LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Puglia Sequestrato villaggio dei vip. Fra gli acquirenti Legrottaglie
Cesare Bechis
Corriere del Mezzogiorno 06/11/2007

TARANTO - Ville, piscina, multiproprietà, ristorante, campi da gioco, un tratturello: un`oasi di verde e di pace lontano dai frastuoni, adiacente al Golf Club di Riva dei Tessali e a meno di un chilometro dal mare.
Vi avevano comprato casa, tra gli altri, il giocatore della Juventus Nicola Legrottaglie, e alcuni magistrati baresi, oltre a professionisti e imprenditori. Un intero villaggio turistico-residenziale, insomma, nel cuore della pineta dell`arco fonico a Castellaneta marina, a trenta chilometri da Taranto sulla statale 106 per Reggio Calabria, ma tutto violando i vincoli ambientalistici. Ieri mattina, gli uomini del nucleo investigativo della polizia ambientale forestale (Nipaf) hanno posto sotto sequestro preventivo la lottizzazione «Catalano-Petronello» realizzata nelle vicinanze di una riserva biogenetica.
Tre persone, l`ingegner Renato Notarnicola e l`architetto Pasquale D`Alò, funzionari del Comune di Castellaneta, e Liborio Dibattista, titolare della «Turismo Jonio Europa», di Gravina di Puglia, che sta realizzando l`insediamento, sono stati denunciati a piede libero per i reati variamente contestati di concorso, abuso d`ufficio per aver provocato un ingiusto vantaggio patrimoniale, distruzione di bellezze naturali protette, occupazione e distruzione di tratturo demaniale. I provvedimenti sono stati eseguiti su ordine del giudice per le indagini preliminari Pio Guarna che ha accolto le richieste del pubblico ministerro Mariano Buccoliero.
In sostanza, secondo la tesi dei magistrati, questa lottizzazione ha violato quasi tutte le norme della legge Galasso e dei così detti «Galassini» che tutelano gli habitat naturali e seminaturali, la flora e la fauna selvatica e le aree protette. Il sequestro riguarda un`area di circa dieci ettari nella quale erano stati già costruiti un residence e 260 villette sulle trecento previste, singole e in multiproprietà; il ristorante era
in via di ultimazione, alle altre ville mancavano solo gli
infissi, l`albergo non esiste ancora. Il provvedimento
del magistrato lascia la facoltà d`uso a tutti i proprietari
per evitare danni a quanti non rientrano nell`indagine.
La lottizzazione ha coinvolto, per un`estensione di circa
seimila metri quadrati, anche il «Tratturello demaniale
Pineto», coinsiderato al pari degli altri, bene non utilizzabile per il valore archeologico e culturale. Su questo pezzo di «storia» gli immobiliaristi avevano intenzione di realizzare parcheggi, aiuole e servizi. Gli stessi proprietari, hanno
specificato gli uomini della Forestale (Silletti, Verdiglione,
Priscianteili, Lucarella), due mesi fa avevano ricevuto una sanzione di 26.600 euro per occupazione abusiva dei tratturello.
L`indagine ha preso il via otto mesi fa quando la società ha chiesto l`autorizzazione per l`accesso al mare, dopo aver presentato domanda anche per l`uso dell`area demaniale come spiaggia attrezzata.
Gli agenti del Corpo forestale hanno accertato che, a partire dal settembre 2002, sono stati rilasciati numerosi permessi da parte dei Comune di Castellaneta senza, però, aver mai richiesto e acquisito preventivamente il nulla osta sul vincolo paesaggistico
e la valutazione di incidenza da parte della Soprintendenza
e dell`Ufficio parchi della Regione.
Si tratta di atti propedeutici a qualsivoglia autorizzazione. In altre parole, hanno detto i responsabili del corpo forestale durante l`incontro con la stampa, tutti i vincoli esistenti
sulla zona della lottizzazione avrebbero consentito di realizzare
quasi nulla di quanto hanno, al contrario, è stato costruito.
Le indagini, seguite passo dopo passo dai magistrati della procura di Taranto, hanno messo in evidenza che molte Dia (domande inizio attività) sono state seguite dall`effettuazione
dei lavori per il meccanismo del silenzio-assenso e quasi
tutte le altre non avevano mai ottenuto il via libera della Soprintendenza.
Ciò ha portato alla violazione di tutte le restrizioni in materia
di protezione ambientale. Le villette sequestrate hanno un costo variabile da 120 a 250 mila euro; Tutti i beni sottoposti a sequestro valgono tra 50 e 60 milioni di euro. A carico del proprietario è stato elevato un verbale di contestazione di illecito amministrativo che varia da 31 a 71 mila euro, oltre a sanzioni per la violazione dei vincolo idrogeologico. Il
rischio per gli indagati è di finire in carcere per un periodo da tre a dodici anni.



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news