LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Almeno abbiamo evitato che vendessero anche i quadri
Sergio Rizzo
Corriere Della Sera, 30/10/2003

ROMA Hanno provato a resistere in tutti i modi. Poi, alla fine si sono dovuti inchinare davanti alle ragioni di cassa. I beni demaniali si potranno vendere con la semplice procedura del silenzio assenso delle sovrintendenze. E a furia di tirarlo da una parte e dall'altra il condono edilizio diventato super. Magari elastico, ma davvero super. Di fronte alle esigenze di bilancio, e soprattutto davanti alla prospettiva del voto di fiducia, ogni problema di coscienza stato comunque spazzato via.

Capita cos che il ministro dei Beni culturali Giuliano Urbani, il quale aveva scagliato l'anatema contro il silenzio-assenso, minacciando il ricorso a un'arma letale, ora si dica soddisfatto. E giudichi accettabile l'allungamento dei termini a 120 giorni. Confidando che le liste dei beni da vendere che il ministro dell'Economia dovr stilare saranno fatte con giudizio. La speranza, cio, che non ci siano sorprese imbarazzanti. Il fatto che le esigenze del ministro dell'Economia Giulio Tremonti hanno prevalso e ora non resta che appellarsi al codice dei beni culturali, che dovrebbe diventare operativo tra qualche mese insieme agli elenchi dei beni incedibili. Unica consolazione, il fatto che almeno sarebbero stati messi al riparo i beni mobili, per i quali, insieme a quelli immobili previsto lo stesso meccanismo del silenzio-assenso. Ma, bene precisare, non in seguito a un'iniziativa del ministero. L'ormai famoso emendamento Tarolli avrebbe infatti consentito, almeno in teoria, di vendere senza colpo ferire anche quadri, statue e mobilio pregiato. Se non fosse che la maggior parte dei beni mobili pubblici sono nei musei e ricadono quindi automaticamente nella tutela di legge. Il problema, semmai, si pone per quelli che non ci sono, nei musei.
Soddisfatto, naturalmente a denti stretti, si dice ora anche il ministro dell'Ambiente Altero Matteoli, che era contro il silenzio-assenso e ha pure dovuto digerire un condono che non voleva. Del quale probabilmente finiscono per sfuggirgli anche dettagli importanti, se vero che gli emendamenti sono stati predisposti dalle Infrastrutture e dall'Economia. E forse il silenzio con cui ha reagito al sospetto che il demanio marittimo non sia escluso dalla sanatoria ne la dimostrazione. Umana la sua difesa: E un condono che francamente non stravolge nulla. E con quattro mesi di silenzio-assenso c' il tempo di esaminare le pratiche.

Ma soddisfazione esprime, addirittura attraverso una nota ufficiale, anche il senatore di Alleanza nazionale Giuseppe Specchia, l'ariete che avrebbe dovuto scardinare il condono di Giulio Tremonti. li suo emendamento, che puntava a limitare la sanatoria, stato fatto a pezzi. In compenso Specchia ha portato a casa i poteri d'intervento dei prefetti sulle demolizioni, che considera un formidabile deterrente per i futuri abusi. Al punto da credere possibile che questo sar l'ultimo condono, poi non ce ne saranno pi per mancanza di abusi. Fatta questa premessa, tuttavia, non pu che ammettere: Alleanza nazionale era contraria a un condono largo, abbiamo cercato di limitare i danni.
Schiettamente, pure il senatore leghista Francesco Moro, altro alfiere della battaglia contro la sanatoria edilizia, concorda: Abbiamo cercato di piantare dei paletti, abbiamo messo qualche freno. Dice Moro: Era uno dei metodi per fare cassa e l'abbiamo accettato, obtorto collo. Non era il pi giusto, ma l'alternativa qual era? Aumentare le tasse? Ma qualche colpa, secondo l'esponente della Lega, ce l'ha pure il centrosinistra: Se l'opposizione avesse fatto quale proposta alternativa, l'avremmo potuta valutare. Invece hanno sempre e solo detto no. Ma salti di gioia, come nel caso del silenzio-assenso, non ne abbiamo fatti, sia ben chiaro.



news

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

25-07-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 luglio 2020

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

Archivio news