LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Sequestrato villaggio turistico. Castellaneta Marina, 300 ville su un'area sottoposta a vincolo paesaggistico
Maristella Massari
La Gazzetta del Mezzogiorno

«Catellaneta Marina. Ville accoglienti, piscina, campi da gioco, ristorante e pure un albergo. Un sogno di carparo, Uno dei più grandi villaggi turistici del Sud, tra Riva dei Tessali e Borgo Pineto, immerso nel verde dei pini profumati che costeggiano lo Jonio a Castellaneta Marina, è finito sotto sequestro all'alba di ieri. I sigilli hanno interessato circa duecento appartamenti, parte dei quali già consegnati ai proprietari ed abitati. Ad agire sono stati gli agenti del Nucleo investigazioni ambientali del corpo forestale, nell'ambito di un'indagine su presunte violazioni ambientali ed inadempienze autorizzative.
I provvedimenti, disposti dal tribunale di Taranto, hanno riguardato il villaggio denominato «Città del Catalano». La struttura, con i suoi eleganti archi di pietra, è il frutto del genio dell'architetto Aldo Rossi, uno dei più grandi urbanisti degli ultimi anni. Linee sobrie, ferro battuto, accattivanti vialetti di ghiaia e la promessa di un tuffo nel relax. Tra gli acquirenti circolano an che nomi importanti, come quello del difensore della Juventus Nicola Legrottaglie che, stando a quanto è trapelato, avrebbe acquistato una delle ville più sontuose del complesso. Ma l'elenco del vip è lungo. Ci sono decine di magistrati baresi, professionisti, commercianti, sportivi,
I particolari dell'operazione sono stati illustrati dai vertici del comando provinciale di Taranto della Forestale ieri mattina, «n complesso - ha spiegato il comandante del Corpo, Giuseppe Silletti -, è situato nel cuore della pineta costiera, nelle vicinanze di un riserva biogenetica». I lavori di costruzione delle strutture sono completati solo in parte, n progetto prevede la realizzazione di circa 300 ville tra singole unità abitative e multiproprietà, e, come si diceva, anche campi da gioco, piscine, ristorante e un albergo. Tutto il complesso residenziale si estende su un'area, di circa 10 ettari. I beni sequestrati, invece, ammontano a circa 60 milioni di euro. «La zona - ha aggiunto Stiletti - è classificata tra le aree naturali protette». I Forestali contestano proprio il fatto che i lavori hanno interessato, per oltre 6 mila metri quadrati, anche il tratturello demaniale Pineto, considerato «bene di notevole interesse». Sarebbero scomparsi cosi i caratteri storici e culturali tipici degli antichi tratturi che collegavano l'Abruzzo, la Basilicata e il Molise alla Puglia e che venivano percorsi dalle mandrie durante la transumanza.
«Per le opere in costruzione sarebbero stati rilasciati - ha aggiunto il responsabile del Nucleo investigativo di polizia ambientale Giovanni Verdiglione -, di versi permessi da parte di enti pubblici, senza però che siano mai stati richiesti ed acquisiti preventivamente, da parte della soprintendenza per i beni e le attività culturali e dell'Ufficio parchi della Regione Puglia, i nulla osta sul vincolo paesaggistico e la valutazione di incidenza, previsti per legge e obbliga-tori per il rilascio di qualunque autorizzazione».
Tre gli indagati: Liborio Di battista, amministratore unico della società, e ì funzionaci dell'ufficio tecnico del Comune di Castellaneta Renato Notarili-cola e Pasquale D'Alò. Nei confronti di Dibattista il sostituto procuratore Mariano Buccolie-ro, titolare dell'inchiesta, ipotizza la violazione di norme in materia ambientale, Nei suoi confronti sono state elevate anche sanzioni amministrative fino a 71mila euro. Ai funzionar! comunali è contestato, invoco, il con-
corso in abuso d'ufficio. Il Comune di Castellaneta avrebbe rilasciato autorizzazioni a costruire a partire dal 2002. Secondo quanto riferito dagli stessi Forestali, gli indagati rischiano la reclusione da Ire a dodici anni.
Chi ha già in tasca le chiavi dell'abitazione, però, potrà dormire sonni tranquilli. Il decreto di sequestro preventivo, firmato dal gip dol tribunale di Taranto Pio Guarna, prevede infatti la fa colta d'uso per i proprietari. Pochi giorni fa, sempre nella stessa zona, lo stesso Nucleo investigazioni del corpo forestale dello Stato, nell'ambito del medesimo filone di indagine die ha portato al sequestro del villaggio turistico, aveva posto i sigilli al prestigioso «green» di Riva dei Tessali. Il 23ottobre, infatti, gli agenti della Forestale, si presentarono ai cancelli del campo da golf e misero sotto sequestro una vasta area, 17 mila metri quadrati, che comprende più di 4 buche dell'intero percorso. Riva dei Tessali ha un «green» molto gettonato tra le personalità note e meno note, che sbarcano in Puglia a caccia di quiete e relax, in un luogo immerso nella natura incontaminata e, soprattutto, lontano dai riflettori. La zona, stando a quanto riferito, ricade anche in questo caso, nell'area demaniale del «Tratturello Pineto».



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news