LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

La Lega fa strage di enti inutili
S della Camera al decreto salva-deficit: tagliati i rami secchi dello Stato

Paolo Bassi
La Padania 17/05/2002

Ieri sera la Camera dei Deputati ha approvato la conversione in legge del decreto 15 aprile 2002, n 63, recante disposizioni finanziarie e fiscali urgenti in materia di riscossione, razionalizzazione del sistema di formazione del costo dei prodotti farmaceutici, adempimenti ed adeguamenti comunitari, cartolarizzazioni, valorizzazione del patrimonio e finanziamento delle infrastrutture. Il provvedimento, che scade il 16 giugno, passa ora allesame del Senato. Soddisfatta la Lega Nord che in merito al decreto, parla apertamente di vera rivoluzione per quanto riguarda il patrimonio dello Stato e delle infrastrutture. Ma in cosa consiste in concreto questa complesso provvedimento? Si tratta di una riforma di natura fiscale - ci spiega lonorevole Giancarlo Giorgetti, presidente della commissione Bilancio della Camera e segretario della Lega Lombarda - che interessa diversi ambiti. Si introduce una razionale tassazione sulle cooperative e sulle banche di credito cooperativo fino ad ora completamente esenti, pur senza uccidere il settore. Gli utili delle cooperative saranno tassati al 49 per cento, quelli delle banche cooperative al 18 e quelli delle cooperative agricole al 32 per cento. Restano escluse dalla tassazione le cooperative sociali. In secondo luogo, si fa una operazione di moralizzazione del prezzo dei farmaci onde ridurre limpatto che il costo della farmaceutica ha sul bilancio dello Stato. Per farlo - continua Giorgetti - si pone alle case farmaceutiche un onere pari al 5 per cento sul prezzo dei farmaci. Inoltre - prosegue - lesponente del Carroccio - si fanno degli interventi di ridefinizione delle Fondazioni bancarie, riconoscendone la natura privata di diritto speciale, ossia lasciando al legislatore la possibilit di disciplinarne la natura e il funzionamento. In questo modo - sottolinea Giorgetti - si sgombra il campo dalle interpretazioni giuridiche che ingessano questo settore come di diritto privato tout court, cio legando le mani al Parlamento su decisioni come quella di stabilire una percentuale minima del 70 per cento di spettanza agli enti locali (o dell88 come Giorgetti ha provocatoriamente proposto per ricordare che questa la percentuale utilizzata dalla sinistra nei luoghi dove ha sempre amministrato, come Siena, ndr). Ma il vero cuore del salva-deficit sta negli articoli 7 e 8 del provvedimento. Il primo - spiega ancora Giorgetti - trasferisce tutto il patrimonio dello Stato in una societ per azioni: la patrimonio dello Stato Spa per valorizzare sul serio questa ricchezza e fare in modo che possa produrre reddito e non solo un costo derivante da manutenzioni non fatte o, peggio, abbandono completo. Le azioni della Patrimonio Spa possono essere trasferite dal ministero ad altre societ di cui il ministero detenga direttamente lintero capitale sociale. Sar il ministro dellEconomia a indicare gli indirizzi strategici alla societ previa determinazione del Cipe. Il capitale sociale stato fissato in un milione di euro. Allarticolo 8 invece, si da vita ad unaltra societ per le infrastrutture, una potentissima macchina finanziaria che permetter allo Stato, agendo direttamente o in collaborazione con soggetti privati, di rilanciare quellintervento sulle grandi infrastrutture di cui si parla da tempo, soprattutto dopo il varo della legge obiettivo. Il decreto n 63 inoltre, grazie ad un emendamento del deputato leghista Sergio Rossi, prevede leliminazione definitiva dei cosiddetti enti inutili la cui liquidazione fino ad ora stata lenta e farraginosa, pesando in maniera non indifferente sulle casse del Paese (solo per fare un esempio, questa operazione, impegna dal lontano 1956 oltre 250 persone a tempo pieno). Nellultimo articolo del provvedimento - illustra Giorgetti - abbiamo voluto toccare anche questo settore per chiudere definitivamente questi enti che appesantiscono la burocrazia, costano e non producono assolutamente nulla. Cos facendo si potranno recuperare risorse, ma soprattutto si allevier il carico del bilancio dello Stato. Naturalmente, la sinistra ha cercato in tutti i modi di mettere i bastoni fra le ruote alla riforma. Secondo il capogruppo della Margherita, Pier Luigi Castagnetti il governo ha fatto unoperazione spregiudicata. Lesponente ulivista si anche chiesto che cosa dir la Ue delle due Spa, in particolare di quella che riceve la colossale donazione del patrimonio demaniale, storico e artistico destinato a finanziaria laltra societ, quella per le infrastrutture, con operazioni finanziarie di mercato virtuale. Dura anche la posizione della Quercia. Il decreto taglia-deficit l'ultimo atto dello smantellamento del ministero per i beni e le attivit culturali. Cos ha dichiarato Franca Chiaromonte, responsabile cultura dei Democratici di sinistra e membro della Commissione Cultura. In una nota, Chiaromonte si detta esterrefatta per il contenuto e la gravit delle disposizioni del decreto: gli articoli sette e otto pongono il patrimonio del ministero per i beni e le attivit culturali nelle mani di Tremonti. A sua volta - ha concluso lesponente Ds - il ministro Urbani brilla come sempre per la sua totale noncuranza. Accuse che lonorevole Giorgetti rispedisce al mittente senza indugi. Abbiamo posto delle garanzie ben precise - assicura - . Non si tratta di svendere, ma di vendere (o affittare) quello possibile alienare, ottenendo dei risultati molto interessanti sotto il profilo economico. Naturalmente da queste vendite sono esclusi i beni ambientali o architettonici di pregio e quindi non sono a rischio le bellezze del paese.

http://www.lapadania.com/2002/maggio/17/17052002p09a2.htm


news

25-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news