a proposito di copyright, assumendo un atteggiamento liberticida. Ma quali sono le differenze pi vistose tra la realt europea e quella americana?




La vera diversit sta nell'assenza in Italia, e in parte anche in Europa, di una tradizione di associazioni in grado di fare lobby politica e di radunare e rappresentare i consumatori e i navigatori e 'cittadini' di Internet.




Quali sono i rischi della brevettabilit del software, tutt'ora all'esame della comunit europea?




I rischi, o meglio le certezze, riguardano le difficolt in cui incorrerebbero i piccoli e medi sviluppatori e, di conseguenza, tutto il mondo dell'open source. Inoltre il software in questo modo si troverebbe a essere protetto su due fronti differenti e incrociati: il diritto d'autore e la brevettabilit. La cosa che deve far pensare a una sorta di ammissione di colpevolezza , tra le altre cose, che in fase di discussione della direttiva McCarthy fu ventilata la possibilit di prevedere fondi speciali per la tutela delle aziende che avrebbero incontrato difficolt commerciali ed operative nel nuovo ordinamento giuridico.




Uso personale e uso commerciale: questa distinzione rimane basilare nelle sanzioni?




E' proprio in questa direzione che si sta colpendo, con il rischio che il vecchio uso personale venga talmente limitato da sparire. Per esempio c' un emendamento alla direttiva comunitaria sulla propriet intellettuale proposto dalla signora Janelly Fourtou (parlamentare francese conservatrice e moglie dell'amministratore delegato di Vivendi) in cui si propone la prigione per i crimini legati al file sharing musicale anche quando si tratta di uso non commerciale. IP Justice sta facendo una campagna anche contro proposte di tale tipo.




Barriere tecnologiche e leggi dei governi: perch le aziende non usano di pi le prime?




Perch per le aziende pi facile e meno impopolare passare dai governi chiedendo una legislazione ad hoc, ovviamente restrittiva, piuttosto che utilizzare una barriera tecnologica con il rischio di contrariare il consumatore.




Brevetti e innovazione: esiste questo collegamento pi volte citato tra riconoscimento economico ed esclusiva da una parte e movente a innovare dall'altra?




Il mondo dell'open source e la diffusione del codice libero sono la testimonianza pi vistosa dell'erroneit di questo pensiero. Quello che porta all'innovazione lo scambio delle culture e delle idee, la libert di condividere, non il vincolo dei brevetti.




Il pi grave sbaglio nei tentativi di trovare una soluzione giuridica alla necessit di tutelare la propriet intellettuale?




Non voler capire che Internet un mondo a s e ostinarsi a cercare di assimilarlo al mondo tradizionale dei bilanci a partita doppia.



news

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

16-08-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 16 agosto 2019

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

Archivio news