LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Boom edilizio e consumo del paesaggio
Mos Ricci *
Il Sole 24 ore edilizia e territorio 20/10/2007

*Mos Ricci Docente di Urbanstica all'Universit di Genova e membro del comitato scientifico del progetto Atlante Italiano


I paesaggi italiani sono a rischio. Il nuovo Atlante Italiano 007_Rischiopaesaggio, promosso dalla Darc e in mostra al Maxxi di Roma dal 16 ottobre, ci costringe a ragionare su una condizione di emergenza di cui non abbiamo piena consapevolezza. Eppure il degrado e la progressiva svalutazione del patrimonio paesaggistico nazionale - dagli incendi, all'erosione delle coste, allo scioglimento dei ghiacciai - sono sotto gli occhi di tutti. E ancora pi aggressivi degli agenti ambientali si stanno rivelando i comportamenti sociali, i processi di sviluppo economico e i nuovi stili di vita che continuamente realizzano i loro effetti sul paesaggio.
Viviamo una condizione ambigua della quale non vogliamo accorgerci. In astratto, siamo tutti per la difesa dell'integrit del BelPaese. Ne facciamo il manifesto dell'identit nazionale. Siamo consapevoli del grande valore economico del paesaggio italiano, come principale risorsa dell'economia del turismo, come riserva della produzione agricola eccellente, come moltiplicatore della qualit della vita. Nei fatti poi, pratichiamo stili di vita che continuamente alterano gli equilibri del sistema ambientale e paesaggistico. Cerchiamo di assicurare il nostro futuro investendo in beni immobiliari Rivendichiamo la necessit di nuove grandi infrastrutture territoriali. Non solo tendiamo ad abitare i posti pi belli e pi attraenti turisticamente, ma per capitalizzare ormai costruiamo dovunque sia possibile e anche dove non lo . Nello stesso momento in cui, a parole, rivendichiamo il valore del nostro paesaggio, lo aggrediamo con i nostri comportamenti economici e sociali. Abbiamo un'idea vaga di quanti milioni di metri cubi sono stati costruiti in Italia negli ultimi anni e di come tutto questo abbia trasformato e stia ancora cambiando il nostro paesaggio e le nostre citt?
I dati diffusi dal Cresme nel 2006 sulla febbre edilizia sono eloquenti. Stiamo vivendo il pi straordinario boom del settore edilizio della storia del nostro Paese e incredibilmente nessuno ne parla in termini di offesa al patrimonio paesaggistico e di qualit delle trasformazioni. I valori delle case sono saliti vertiginosamente, come il numero delle compravendite e delle transazioni, quello delle agenzie immobiliari, degli studi di architettura e delle imprese di costruzione. Nel 2006 stato realizzato in Italia un monte cubatura superiore ai 300 milioni di me. Si tetta del settimo anno consecutivo in cui tale soglia viene superata e nelle previsioni lo sar anche per quest'anno e probabilmente nel 2008. Dal '99 a oggi, complessivamente, sono stati realizzati in Italia 3 miliardi di me. che equivalgono a circa 46 me per abitante, oppure - se si calcola il territorio nazionale al netto delle superfici agricole e boschive protette - a un complesso edilizio di circa 700 appartamenti ogni kmq. Pi della met della linea costiera italiana ormai occupata dalle costruzioni. Come possiamo pensare che tutti questi processi di sviluppo economico-insediativo non stiano consumando inesorabilmente gli stessi valori che li generano?
Ha senso allora portare l'attenzione sui rischi del paesaggio italiano. Serve ad allarmare le coscienze divulgando le figure del saccheggio che continuamente operiamo ai danni del nostro stesso patrimonio, a indirizzare le politiche e gli investimenti, a programmare gli interventi, a qualificare i progetti.
Il nuovo Atlante Italiano promosso dalla Dare sperimenta il metodo di segnalazione del rischio per punti critici di controllo individuati attraverso lo sguardo e la sensibilit di 15 fotografi di paesaggio. un tipo di analisi analogo a quello che si usa per i rischi alimentari (Haccp). In alcuni vigneti italiani per esempio, come in quelli del Sagrantino a Montefalco, si usa piantare una rosa davanti ai filari dell'uva. I parassiti che aggrediscono la vigna colpiscono per prima la rosa. Se il fiore si ammala si rischia di perdere il raccolto e bisogna intervenire. La rosa il punto critico di controllo, l'uva la risorsa da non perdere.
