LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

2003, i Vandali (di Tremonti) sono tornati
Giuseppe Chiarante
L’Unità, 31-OTT-2003




Dunque, la volontà di Tremonti di accelerare la procedura per inserire anche i Beni culturali nel patrimonio che al più presto potrà essere messo in vendita allo scopo di colmare i buchi del bilancio, alla fine è prevalsa; soffocando col ricorso alla fiducia le obiezioni di settori della maggioranza e non consentendo a Urbani neppure di salvare la faccia.
L'approvazione del principio del silenzio-assenso, in una materia così delicata come quella del pronunciamento della Soprintendenza per la salvaguardia del patrimonio culturale, costituisce infetti una pagina nera che conferma una ormai brutta consuetudine: quella, inaugurata da alcuni anni, di utilizzare il dibattito sulla Finanziaria per sottoporre anche la tutela dei Beni culturali a una logica mercantile, preoccupata soprattutto di fare cassa.
Ma ricordiamo i fatti.
Due anni fa a tener banco fu la proposta di prevedere la possibilità di cedere ai privati la gestione dei musei statali.
Ci volle allora non solo la mobilitazione di tanta parte della cultura italiana, ma un appello allarmato dei direttori dei principali musei di tutto il mondo (compresi i tanto decantati musei americani) per costringere il governo a fare marcia indietro e a limitare l'eventuale privatizzazione ai servizi per il pubblico.
Ma intanto l'idea che i beni culturali potevano essere usati come mercé per fare cassa era lanciata. Ed infarti, proprio mentre si discuteva della gestione dei musei, passava quasi alla chetichella la famosa legge 410 del 23 novembre 2001, sulla privatizzazione del patrimonio immobiliare pubblico: cioè una legge che sarebbe diventata la madre non solo della tanto criticata "Patrimonio S.p.A.", ma della famigerata Scip che in modo così poco trasparente (con un amministratore inglese e con capitale versato di due società olandesi) ha proceduto e sta procedendo alla vendita dei beni pubblici.

Un anno fa Tremonti e Urbani tornarono all'assalto, inserendo in un maxiemendamento alla finanziaria la previsione dell'affidamento a soggetti non statali della gestione nientemeno che dei beni culturali di interesse “nazionale”. In questo caso proprio l'immediata denuncia di questo giornale, seguita dalla protesta di tutta l'opposizione e anche di parlamentari della maggioranza, consentì di tamponare la falla. Ma il governo approfittò della vigilia di Natale per inventare con un decreto legge (una prova che veramente illimitata è la "fantasia creativa" di Tremonti) la nuova figura giuridica della "dismissione urgente": che portò a mettere in vendita in tre giorni decine di immobili in tutta Italia, senza alcun vaglio preventivo, anche nei casi di beni di carattere storico, da parte degli organi scientifici del Ministero per i Beni e le Attività culturali.

Quest'anno l'offensiva è diventata ancora più massiccia, perché al centro del decreto-legge collegato alla finanziaria che ha l'obiettivo di portare un po' di soldi nelle casse dello Stato vi sono due operazioni che entrambe costituiscono una gravissima minaccia per il patrimonio culturale e per l'ambiente così paesaggistico come urbano: ossia il nuovo condono edilizio e una massiccia vendita del patrimonio immobiliare dello Stato e degli altri enti pubblici.
In entrambi i casi la preoccupazione era ed è accentuata (già ne ha parlato incisivamente su queste colonne Vittorio Emiliani) dalla carenza di garanzie che valgano ad evitare che queste operazioni producano guasti irreparabili nel patrimonio del Bel Paese.
Come è noto, la polemica aperta su questo tema aveva ottenuto la settimana scorsa un primo risultato provocando una rottura nella stessa maggioranza: era così stato battuto al Senato, nell'esame in commissione, l'emendamento che mirava a vanificare, col principio del silenzio assenso, le eventuali resistenze degli organi tecnici del Ministero per i Beni culturali.
Ma nel maxiemendamento presentato in aula blindato col voto di fiducia al fine di soffocare i dissensi il governo ha riproposto la norma già respinta in commissione, stabilendo cosi la scadenza capestro di 120 giorni entro i quali le Soprintendenze debbono pronunciarsi in modo definitivo sull'esistenza o meno dell'interesse culturale del bene da alienare.
È vero che in tal modo si passa dal termine genericamente indicato come "perentorio" (e che già inizialmente era di 90 e non di 30 giorni) a quattro mesi in questo caso davvero non superabili.
Anche 120 giorni, però, possono essere veramente pochi per un' analisi approfondita e circostanziata quale un parere di questo tipo ovviamente richiede: troppo pochi soprattutto se si tiene conto che saranno moltissimi i beni dei quali, se si vuol conseguire il risultato finanziario proposto, l'Agenzia del Demanio proporrà la vendita.

Il ministro Urbani ha cercato in proposito di tranquillizzare l'opinione pubblica dicendosi contrario al silenzio-assenso (ma perché, allora, il suo consenso al maxiemendamento?) e assicurando in un'intervista che in ogni caso egli non lascerà alienare i "tesori dello Stato". Certo, sono anch' io convinto che fra i beni che saranno posti in vendita non ci sarà, per esempio, la Certosa di San Martino, come qualche giornale ha ritenuto goffamente di poter anticipare: una Soprintendenza come quella di Napoli, diretta da uno studioso quale Nicola Spinosa, non consentirà certo l'alienazione di uno dei principali monumenti non solo di quella città, ma dì tutta Italia.
Ma il pericolo concreto è che, nella miriade di proposte riguardanti il patrimonio culturale cosiddetto minore, una struttura ministeriale ormai estremamente impoverita di uomini e di mezzi non sia in grado di garantire quel vaglio scientifico puntuale e approfondito che eviti la svendita di beni che nel loro insieme costruiscono la straordinaria ricchezza della cultura e della storia italiana.
È questo un punto che mi pare sia stato sottovalutato anche da Salvatore Settis, nell'articolo pubblicato una settimana fa su Repubblica.
Non ritengo che la norma del decreto legge sia in contraddizione come egli scrive con la rigorosa tutela prevista dal nuovo Codice dei beni culturali: sembra a me, al contrario, che il Codice semplifichi in modo eccessivo le garanzie in materia di alienazione, che erano molto più dettagliate nel regolamento 283 del 2000, non a caso dichiarato "abrogato".
E le garanzie sono nella pratica ancor più indebolite dal decreto legislativo di riforma del Ministero, che moltiplica gli uffici dirigenziali generali, ma impoverisce i quadri scientifici e tecnici a disposizione del Ministero e soprattutto delle sue strutture operanti sul territorio.
Non vi è dunque un Ministro dei beni culturali buono, da sostenere contro i vandali guidati da Tremonti che minacciano il saccheggio dei beni culturali.
Vi è, invece, una politica complessiva del governo che imposta in termini economicistici e mercantilistici l'intervento in questo campo e così compromette le radici di una seria azione di salvaguardia.
Questa impostazione è favorita 'sia dall’abbassamento della qualificazione scientifica del Ministero, sia dall'indebolimento della normativa di tutela che deriverebbe dal varo senza serie modifiche del nuovo Codice. È l'insieme di questa politica che va perciò fermamente combattuto.



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news