LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

PIEMONTE - TORINO: Renzo Piano scrive a Chiamparino: "ecco come si vedrà il grattacielo"
01 novembre 2007, la Repubblica - TORINO

Piano scrive a Chiamparino e invia 4 elaborazioni: "La cartolina del comitato del no è un falso: la torre non deturperà lo skyline"
"Caro Sergio, ecco come si vedrà il grattacielo"
Il grattacielo "che ho progettato per Intesa San Paolo non deturperà Torino, le elaborazioni che hanno presentato gli oppositori sono un falso". L´architetto Renzo Piano ha scritto una lettera al sindaco Chiamparino allegando anche quattro schizzi (www. torino. repubblica.it). Il Comitato del no, a sua volta, ha elaborato un lungo documento in cui si spiega che lo scontro non è ideologico ma riguarda la sostenibilità del progetto della torre.

Nuovo documento dal gruppo di oppositori: "Neanche noi vogliamo uno scontro ideologico" I dubbi della Cerutti
MARINA PAGLIERI


"Caro Sergio, mi dispiace molto che gli oppositori del nostro progetto abbiano presentato una documentazione ingannevole. La cartolina è un falso, la torre appare due volte più alta e due volte più grande». Inizia così la lettera scritta da Renzo Piano al sindaco Chiamparino, in cui il progettista si dice amareggiato per le polemiche avviate in città e ribadisce che il suo grattacielo non rovinerà lo skyline di Torino. Non si tratta, ovviamente, di un volume pieno - continua - come è stato invece rappresentato dagli oppositori». Piano allega alcuni documenti, tra questi una planimetria con le posizioni della Mole, della torre Intesa San Paolo e dell´edificio adiacente, la vista della torre dal Monte dei Cappuccini e alcuni schizzi, in cui il confronto tra la Mole e il grattacielo avviene alla distanza reale di 2,4 chilometri. E promette al più presto documenti più precisi.
Ma non finisce qui la polemica sul grattacielo previsto vicino alla nuova Porta Susa, più di 200 metri di altezza per 350 milioni di spesa investiti dal gruppo Intesa San Paolo, avviata dopo la presentazione venerdì scorso del progetto nell´ambito della mostra in corso a Palazzo Madama, che presenta anche i modelli degli altri grattacieli in concorso. Polemica fattasi rovente dopo la pubblicazione su "Repubblica" della cartolina elaborata dal comitato "Non grattiamo il cielo di Torino", che confrontava appunto Mole e Torre Intesa. E che oppone nettamente due fronti e che ha visto tra i contrari firme eccellenti, dall´architetto Paolo Pejrone, al docente di Progettazione al Politecnico di Milano Piero Derossi, al meteorologo Luca Mercalli, all´ex sindaco Diego Novelli.
Paolo Hutter, tra i coordinatori del comitato per il no, ha elaborato una nuova cartolina e con un gruppo di altri aderenti - dai docenti Giorgio Faraggiana e Guido Mantovani, all´ambientalista Emilio Soave - ha elaborato un documento. Concordano, i sottoscrittori, che la discussione non debba essere ideologica, ma ribadiscono le convinzioni già più volte esposte: «La domanda a cui si vuole rispondere è se la città ha bisogno di un grattacielo di circa 200 metri per concentrare 50mila mq di uffici per 3mila impiegati» si legge. E ancora, riferendosi a un´area assai disuguale sul piano architettonica, quella appunto della Spina, si afferma che «avrebbe senso avviare una paziente opera di ricucitura, con attenzione agli spazi verdi, di relazione, ai percorsi pedonali e ai servizi, piuttosto che concentrare in un solo luogo funzioni e spazi».
Polemiche arrivano anche dal consiglio comunale. Ieri la capogruppo di Sinistra democratica Monica Cerutti si è chiesta se la costruzione del grattacielo, su cui è critico anche uno dei padri del Piano regolatore, Vittorio Gregotti, sia necessaria alla città: «I bozzetti di Renzo Piano non spostano al questione - afferma. - Resta la questione dell´impatto complessivo, non solo paesaggistico, senza essere a priori contrari ai grattacieli in modo ideologico». Luca Cassano, capogruppo di Rifondazione comunista: «Noi non siamo spaventati e non siamo nemmeno per le guerre di religione. Per noi il grattacielo non è il male assoluto come non è il bene assoluto. A Milano non sarebbe un problema costruire un grattacielo in più, mentre a Torino si tratta di una rivoluzione epocale. Ma al momento non abbiamo avuto risposte chiare. Ad esempio vogliamo avere certezze occupazionali del gruppo».
Andrea Giorgis, capogruppo dellUlivo, cerca di buttare acqua sul fuoco: «Gli schizzi di Piano servono a fare chiarezza e contribuiscono ad aprire un dibattito serio. In questo senso non dimentichiamoci che il grattacielo non sarà una struttura del tutto privata. L´ultimo piano, quello dal quale si potrà ammirare Torino, dotato di ristorante e giardino, sarà accessibile da tutti i cittadini. Questo dovrebbe contribuire a far percepire il grattacielo come un´opera della città e non solo di un privato. Un luogo pubblico». Si attendono le nuove puntate di un dibattito che per ora non accenna a placarsi.








news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news