LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Salvare dalloblio i mostri di Bomarzo
Adele Cambria
18 SETTEMBRE 2007, L'Unit

Un convegno internazionale sul bosco e sulle sculture
realizzate nel 500 da Pierfrancesco (Vicino) Orsini


AVEVANO GLI ORSINI sottoposta al Castello di Bomarzo una magnifica Villa, della quale, dalla loggia del Palazzo, osservavano le pittoresche delizie giochi magnifici dacqua, peschiere, molte statue ed altri monumenti rilevati dagli enormi macigni di cui era ingombro quel suolo.... Lo stile letterario quello ottocentesco di provincia,mail manoscritto di 100 pagine dellarchivio dei Principi Borghese stato citato da Alberta Campitelli, responsabile delle 42 Ville storiche di Roma, nel suo intervento al Convegno Internazionale di Studi dedicato al Sacro Bosco di Bomarzo, per dare unidea delloblio toccato al grande sogno- architettonico, letterario, naturalistico - realizzato da Pierfrancesco (Vicino) Orsini a partire dal 1552, ed a cui aveva continuato a lavorare fino alla morte nel 1585. Giuseppe Marocco, lautore del manoscritto mai pubblicato - lo regal lui stesso al Principe Marcantonio Borghese che aveva acquisito nel 1836 dai Lante della Rovere il feudo orsiniano - cercava invano di sensibilizzare il nuovo proprietario, perch progettasse il recupero di un luogo che, ben considerato, reca incantesimo, riunendo, fuor dal mare, tutto ci che pu offrire la misteriosa natura.
Sarebbe sciocco pretendere oggi a quellincantesimo? Lacqua sparita dalle immaginose fontane di Vicino, il suo laghetto artificiale disseccato ospita le attrezzature inevitabili di un Parco giochi per picnic per bambini e folle di turisti giapponesi; ed diventato parcheggio il Giardino di Verzura sottostante alla loggia del Palazzo, per fortuna ormai di propriet comunale (ma il color vaniglia nella parte esterna gi restaurata dello splendido complesso-fortezza che, per il resto, serba il grigio scuro della pietra locale, indovinato?).
Saltava comunque agli occhi la dicotomia tra lo stato delle cose e lerudito convegno curato da Sabine Frommel, tenutosi dal 13 al 16 settembre, e che stato fittissimo di abbaglianti relazioni: ed arricchito da unagguerrita pattuglia di giovanissimi studiosi (e studiose) francesi, tedeschi e italiani. Non che i relatori non fossero consapevoli della situazione attuale del "Sacro Bosco", peraltro vincolato dallo Stato soltanto negli Anni Settanta! Tant vero che pensano di riunirsi al pi presto per stilare un documento in cui siano tracciate le linee del restauro indispensabile al Boschetto tanto caro al suo autore. E tra gli interventi spiccava quello di Sofia Varoli Piazza, docente di Storia del Giardino dellUniversit della Tuscia: il pi impietoso nel segnalare i guasti, ma concreto nelle proposte. Da attuare, si spera, in sinergia tra lo Stato e la propriet privata della famiglia Bettini: cui va riconosciuto il merito di aver salvato dalla distruzione il sogno di Vicino Orsini. Liter tematico del Convegno partito dalla biografia dello straordinario personaggio: di cui lamato Boschetto un preciso autoritratto. Quando egli orgogliosamente afferma che Il Sacro Bosco somiglia solo a se stesso, sottintende A me. Tant vero - e questa lipotesi lumeggiata da Simonetta Valtieri, docente di restauro dellUniversit di Reggio Calabria - che sia le sculture come il progetto complessivo della Villa sono firmate da Vicino Orsini. Unico autore dellopera della sua vita. Anche Marcello Fagiolo concorda, nella sua relazione dal titolo Vignola e Pirro Ligorio, idee per Bomarzo. Imparentato con i Farnese per il matrimonio con lamatissima Giulia - che gli aveva portato 8000 scudi doro in dote - Vicino aveva sotto mano i maggiori talenti dellepoca. Ma lunico nome che salta fuori dalle carte quello di Simone Moschino. Modesto scultore, peggior architetto, ma ottimo disegnatore. Cos lo ha definito Bruno Adorni (Universit di Ferrara e di Parma). Adorni ritiene plausibile lintervento di Moschino nella scultura dei Mostri. E daltronde, almeno nella seconda fase della sua vita, quando, disgustato dal massacro di Montefortino, lOrsini decide di rinunciare alla carriera militare, egli lavorava con gusto nel fango, fianco a fianco con i suoi muratori. C da credere dunque a Maurizio Calvesi, quando scrive: Se lesecuzione delle sculture rozza, anche quella delle architetture (il tempietto, il falso rudere, il teatro, tuttavia impoverito nel tempo) non presenta particolari finezze; loriginalit va semmai cercata nelle invenzioni di Vicino. In quanto alle ricchissime interpretazioni del simbolico delle sculture, spesso gigantesche, scolpite dentro la roccia o modellate nel peperino - e della celebre Casetta pendente che ad entrarci fa venire le vertigini - meglio aspettare la pubblicazione degli Atti del Convegno. Ne varr la pena. (Diffidare dalle guide commerciali in vendita



