LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

La giunta disegna la struttura della Conservatoria delle coste
Piero Mannironi
La Nuova Sardegna, 2 novembre 2007

CAGLIARI. Una gestazione lunga e tormentata, ma finalmente la Conservatoria delle coste sarde esce dal limbo di una legge che aveva definito la filosofia alla quale si ispira e i suoi obiettivi. Mercoledì la giunta regionale ha infatti dato carne e sangue a questa Agenzia che avrà il delicatissimo compito di tutelare e gestire i gioielli naturalistici sulle coste. Un formidabile strumento di tutela ambientale, che si ispira ad esperienze mature come il Conservatoire du littoral francese e il National Trust inglese. L’altro ieri, la giunta regionale ha finalmente disegnato con una delibera lo statuto della Conservatoria delle coste sarde, stabilendone funzioni, organizzazione amministrativa e ruolo giuridico. Sono stati anche definiti gli organi della Conservatoria: il comitato scientifico, il direttore esecutivo e il collegio dei revisori: tutti nominati con decreto del presidente della Regione, su delibera della giunta regionale. L’Agenzia ha una personalità giuridica di diritto pubblico ed è dotata di autonomia regolamentare, finanziaria, organizzativa, amministrativa, patrimoniale, contabile e gestionale. Ma ecco come vengono definite le finalità della Conservatoria delle coste della Sardegna (istituita con la legge regionale numero 2 del 29 maggio 2007) nell’articolo due dello statuto licenziato dalla giunta: «Le finalità istituzionali dell’Agenzia sono quelle di salvaguardia, tutela e valorizzazione degli ecosistemi costieri e di gestione integrata delle aree costiere di particolare rilevanza paesaggistica e ambientale». Fino al febbraio scorso, la Conservatoria aveva vissuto in una specie di animazione sospesa, tra due delibere della giunta: una che la istituiva e l’altra che definiva la fase di studio e organizzazione. Mancava solo una legge per farla camminare. E questa è arrivata con l’articolo 16 della legge regionale numero due di quest’anno, dove veniva prevista la trasformazione del Servizio della Conservatoria (fino ad allora una semplice costola amministrativa della presidenza della giunta) in un’agenzia regionale. Un’Agenzia che, prima ancora di nascere, ha avuto e ha ancora molti nemici. Alcuni palesi e altri occulti. Il perché è semplice: diventerebbe un ulteriore bastione per frenare l’avanzata del cemento sulle coste dell’isola. Perciò non è difficile immaginare che dietro alcuni scetticismi dichiarati e improvvise frenate politiche si siano mossi in tutti questi anni ambienti imprenditoriali e finanziari che temono un ulteriore indebolimento di progetti speculativi fondati sul mattone. L’esperienza francese, alla quale la giunta Soru si è ispirata, ha dimostrato che il modello può funzionare. Non solo, ma che il modello può essere perfino condiviso e difeso dalla gente e dalle amministrazioni locali. L’esempio più clamoroso è quello della vicina Corsica, dove il Conservatoire du littoral controlla ormai direttamente il 20% delle coste e, al termine di un programma di interventi in corso, arriverà addirittura a gestire il 40% dei litorali dell’Isola di Bellezza. Ma ecco le funzioni e le competenze che vengono attribuite alla Conservatoria delle coste sarde dallo statuto: 1) coordinamento delle iniziative regionali in materia di gestione integrata delle zone costiere nei rapporti con altre regioni italiane e con le autorità locali dei paesi rivieraschi del Mediterraneo; 2) il coordinamento delle iniziative in materia di gestione integrata delle zone costiere poste in essere dall’amministrazione regionale, dagli enti locali e dagli organismi di gestione di aree marine protette o di altre aree e siti di interesse comunitario; 3) la promozione e la diffusione delle tematiche relative alla tutela ambientale e paesaggistica e allo sviluppo sostenibile delle aree costiere; 4) l’elaborazione degli indirizzi e dei criteri fissati nell’articolo 43 della legge regionale numero 9 del 2006; 5) l’esercizio del diritto di prelazione sugli atti di vendita di terreni e immobili derivanti da assegnazioni pubbliche, che ricadono nella fascia costiera dei due chilometri dal mare; 6) l’esproprio e/o l’acquisto di quelle aree e di quei beni immobili la cui qualità ambientale, paesaggistica e culturale è tale da ritenere necessaria la loro conservazione o salvaguardia; 7) l’esercizio delle competenze regionali in materia di demanio marittimo e costiero nelle aree demaniali immediatamente prospicenti le aree di conservazione costiera e sui singoli beni a esso affidati; 8) l’esercizio delle competenze demandate alla Regione per i beni del patrimonio culturale immobiliare ricadenti nelle aree di conservazione costiera a essa affidate; 9) attivare forme di collaborazione con i Comuni, singoli o associati, al fine di garantire la predisposizione dei piani di valorizzazione delle terre civiche e privilegiare l’adozione degli atti di disposizione dei terreni civici; 10) determinare forme e strumenti di collaborazione e reciproca informazione con il sistema delle autonomie e con le altre istituzioni ed enti predisposti alla gestione del territorio. Lo schema di statuto, nel quale tra l’altro viene anche abbozzata l’organizzazione interna e la dotazione di personale, sarà ora spedito in Commissione che dovrà esprimere il suo parere. Insomma, non è ancora finita. Ma a questo punto dovrebbe mancare davvero poco per arrivare alla nascita della Conservatoria. Soddisfazione negli ambienti ecologisti. «E’ un buon passo in avanti - dice Stefano Deliperi del Gruppo d’Intervento Giuridico e Amici della Terra che da anni si batte in favore dell’Agenzia -. La Conservatoria delle coste sarde ha il compito di promuovere acquisizioni al demanio regionale, con vincolo di destinazione, di terreni lungo i 1.850 chilometri di costa dell’isola, anche attraverso sottoscrizioni pubbliche, lasciti testamentari, permute, comodati gratuiti da privati e da altri enti. E di tutelare questo patrimonio naturalistico e paesaggistico dai rischi ai quali è sottoposto». Dice ancora Deliperi: «Secondo la previsione normativa, la Conservatoria potrà agire su più livelli. Gestirà i beni immobili costieri di rilevante interesse paesaggistico e ambientale facenti già parte del patrimonio e del demanio regionale, ma potrà anche acquisire i territori costieri dall’equilibrio ecologico più fragile o a rischio di degrado e compromissione sia attraverso accordi con amministrazioni statali o locali o enti pubblici, sia mediante donazioni, acquisti attraverso sottoscrizioni pubbliche, permute con privati. Nel caso di donazioni o lasciti testamentari, i terreni saranno acquisiti al Demanio regionale con specifico vincolo di destinazione in favore della Conservatoria delle coste sarde».



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news