LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

TORINO - Quattro grattacieli e qualche dubbio
LILIANA PITTARELLO*
02 novembre 2007, la Repubblica - - Torino

La direttrice per i Beni culturali del Piemonte interviene nel dibattito sulla "verticalizzazione" di Torino. E pone alcuni interrogativi



Pittarello: "Né coraggio né paura, ma una regia per il futuro della città"



"Che accade della "porta urbana" pensata da Gregotti se una delle torri sarà quella di Piano, alta 200 e più metri?"
"La sostenibilità affermata per queste opere sul piano tecnico deve sussistere anche a livello territoriale e paesaggistico"



--------------------------------------------------------------------------------

Ma, quali sono le regole? A quanto ne so, il Piano regolatore di Torino di Gregotti-Cagnardi, approvato nel 1995, prevedeva tre grattacieli di altezza massima 100 metri: due "gemelli" collocati all´inizio di corso Inghilterra (a mo´ di "porta urbana") e uno nell´area di largo Orbassano: tre grattacieli finalizzati a comporre una sorta di "cittadella" a sottolineare la nuova centralità della Spina 2. Ai tempi del Prg, l´area della Fiat Avio era ancora pensata industriale. Ecco quindi la necessità di procedimenti per l´approvazione di varianti.
Ora, mi paiono logiche e di buon senso alcune domande. Che accade della "porta urbana" pensata da Gregotti se uno dei due grattacieli sarà quello di Piano, alto 200 e più metri? Perché forzare un piano regolatore di forte carattere, il cui percorso ha implicato le procedure di rito (elaborazioni e verifiche approfondite, dibattiti, confronto democratico), per affidarsi a varianti urbanistiche caso per caso? E queste potranno analizzare compiutamente il tema del bilanciamento delle attività e funzioni sull´intero territorio cittadino, con attenzione a far sì che quello che sembra un processo centrifugo non impoverisca il centro storico di Torino, rivitalizzato con sapienza, tenacia e cura in un processo durato almeno vent´anni? Che accadrà del mercato immobiliare con tutti i volumi già messi a disposizione da Spina 3, dal villaggio olimpico ed ora in progetto sull´area Avio, ecc., in una città di poco più di 900.000 abitanti?
E´ necessaria - e deve essere comunicata ai cittadini - una regia per queste operazioni, che veda la città nel suo complesso, ponendo attenzione allo skyline di Torino, che è una sua specificità, un forte atout nella odierna spietata competizione internazionale fra città, alla cui valorizzazione si è tanto e benissimo lavorato in questi ultimi anni. Cioè, in sintesi, la "sostenibilità" affermata per queste torri sul piano tecnico deve sussistere anche a livello territoriale e paesaggistico.
Chiudo con un´osservazione: in questi anni nei quali la globalizzazione tende ad uniformare il mondo e i luoghi e le popolazioni si difendono dall´omologazione puntando sulle loro specificità culturali, territoriali, di tradizione, può sembrare una contraddizione che anche le città italiane vogliano i loro grattacieli, rivolgendosi a modelli urbani tanto diversi: per celebrare il proprio ruolo di potenza economica e commerciale (Milano), o per evidenziare il potere politico e finanziario, (Torino), o volendosi ridisegnare, come Jesolo (a nord est di Venezia, al di là della laguna), o cercando visibilità, come Savona (col grattacielo di Bofill ed il progetto di Fuksas in mezzo al mare di Albisola), o subendo iniziative imprenditoriali, come la piccola Albenga. Preoccupa, cioè, che la peculiarità delle città italiane, insita nella loro forma urbana stratificata nei secoli, non riesca più a "tenere", dopo aver già subito i danni di uno sviluppo spesso caotico dei decenni passati.
Nella discussione che si è finalmente aperta, non si tratta quindi di "aver coraggio" o di "aver paura" del nuovo o della modernità, come è stato detto. Occorre abbandonare i luoghi comuni, per ragionare - su dati certi (anche i due plastici in mostra non aiutano…) - con grande apertura e ancor più grande senso di responsabilità nei confronti del futuro della città, poiché, se da un lato le città sono state plasmate nei secoli da interventi spesso di rinnovamento urbano, dall´altro non dobbiamo dimenticare che gli strumenti di intervento oggi a nostra disposizione hanno forza tale da poter risultare devastanti.
(* direttore regionale per i Beni culturali e paesaggistici del Piemonte)



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news