LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

PUGLIA - Castellaneta, sigilli a 300 villette Il villaggio costruito in zona protetta. Tre indagati
LELLO PARISE
MARTEDÌ, 06 NOVEMBRE 2007, LA REPUBBLICA Bari




Secondo l´accusa il via libera doveva essere negato dall´amministrazione
Il valore complessivo degli immobili ammonta a 60 milioni di euro
La pineta dell´arco jonico è un sito considerato d´importanza comunitaria



--------------------------------------------------------------------------------

dal nostro inviato
castellaneta marina - Hanno sequestrato le vacanze, quelle con vista sul campo da golf di Riva dei Tessali che valgono 60 milioni di euro. Gli investigatori del Nipaf, il nucleo investigativo della Forestale, mettono sotto chiave, ma «con facoltà d´uso», le 300 ville, di cui 250 già costruite, della "Città del Catalano": il villaggio turistico che spunta a Castellaneta marina non proprio dalla sera alla mattina, ma attraverso «permessi rilasciati nel corso degli anni». Un villaggio enorme: 100 mila metri quadrati, tanti quanti quelli che quest´anno erano riservati alle marine per il salone nautico di Genova o come lo spazio che sarà destinato a Milano in occasione dell´Expo 2015 al museo della moda o, ancora, come il nuovo teatro nazionale di Pechino. Una "grande opera", insomma, tra pietra bianca, legno massello e pavimenti in cotto.
Il gip del tribunale di Taranto Pio Guarna dice sì alla richiesta del pubblico ministero Mariano Buccoliero dopo un´indagine andata avanti per otto mesi. E così saltano fuori tre indagati, denunciati a piede libero: l´amministratore unico dell´impresa edile, Liborio Dibattista, insieme con due funzionari dell´ufficio tecnico del comune di Castellaneta, Renato Notarnicola e Pasquale D´Alò. La coppia di "colletti bianchi" è accusata di abuso d´ufficio, mentre al titolare della società a responsabilità limitata - la Tie: Turismo Ionio Europa, che a quanto pare è anche un´agenzia di viaggi e che appartiene al Gruppo Dibattista, baresi di Gravina - contestano la distruzione di bellezze naturali per avere edificato in aree protette.
Succede, secondo i Forestali, che la Tie aveva ottenuto la concessione edilizia per tirare su "Città del Catalano". Il via libera però doveva essere negato dall´amministrazione comunale giacché la stessa Tie avrebbe dovuto «preventivamente» acquisire il disco verde della Soprintendenza per i beni e le attività culturali e quello da parte dell´ufficio parchi della Regione Puglia. Invece non ci sarebbero né il nulla osta per il vincolo paesaggistico, né quello legato alla cosiddetta valutazione d´incidenza. Ecco perché «qualsivoglia autorizzazione» non avrebbe dovuto essere accordata con disinvoltura, da D´Alò e Notarnicola, ad un altrettanto disinvolto Dibattista.
Sembra che la "Città del Catalano", dal titolo della località dove tirano su le case, abbia invaso la "pineta dell´arco jonico", un sito considerato d´importanza comunitaria e quindi di «notevole interesse pubblico». Altri «interventi abusivi» riguarderebbero il "tratturello demaniale pineto": la traccia degli antichi tratturi, che collegavano Abruzzo, Basilicata e Molise alla Puglia.
Uno sfregio all´ambiente, per la Forestale. All´ombra della contrada Catalano-Perronello prendono forma non soltanto le 300 residenze dei vacanzieri - 302, per la precisione: 200 ville a schiera, 30 appartamenti mono e bifamiliari, 72 da destinare alla multiproprietà -, ma pure piscina, campi sportivi, uffici, bar, ristorante, locali commerciali e un albergo con 200 camere che vedrà la luce nel giro dei prossimi due-tre anni.
Liborio Dibattista è irrintracciabile: l´amministratore unico della Tie dal 21 gennaio del 2005 e con un capitale sociale (versato) di oltre 3 milioni di euro, non si trova o non si fa trovare. A parlare per conto della famiglia, è il fratello Marcello, presidente del consiglio di amministrazione della Dibattista, il "quartier generale" degli imprenditori gravinesi. Il tono della voce è pacato: «Voglio fare sapere innanzitutto, di avere fiducia nella magistratura. Siamo pronti a collaborare con il pubblico ministero: per chiarire, mi auguro, i diversi aspetti di questa vicenda». Marcello Dibattista è come se gettasse acqua sul fuoco dei dubbi investigativi: «Siamo assolutamente sereni e tranquilli. Ogni sospetto verrà fugato. E ogni certezza sarà confermata. Quella, soprattutto, di non avere commesso nulla né tantomeno omesso qualcosa». Subito dopo, spiega: «Non dovevamo rivolgerci alla Regione e alla Soprintendenza, per la semplice ragione che l´area lottizzata a spese nostre non ricade in quella sottoposta al vincolo paesaggistico. E´, questo, il motivo per cui a nostro parere non avremmo commesso prepotenze. Né noi, né i tecnici del Comune. In queste ore stiamo raccogliendo una serie di documenti per raccontare, carte alla mano, la verità dei fatti. Perché vogliamo dimostrarla, la verità. E quindi proseguire tenacemente nella realizzazione del nostro progetto».
Dal fortino della Forestale al rione Solito, in quel di Taranto, intanto, il comandante del comando provinciale Giuseppe Silletti puntualizza: «I beni sequestrati hanno un valore di oltre 50-60 milioni di euro. A carico del proprietario del fondo è stato elevato un verbale di contestazione per l´illecito amministrativo, che prevede il pagamento di una multa fino ad un massimo di 71 mila euro. Potrebbero scattare sanzioni inoltre, per la violazione del vincolo idrogeologico. Tutti e tre gli indagati rischiano la reclusione da tre a dodici anni». Qualora alla fine dovessero risultare colpevoli, in nome del popolo italiano.



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news