L'Atlante individua cinque temi di lavoro da proporre ai fotografi. Sono modi in cui inesorabilmente consumiamo il nostro paesaggio. Corrispondono a cinque situazioni critiche che producono cambiamento. Le immagini dei luoghi che realizzano queste condizioni colpiscono a fondo. La Toscana's way of life esplorata da Andrea Abati per il tema dei paesaggi del mercato immobiliare, con Monticchiello e altre chicche. Andrea Berruti lavora sull'abusivismo e sull'incompiutezza di tante opere pubbliche, per il tema dei paesaggi illegali. George Tatge e Marialba Russo descrivono i paesaggi dell'abbandono. Fulvio Ventura (Venezia assediata dai giapponesi), Walter Niedermayr (paesaggio alpino con turisti) e Jordi Bernad (i paesaggi della casta) denunciano le condizioni precarie dei paesaggi eccellenti. E, non ultimi, John Davies (Sperlonga e la costa tra Roma e Napoli) e Alex S. Maclean (l'Adriatico e il Tirreno centrale dall'aereo) con i loro paesaggi del consumo turistico, esplorano un tema che forse pi degli altri ci lascia allarmati.
Al di l del valore delle opere che arricchiranno la collezione fotografica del Maxxi, il significato innovativo dell'operazione messa in piedi dalla Darc, sta nelle sue potenzialit operative. L'Atlante, con i suoi corollari (mostra itinerante e concorso in rete per giovani fotografi) mette a fuoco situazioni critiche sulle quali occorre far valere la denuncia, ma allo stesso tempo offre l'analisi del rischio come strumento per definire le politiche di intervento e per orientare gli investimenti tenendo conto sia delle risorse che dei valori. Uno strumento che dovrebbe essere utilizzato insieme agli altri due decisivi per la salvaguardia e la valorizzazione dei nostri paesaggi. Cio con le politiche per il contenimento del plusvalore delle rendite immobiliari (che il vero motore del consumo del paesaggio, ma nessuno ne vuole sapere) e con quelle per la qualit dei progetti. E su queste bisogna dire che la Darc ha fatto e sta facendo molto. Il programma Qualit Italia che promuove la diffusione dei concorsi di architettura per la realizzazione di opere pubbliche di qualit rappresenta un segnale importante proprio per intervenire con i progetti sulle aree pi a rischio. Ma ci vorrebbero scelte pi coraggiose da parte delle Amministrazioni locali per imporre l'uso del concorso di idee anche per le opere dei privati, che veramente realizzano il nuovo paesaggio italiano.
A Roma, per esempio, ci si accapiglia, sul progetto di Meier per l'Ara Pacis o su quello di Calatrava per la seconda universit, per nessuno parla degli 80 milioni di mc spalmati dal nuovo piano regolatore sulla citt eterna. Non si discute, n si sa molto, dell'avanzata dei centri residenziali, modello Parco Leonardo, nella campagna verso Fiumicino. Come se pochissime architetture dello star System possano o debbano risarcire il peso immane della nuova citt senza autore, che nei casi pi eclatanti si chiama con il nome di battesimo del suo costruttore. Il patto economico esistente tra cittadini, imprese e potere in Italia oggi sembra escludere la qualit diffusa. Con alcune significative eccezioni. In Alto Adige, dove la legge per le prestazioni ambientali degli edifici sta portando a un profondo miglioramento della qualit architettonica, che diventata cos uno standard essenziale del nuovo mercato edilizio. A Milano, dove il Comune punta a far promuovere procedure concorsuali dai privati, per garantire adeguati livelli di qualit urbana ai nuovi progetti immobiliari. C' poco altro.
Il boom edilizio che cos profondamente segna il nostro paesaggio, se registrato dai numeri, in realt quasi sempre tenuto nascosto dai mezzi di comunicazione. Il ministero per i Beni culturali con le campagne della Dare, comincia a far emergere le contraddizioni e le aporie del sistema della produzione edilizia in Italia. In questo senso le fotografie dell'Atlante sono opere di impegno civile, punti di controllo di una ricchezza da non perdere. Sono l'espressione artistica di un Paese che difende il suo paesaggio.



news

23-06-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 23 giugno 2019

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

21-07-2018
Inchiesta de "L'Espresso" di Francesca Sironi: Il ministro Alberto Bonisoli e la scuola offshore

20-07-2018
Associazione Nazionale Archeologi. MIBAC: il titolo non è unopinione!

08-07-2018
Su Eddyburgh un intervento di Maria Pia Guermandi sull'Appia Antica

13-06-2018
Disponibile la relazione di Giuliano Volpe sull'attività del Consiglio Superiore

12-06-2018
Lettera aperta al Sig. Ministro dei Beni Culturali dott. Alberto Bonisoli: Per un futuro all'archeologia italiana

04-06-2018
Dalla rete: sul nuovo governo e sul nuovo ministro dei Beni culturali

Archivio news