LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Sardegna ll Tar riscrive il Piano paesaggistico
ENRICO PILIA
L'UNIONE SARDA 01/11/2007

Una sentenza clamorosa: il Tar ha accolto il ricorso di due società immobiliari cancellando il comma 4 dell'articolo 15 del Ppr. La Corte dei Conti. La Corte d'Appello. E ora il Tar. Per la Giunta regionale non è una stagione felice. Ieri il Piano paesaggistico ha subìto un brusco stop, uno schiaffone dai giudici amministrativi: il quarto comma delll'articolo 15 delle norme di attuazione, quel passaggio del Piano che regola l'intesa fra chi propone (interventi edilizi di cittadini, Comuni, imprese) e chi deve giudicare se la proposta può superare le rigide regole urbanistiche (la Regione) è stato cancellato dal Tar. Significa che scatta il via libera per gli interventi edilizi delle società i cui ricorsi sono stati accolti ieri, ma anche per tutti quelli di imprese e cittadini previsti nei piani di lottizzazione convenzionati alla data di adozione del Ppr, in vigore dal 24 maggio 2006. L'annullamento disposto dal Tar Sardegna, infatti, ha efficacia erga omnes , vale cioè per tutti. IL RICORSO La sentenza del Tar riguarda la Regione e il comune di Golfo Aranci da una parte e due società immobiliari, rappresentate dagli avvocati Pietro e Ilaria Corda, dall'altra. Il ricorso è stato presentato alcuni mesi fa e riguarda una concessione per opere edilizie e di urbanizzazione a Punta Marana, località marina alle porte di Olbia. IL GIUDIZIO Il Tar, con la sentenza di ieri (ce ne sono altre tre, depositate sempre ieri, con le stesse conclusioni), ha annullato l'articolo 15, 4° comma, delle norme tecniche di attuazione del Ppr. Precisamente, il passaggio che condizionava al raggiungimento di un'intesa con la Regione la realizzazione di interventi edilizi previsti nei piani di lottizzazione approvati, e con convenzione efficace alla data di adozione del Piano. Interventi per i quali non fosse stata ancora rilasciata la concessione edilizia. Questa sorta di intesa era stata introdotta con l'articolo 11 delle stesse norme di attuazione ed era finalizzata «alla definizione di azioni strategiche preordinate a disciplinare le trasformazioni ed il recupero urbanistico del territorio, in attuazione del Ppr». Ovvero, la Giunta - con gli articoli 11 e 15, 4° comma - si era attribuita un vero e proprio potere di veto sugli interventi edilizi previsti nei piani di lottizzazione. Il Tar della Sardegna ha eliminato questo potere, "cancellando" il passaggio-chiave. I MOTIVI I giudici amministrativi hanno rilevato che la norma non era presente nel Ppr adottato un anno e mezzo fa, ma è stata introdotta «solo in sede di approvazione del Ppr», in violazione della legge regionale 8 del 2004 che imponeva «che il Ppr adottato dovesse essere oggetto delle conferenze di co-pianificazione e dell'istruttoria pubblica». Un articolo modificato «neanche nel corso dell'approvazione in Giunta», dicono i giudici. E allora dove? Quando? LE REAZIONI «Cade uno dei cardini di questo Piano paesaggistico», dice l'avvocato Marcello Vignolo , «ma non è vero che non esistono margini di tutela, tornano in vigore infatti le autorizzazioni paesaggistiche previste prima del Ppr». «Il Tar ha smontato il Piano, i Comuni tornano a svolgere la loro funzione di programmazione urbanistica», dice Ignazio Artizzu , capogruppo di An. «Questa sentenza dimostra che quella norma era sbagliata», dice Gianfranco Cualbu , numero uno di Coimpresa, il cui progetto sul colle di Tuvixeddu è stato bloccato da un provvedimento della Giunta, «indietro non si torna, anche se per quanto riguarda il Ppr noi siamo sempre stati in regola». «Sono preoccupato», dice Chicco Porcu , capogruppo PS, «di fatto questa sentenza sembra non consentire in questa fase di transizione una tutela ambientale fra i vecchi Puc e quelli nuovi, adeguati alle nuove norme».



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news