LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Se il direttore della Biennale guadagna più di Napolitano
Venezia, 5 novembre 2007, IL Velino


- Sono molti i veneziani che dopo aver letto La Casta, il fortunatissimo libro del loro concittadino Gian Antonio Stella e del canavese Sergio Rizzo, hanno deciso in cuor loro che non andranno mai più a votare. Ma il loro numero è adesso aumentato di botto. Perché? Elementare. È saltato fuori all’improvviso che fra i tanti, innumerevoli ragguagli riferiti in quel libro sui privilegi dei nostri politicanti (le doppie pensioni, i tripli incarichi, i viaggi in aereo di stato per gite private con mogli e figli) e amministrazioni provinciali (proverbiali esempi di “enti inutili”) che incrementano anziché ridurre il personale, manca uno dei casi più clamorosi: quello riguardante lo stipendio del direttore dell’ente veneziano La Biennale, che è addirittura più alto di quello del presidente della Repubblica. Questo dato stupefacente è stato rivelato sabato mattina da Enrico Tantucci, un cronista della Nuova Venezia, il giornale che cerca senza riuscirci da anni di portare via lettori allo storico Gazzettino. E così soltanto adesso i veneziani hanno potuto apprendere che lo Stato, al direttore della Biennale Gaetano Guerci, versa uno stipendio annuo di 250 mila euro, più una casa lussuosa in città, vari benefit e numerosi rimborsi, mentre lo stipendio dello stesso presidente dell’ente, David Croff, si ferma a 180 mila euro all'anno.

Un po’ meno oneroso sembrerebbe lo stipendio di Giorgio Busetto, il direttore dell'Asac, l’Archivio Storico della Biennale, che oscilla intorno ai 140 mila euro l’anno. Ma la cifra (sempre molto superiore ai modesti compensi di quegli esperti che, come il bravo Maurizio Scaparro, direttore della Biennale Teatro, percepiscono al massimo 60 mila l’anno) apparirà semplicemente grottesca non appena si ricordi che questo istituto, essendo chiuso da ormai dieci anni per lavori di restauro, è in effetti un “archivio fantasma”. Tutti i suoi documenti (di alcuni dei quali è stato anche detto che siano stati rubati!) sono stati trasferiti in uno stabile di Marghera e affidati alle cure di un personale professionalmente inadeguato che all’occorrenza si può rivelare (come ho potuto constatare personalmente) incapace persino di fornire la minima informazione su quello che resta l’evento musicale più importante nella storia della Biennale Musica: la celebre prima mondiale della Carriera del libertino di Strawinski diretta dall’autore alla Fenice di Venezia nel 1951. E dire che una delle ragioni per cui il sindaco Cacciari vorrebbe la deposizione di Croff dalla presidenza della Biennale è proprio la mancata riapertura dell’Asac!

L’ultima impresa di questo ente che non cessa di piangere sulla diminuzione dei contributi dello Stato, e che può contare su un organico di 56 dipendenti (mai viste, fra l’altro, tante donne: gli uomini si contano sulle dita di una mano), è stata intanto la nomina di ben sette dirigenti con uno stipendio di 100 mila euro annui. Il gettone di presenza dei consiglieri (tra i quali spiccano Massimo Cacciari e Franco Miracco) è stato aumentato a 750 euro a seduta, passando così a 15 mila euro l'anno. Naturalmente ci si aspetta che il nuovo presidente la cui nomina spetta al ministro Rutelli (che presta orecchio solo ai suggerimenti di Cacciari, ma la cui decisione sembra più lunga di una gravidanza) metta fine a questa lacrimevole situazione. Intanto proprio Cacciari e Miracco si vanno producendo con sfacciata maestria nel celebre show dei candidoni ignari caduti all’improvviso dal mondo delle nuvole: “Noi? Non sapevamo nulla di questi stipendi faraonici…”. E allora le gente si chiede: ma che cavolo ci andate a fare ai consigli di amministrazione? Cacciari, si sa, pensa agli angeli, agli arconti, a monsignor Ravasi, alla Cabala e al Cristo del papa Ratzinger. Ma Miracco? Beh, si sa che da due anni non pensa quasi ad altro che a far approvare a Cortina il campo da golf, lo sport che piace tanto al ministro Rutelli e consorte. Ieri però ha pensato bene di dichiarare alla stampa locale di essere dispostissimo a rinunciare al gettone di presenza. Cacciari ci sta ancora pensando. È comunque incredibile che a far aprire gli occhi a due politici smaliziati come loro sia stato, dati alla mano, un diligente cronista.



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news