LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

CALABRIA Reggio Museo, la parola passa a Palazzo San Giorgio
Tonio Licordari
Gazzetta del Sud 22/10/2007

Il futuro del Museo direttamente collegato al futuro della citt turistica. Come l`Aeroporto, l`Area metropolitana, la questione dei trasporti. L`obiettivo di rilanciare,
rimodernare e realizzare un`opera pi funzionale e moderna
apprezzabile. E in questa base bisogna dare atto al vicepremier
Francesco Rutelli di essere stato di parola. Ha promesso e
mantenuto, assegnando 17 milioni di euro che dovrebbero dare
il via al percorso operativo. Intanto, cresce il dibattito sui contenuti del progetto ministeriale che non in sintonia con quelli comunali. Oggetto del contendere: piazza De Nava.
Il via al dibattito lo d Demetrio Naccari Carlizzi in risposta
ad un articolo di "Gazzetta del Sud". Politico molto vicino a Rutelli, il consigliere regionale del Pd va oltre, d il giusto risalto al ruolo della Regione (ricordando in particolare l`assessore Principe e il governatore Loiero), annunciando il progetto del "Grande Museo" attraverso l`utilizzo dei fondi Poin (Progetti operativi integrati nazionali) che dovrebbe comprendere, oltre al restaurato Palazzo Piacentini, un percorso
culturale "attrezzato" tra Torre Nervi, l`ex Roof Garden (da
espropriare), la zona della pinetina per concludersi al porto.
Naccari Carlizzi assicura che presto ci sar a Roma o a Reggio una conferenza istituzionale tra Ministero, Regione e Comune per illustrare il progetto.
Nel frattempo si inserisce Nuccio Barill, consigliere comunale
dell`Unione e componente del direttivo nazionale di Legambiente
anche in questa circostanza propositivo, il quale non "vede" il
coinvolgimento di piazza De Nava nel progetto di ristrutturazione
di Palazzo Piacentini previsto dal Ministero. E si rivolge al sindaco Scopelliti per sensibilizzarlo sul problema. Il Comune, tra l`altro, aveva avuto proprio dalla Soprintendenza l`autorizzazione a restaurare piazza De Nava (come abbiamo pubblicato nei giorni scorsi) a prescindere dai lavori
del Museo.
A questo punto interviene il vice sindaco Gianni Rizzica che fa
una cronistoria dei fatti attraverso nove punti, invitando il ministero dei Beni culturali a chiarire i suoi obiettivi dimostrando di voler lavorare in armonia con la classe dirigente della citt e nell`interesse esclusivo della citt.
Il chiarimento, quindi, alla base del problema. Naccari Carlizzi gi aveva avvertito che il Ministero aveva pubblicato il 5 ottobre scorso l`avviso di avvio di procedura.
Nessuna sorpresa, quindi, l`importante trovare una linea
comune. Rizzica non fa mistero nel dire: Non abbiamo mai
conosciuto i dettagli tecnici del progetto e, dunque, tanto meno
che nello stesso fosse prevista anche la ristrutturazione di piazza De Nava. Ricordo che il mese scorso la Giunta aveva approvato il progetto esecutivo di riqualificazione di piazza De Nava, dopo aver ottenuto il nulla osta della Soprintendenza regionale.

Rizzica spiega anche le ragioni di questa scelta: Il nostro intento quello di procedere ad una riqualificazione di piazza De Nava nello spirito della conservazione dell`attuale conformazione della piazza in difesa dell`armonia del luogo che va apprezzato anche per la presenza del Palazzo Piacentini
prospiciente. In pratica ci che sta chiedendo Nuccio Barill.
In teoria si ipotizzerebbe una situazione quasi paradossale, come
sottolinea Rizzica: Mentre l`amministrazione procede ad
una gara d`appalto per la riqualificazione di piazza De Nava, il
ministero faccia altrettanto, senza un progetto esecutivo e senza
le necessarie autorizzazioni della stessa Amministrazione. Sembrerebbe essere alla presenza di uno scenario conflittuale tra Amministrazione e Ministero, anche se Rizzica apprezza ed esprime
enorme gradimento per l`annuncio fatto dal vice premier Rutelli
per i 17 milioni di euro stanziati e perch Reggio compresa
tra le otto citt italiane che ricevono importanti provvedimenti
dal governo nell`ambito delle celebrazioni del 150.mo anniversario dell`Unit d`Italia.
A sdrammatizzare ci pensa comunque il sindaco Giuseppe Scopelliti, il quale in questa circostanza pi realista del re fa questo ragionamento: Intanto bisogna dare atto al vicepremier Rutelli di aver mantenuto le promesse. Arrivano soldi importanti
per il Museo che ha bisogno di essere rilanciato. Una soluzione,
nell`interesse della citt, verr trovata. Giorni fa ho ricevuto una lettera del vicepremier Rutelli che mi informava del finanziamento, ma non so nulla del progetto.
Da Demetrio Naccari ho appreso, leggendo "Gazzetta del
Sud", che ci dovrebbe essere una conferenza istituzionale. Aspettiamo.
Il sindaco mette in chiaro un particolare: Non possiamo pensare al Roof Garden perch il Gruppo Montesano ha presentato
il progetto di ampliamento dell`albergo.
Finalmente c` tanta carne al fuoco attorno al Museo e, soprattutto, ci sono i soldi. Comunque l`occasione da non perdere. Prima Demetrio Naccari e poi Nuccio Barill hanno lanciato dei messaggi, alimentando un dibattito propositivo e di grande importanza per il futuro della citt.
Suggeriamo un`idea al presidente Chizzoniti e alla Conferenza
dei capigruppo: forse sarebbe opportuno un Consiglio comunale
sul futuro del "Grande Museo".
Il sindaco Giuseppe Scopelliti d`accordo. Presto, quindi, la parola potrebbe passare a Palazzo San Giorgio.



news

17-09-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 17 settembre 2019

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

Archivio news