LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Le mani sulla citt (antica)
Stefano Caselli
Il Manifesto 28/12/2002

Grazie all'iniziativa del governo, in vendita ai privati un pezzo dello storico rione Monti, nel centro di Roma.



Della Roma che fu non leggi solo sui libri di storia o sulle edizioni extralusso dei libri fotografici. Basta camminare con il naso all'ins. Talvolta si pu anche abbassare lo sguardo, scorgere volti e voci che rimandano ad un filo di secoli rinnovato e non interrotto di tante piccole comunit che ancora vivono con il marchio della propria pelle sui mattoni delle case. Capita al rione Monti, ventimila abitanti sulle spalle del Colosseo e dei fori imperiali. Molti commercianti, piccole botteghe di artisti e artigiani, gente che - forse - non ha mai affidato i propri locali a uno stilista d'interni e non nasconde il retrobottega. Non si sentono obbligati a sorridere se entri in negozio, ma conversano volentieri.

Capita al rione Monti, dove la citt globale fatta di servizi e vetrine luccicanti sgomita per entrare. A due passi da piazza santa Maria dei monti, tra palazzi sette-ottocenteschi cresciuti come rampicanti sulle piante di troppi piani regolatori, c' un edificio che nasconde la propria grandezza dietro un'anonima porta lamierata. Da un piccolo foro si scorge un porticato, un ampio e desolato cortile che ricorda un set di Sergio Leone. E' l'ex istituto Angelo Mai, antica scuola elementare e media del rione, gestita per pi di un secolo - lascito napoleonico dell'ottocento - dai padri lasalliani.

A pochi passi c' una lapide incrostata con circa 150 nomi di prodi montiani caduti nella prima guerra mondiale. Molti di loro - probabilmente - prima di partire per l'Isonzo, il Carso, le Dolomiti e gli altipiani e non fare pi ritorno, avranno varcato il portone dell'Angelo Mai e come loro generazioni di abitanti del rione.

Complice la crisi delle nascite - e dopo una breve parentesi in cui fu utilizzato come centro d'accoglienza per immigrati - la scuola ha chiuso i battenti verso la fine degli anni ottanta; i padri lasalliani se ne sono andati e hanno restituito le mura al demanio.

Il barile della Patrimonio spa

Tanti beni di propriet del demanio sono finiti nel grosso barile della Patrimonio spa e una delle mestolate che ne raschiano il fondo ha catturato anche l'Angelo Mai. Un accordo tra il comune di Roma (tramite l'assessore al patrimonio e alle politiche abitative Claudio Minelli) e il ministero dell'Economia ne ha concordato la vendita a privati.

Le voci che si rincorrono sulla destinazione futura dell'edificio fanno sussultare i montiani. Si parla con insistenza di centri commerciali, residenze di lusso e ameni ristoranti panoramici.

Gli abitanti, coordinati nella protesta dalla rete sociale Monti (una specie di social forum di quartiere) si oppongono con decisione a un progetto che rappresenterebbe un vero e proprio sfregio al tessuto sociale, un corpo estraneo, un'invadente astronave venuta dalla citt globale che la gente del rione vuole tenere fuori dalle mura. L'ex scuola, infatti, non ha un valore solo affettivo e simbolico: il complesso copre un isolato quasi per intero, dispone di grandi spazi aperti, un porticato e un giardino di notevoli dimensioni (il solo spazio verde nella zona). C' addirittura una cappella affrescata in cui - si dice - sono ancora conservate le reliquie di un santo. Il tutto su una superficie di 13.000 metri quadrati.

Vincolo pubblico?

La Rete sociale monti chiede che un edificio cos importante sia vincolato a una destinazione pubblica, che i suoi locali siano messi a disposizione delle vicine facolt di ingegneria e architettura (che stanno un po' allo stretto) e - soprattutto - della scuola elementare Viscontino, appena sfrattata dalla sede di via quattro novembre e destinata a traslocare nella lontana via Giulia. Esiste anche un progetto della rete riguardo a un museo dell'artigianato tradizionale locale.

Il problema, da una parte, molto semplice, dall'altra riflette una questione di cultura politica un po' pi complessa. L'ostacolo principale alle richieste degli abitanti del rione la percentuale a cui il comune dovrebbe rinunciare in caso di mancata vendita ai privati. Tuttavia, trattandosi di valorizzazione degli immobili di propriet dello stato, un'amministrazione di sinistra dovrebbe saper immaginare un valore monetizzabile non solo in denaro, ma anche in qualit della vita. E' una questione decisiva che eviterebbe agli amministratori politici un'irreversibile metamorfosi in amministratori delegati.

L'assessore Minelli, in una lettera prenatalizia spedita alla rete sociale Monti, assicura che ancora nulla deciso e che l'ipotesi di centro commerciale da escludere.

La situazione, insomma, ancora fluida, ma dell'Angelo Mai, negli ultimi giorni, si sono occupate tutte le cronache cittadine dei quotidiani, tutte tranne una, quella del romanissimo il Messaggero, giornale legato a un noto costruttore.

Pure congetture - forse - ma per Riccardo Troisi della rete sociale Monti, il dubbio che sulla testa del rione si sia deciso qualcosa di grosso sulla quale non si pu pi intervenire s'insinua.



news

02-06-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 2 giugno 2020

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

Archivio news