LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

In migliaia a piedi per difendere lo Zingaro, il parco assediato a villette e cemento
Maria Zegarelli
L'Unit



SCOPELLO (Trapani)Ci si sono messi il sole, la temperatura che sembra uscita da una giornata di piena estate e il colore del mare che blu pi di cos non poteva presentarsi: alla marcia Salviamo Scopello sono arrivati in tanti, tantissimi. Quattromila persone, secondo le stime pi prudenti, 5mila secondo gli organizzatori, per dire un sonoro no al piano regolatore generale voluto dall'amministrazione comunale di centro destra. Il sindaco di Castellammare, Giuseppe Ancona, di FI, forse sperava in una provvidenziale pioggia che si sarebbe portata via la protesta in un batter baleno. Invece no. Tutti qui contro quel piano regolatore da 4 milioni di metri quadri di cemento, piazzati dappertutto, in zone agricole di particolare pregio, con suscettibilit turistica(geniale invenzione per far costruire dove non si dovrebbe) e a 150 metri dal mare. La parola d'ordine degli amministratori : sviluppo economico. Quella dei manifestanti : sviluppo ecocompatibile e rivalutazione dell'esistente. Posizioni inconciliabili.

E cos eccole qui le bandiere che sventolano sulla spiaggia di Guidaloca, appena sotto la torre cinquecentesca. Wwf, Legambiente, Lipu, Cgil, Italianostra, Sinistra ecologista, Verdi, Rifondazione, Club alpino italiano. E poi il Che, farfalle svolazzanti su teli bianchi, striscioni con su scritto vendesi terreni edificabili e magliette con la foto di Scopello. E' una festa. Si distribuiscono dolci preparati dai soci del Wwf, caff caldo e acqua fresca. La marcia sar lunga: due chilometri e mezzo sotto il sole. C' il banchetto del comitato Forum Ambiente Castellammare che raccoglie firme per bloccare il Prg. - sono quasi seimila quelle raccolte finora, comunica Paolo Arena dall'altoparlante - mentre arrivano pullman pieni zeppi di famiglie, bambini e ragazzi.

Alle 10.30 si parte, mentre grappoli di persone percorrono ancora la litoranea in cerca di un parcheggio. Marco un futuro adulto alto neanche un metro. Ha un cartello che tiene su orgogliosamente: Meno case pi verde, recita. Poco pi in l c' chi si tuffa in acqua prima di affrontare il percorso. Il gruppo dirigente dei Ds della Regione tutto qui: il deputato Camillo Oddo, il capogruppo dell'assemblea regionale Lillo Speziale e il segretario regionale Antonello Cracolici. Siamo qui perch non possibile permettere il perpetuarsi di una concezione dello sviluppo legata alla cementificazione - dice Oddo -. Abbiamo presentato contestazioni al piano regolatore, chiesto atti ispettivi e depositato un'interrogazione urgente all'assessore regionale al Territorio e Ambiente mettendo l'uno dopo l'altro tutti i punti che nello strumento urbanistico adottato dal Comune non rispettano neanche le leggi regionali. Lo sviluppo dell'economia di questi luoghi legato alla conservazione del patrimonio archeologico, storico e naturalistico, non allo sventramento del territorio.

Il suo collega della Margherita Franco Piro aggiunge: La Riserva dello Zingaro un esempio di come la preservazione del territorio rappresenti una risorsa economica. Oggi visitata da 150mila persone l'anno e offre lavoro a decine di famiglie. Giovanni Locicero, della scuola regionale della Cgil, spiega che cos, in questo modo l'amministrazione comunale distrugge il futuro dei giovani, gli toglie l'unica possibilit vera di lavoro. Perch se questi luogo hanno un futuro nella conservazione dell'ambiente e in queste bellezze. per questo che oggi arrivano turisti da ogni luogo: perch qui c' ancora un pezzo di Sicilia quasi integro.

Abbiamo gi visto quello che successo durante gli anni Settanta, quando sviluppo e cemento andavano a braccetto - dice Marta arrivata in pullman da Palermo -. Tutta la costa stata massacrata da ville e villette. Maria, anche lei palermitana si rivolge agli amministratori locali: Lasciatemi questa possibilit di verde. Poco pi su, a circa un chilometro di distanza 14 ville nuove di zecca sono nate in piena zona agricola. In attesa di condono, dice Franca. Mimmo Stellino, della Cgil di Trapani ricorda: E' di appena qualche giorno fa il sequestro dell'antica tonnara di Scopello, oggi struttura ricettiva, dove sono stati scoperti scarichi a mare di acque nere. L'estate, poi, i cartelli di divieto di balneazione costellano le spiagge. Vi immaginate cosa diventerebbe il mare con tutte le nuove costruzioni che stanno immaginando gli amministratori?.

Dall'altoparlante risuonano i numeri del piano regolatore, migliaia e migliaia di metri cubi di cemento. Adriano, 11 anni, si inserisce nel dibattito pre-marcia: Volevo esserci stamattina perch l'idea di non poter avere pi tutto questo verde quando vengo l'estate non laccetto proprio. Si avvicina una signora e cita Sciascia: E' in atto una sicilianizzazione dell'Italia. Spiega perch: Il condono che sta per essere varato una risposta nazionale alle richieste siciliane, di una certa Sicilia, che in questo governo ha riposto molte speranze. Qui la mafia ha mandato un segnale. L a Roma lo hanno raccolto. Rosanna Pira, docente universitaria di Architettura, pensa ai bagli, le antiche strutture contadine oggi in malora, ai machaseni, i magazzini, e a tutte le abitazioni del centro storico di Castellammare oggi vuote. Perch non partire da l per creare i 3mila posti letto, questi sono i numeri reali, che sono necessari per offrire maggiore ricettivit?.
La marcia parte: il lungo corteo si incammina verso il cuore antico di Scopello, 57 abitanti e costruzioni seicentesche. La palla passa alla Regione Sicilia, all'assessore al Territorio. Loro, se vogliono, possono bloccarlo questo scempio.



news

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

25-07-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 luglio 2020

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

Archivio news