LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

L'arte di perdere soldi: turisti in coda nei musei ma le casse sono vuote
Mimmo Di Marzio
il Giornale 26/10/2007

Musei gratuiti per tutti? La ricetta che arriva da Oltralpe, sciorinata per di pi da un governo di destra, scuote le coscienze in uno Stato come l'Italia che, dei pubblici beni culturali, ha sempre fatto una bandiera. Di sicuro, davanti al progetto di egalit presentato dal ministro Fillon - porte spalancate in 14 spazi espositivi nazionali - impallidiscono iniziative nostrane come la settimana della cultura, fiore all'occhiello di Rutelli la scorsa primavera, e il primo maggio a un euro in 2 3 5 musei e siti archeologici del Belpaese. Da noi i biglietti di ingresso continuano a costare dai nove euro del Museo archeologico di Napoli ai 12,50 del rinnovato Palazzo delle Esposizioni di Roma, e non escluso che in futuro possano addirittura aumentare nel disperato tentativo di tappare un deficit contro cui nulla pu il boom dei visitatori di questi anni. La realt dei musei italiani vive infatti una dimensione a dir poco schizofrenica di cui lo stesso ministero non riesce a fornire (o non vuole) un quadro chiaro e omogeneo. Da una parte il prodotto cultura continua a regalare una forte spinta al turismo nazionale, facendo registrare un costante incremento di pubblico che solo quest'estate stato del pi 3,2%, che vuoi dire otto milioni di visitatori nei musei statali. Dall'altra tutto ci avviene a fronte di una drastica riduzione dei fondi sia per la conservazione che per la promozione dell'arte nazionale con tagli fino al 62% che stanno portando i musei sull'orlo del collasso. Cio i musei fanno bene al turismo ma non a se stessi. Qualche esempio? Mesi fa il sovrintendente del Polo archeologico di Roma alz le braccia dichiarando che i musei non avevano pi soldi per pagare le bollette. Stessa debacle per gli Uffizi di Firenze, uno dei musei pi frequentati al mondo che, a dispetto delle lunghissime code ai piedi del David di Michelangelo, ha pi volte rischiato il black out a causa di debiti con l'Enel di quasi 300mila euro. Peggio, il direttore Antonio Natali annunci che per i capolavori del Rinascimento era ormai allarme sicurezza a causa dei tagli e della carenza di custodi. A Bologna, solo le scorse settimane il ministero ha stanziato una tranche di fondi per coprire la morosit della Sovrintendenza, impossibilitata a pagare i costi fissi di elettricit.
Altro che biglietti gratis. Sarebbe un'idea eccellente - dice il direttore della Pinacoteca di Brera Luisa Arrigoni - ma ovviamente bisognerebbe imitare i grandi musei europei anche nell'organizzazione delle risorse. E qui casca l'asino. Neppure le istituzioni anglosassoni, men che meno quelle americane, sarebbero autosufficienti se non potessero contare su forme di finanziamento diversificate.
Prendiamo il caso del Metropolitan Museum di New York: soltanto il 19,4% delle entrate (che ammontano a circa 120 milioni di dollari annui) proviene dalla biglietteria e dai servizi (bookshop, ristorante ecc); il rimanente 80,6% deriva da un articolato ed efficiente sistema di donazioni dalla citt di New York, cio da parte di fondazioni, compagnie private e semplici (ma facoltosi) cittadini. Neppure il Getty Museum di Los Angeles genera guadagni e infatti ha l'ingresso gratuito per il pubblico, eppure spende 30 milioni di dollari l'anno per il suo funzionamento e altri 170 per l'acquisto di nuove opere. Come fa? In piccola parte (18 milioni) grazie a sponsorizzazioni e lasciti, ma per la maggioranza grazie alla gestione degli investimenti sul mercato che fruttano ben 700 milioni di dollari. Ecco perch i musei americani, nati non a caso per volont di magnati come Getty, Frick, Rockefeller, Stewart Gardner, possono infischiarsene del biglietto, cos come molti musei europei: in primis quelli britannici come la Tate, la National Gallery e l'Irish Museum of Modern art di Dublino. A Parigi, gi prima di Sarkozy, la prima domenica del mese era gi gratuita per Louvre, Muse d'Orsay e Centre Pompidou, mentre al Prado di Madrid la domenica non si paga mai. In Inghilterra, dove gran parte del patrimonio culturale gestito da enti privati (National Trust), lo Stato d incentivi economici alle istituzioni pubbliche, universit comprese, per l'assunzione di fund raiser, cio procacciatori di fondi che rappresentano la vera gallina dalle uova d'oro dei musei europei. Si tratta di figure ad altissima professionalit che riescono a convogliare enormi risorse private per 1'adozione di intere collezioni, o anche solo singole opere oppure attivit di didattica. Per la Tate Modern, che supera i 5 milioni di visitatori annui, il fund raising copre quasi la met del fatturato, insieme alle attivit commerciali come ristoranti, bar, bookshop e negozi di souvenir accessibili indipendentemente dall'ingresso alle mostre.
E in Italia? Siamo ancora in attesa che vengano recepite vere norme di detraibili-t fiscale che incentivino le donazioni, mentre in Senato si discute un decreto legge (n. 159 collegato alla Finanziaria) che metta ordine nella privatizzazione dei servizi aggiuntivi (bar, guardaroba ecc). E intanto fuori dai musei, tutti in coda alla biglietteria.



news

17-09-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 17 settembre 2019

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

Archivio news