news

15-12-2018
Rassegna Stampa aggiornata al giorno 15 dicembre 2018

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

21-07-2018
Inchiesta de "L'Espresso" di Francesca Sironi: Il ministro Alberto Bonisoli e la scuola offshore

20-07-2018
Associazione Nazionale Archeologi. MIBAC: il titolo non è unopinione!

08-07-2018
Su Eddyburgh un intervento di Maria Pia Guermandi sull'Appia Antica

13-06-2018
Disponibile la relazione di Giuliano Volpe sull'attività del Consiglio Superiore

12-06-2018
Lettera aperta al Sig. Ministro dei Beni Culturali dott. Alberto Bonisoli: Per un futuro all'archeologia italiana

04-06-2018
Dalla rete: sul nuovo governo e sul nuovo ministro dei Beni culturali

19-05-2018
Sul contratto M5S - Lega vi segnaliamo...

17-05-2018
Cultura e Turismo: due punti della bozza Di Maio - Salvini

15-05-2018
Sulla Santa Bibiana di Bernini: intervento di Enzo Borsellino

13-05-2018
Premio Francovich 2018 per il miglior museo/parco archeologico relativo al periodo medievale

04-05-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni" abbiamo pubblicato un contributo di Franco Pedrotti sul depuratore della piana di Pescasseroli: una sconfitta del protezionismo italiano

01-05-2018
Archistorie: rassegna di films sull'architettura dell'Associazione Silvia Dell'Orso

30-04-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni", abbiamo pubblicato un contributo di Vittorio Emiliani: Appena 11 giardinieri per Villa Borghese. Ma l'erba "privata" non è meglio

26-04-2018
Roma. Il nuovo prato di piazza di Spagna non regge, il concorso ippico migra al Galoppatoio

21-04-2018
Anna Somers Cocks lascia The Art Newspaper. Intervista su "Il Giornale dell'Arte"

04-04-2018
VIII edizione del Premio Silvia Dell'Orso: il bando (scadenza 30/9/2018)

29-03-2018
Comitato per la Bellezza: A Palazzo Nardini chiedono già affitti altissimi ai negozi

25-03-2018
Lettera aperta di Archeologi Pubblico Impiego - MiBACT ai Soprintendenti ABAP

25-03-2018
A Foggia dal 5 aprile rassegna Dialoghi di Archeologia

23-03-2018
Comitato per la Bellezza e Osservatorio Roma: Tre richieste fondamentali per salvare Villa Borghese e Piazza di Siena

Archivio news