LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Torna a casa Fidia
Marisa Ranieri Panetta
L'Espresso 23/10/2003

Da un mese in Grecia non si parla d'altro: i fregi in marmo del Partenone, esposti ili British Museum di Londra, potrebbero tornare a casa per una mostra sull'Acropoli. L'occasione offerta dalle prossime Olimpiadi di Atene: un evento irripetibile per un sogno accarezzato a lungo. L'istituzione inglese ridimensiona le attese: non nega contarti accademici per le sculture del Partenone, coinvolgendo gli altri musei che ne conservano frammenti. Tuttavia, nel confermare prestiti di opere importanti, ribadisce che il valore delle creazioni di Fidia esaltato proprio dal British, perch permette un confronto con i reperti di civilt diverse.

Anche Salvatore Settis, direttore della Scuola Normale Superiore di Pisa, ha ribadito sul "Sole 24 Ore" che i marmi devono restare a Londra. Tra l'altro, si chiedeva: qual la vera Acropoli? Quella di Pericle e Fidia o quella dei riusi successivi, quando il Partenone fu chiesa e moschea? Voler isolare solo l'Acropoli del V sec. a.C., per identificare la Grecia odierna con quella classica, significa svalutare tutto il resto, quasi una pulizia etnica".

Il ministro greco della Cultura, Evangelos Venizelos, per nulla spiazzato, conferma e rilancia: in un'intervista ha lanciato l'idea di un prestito dei marmi su tempi lunghi, prospetta quasi una filiale del British, nel nuovo Museo dell'Acropoli che sta per essere ultimato e che staro disegnato da Bernard Tschumi. Intanto, nell'altalena di annunci e smentite, ci sono alcune certezze. Cos, da parte ellenica termini come "trafugamento" sono scomparsi, a differenza del passato. Quei marmi, si ripeteva una volta, sono stati depredati. In realt non sono un furto. Nel 1803, quando inizi il prelievo, lord Elgin - allora ambasciatore inglese presso l'impero ottomano di cui la Grecia faceva pane - ottenne l'autorizzazione del pasci Abdullah Kaimakan per eseguire disegni e a prelevare "pezzi di pietra" dall'Acropoli. Naturalmente la licenza fu presa pi che alla lettera e le mirabili opere s'imbarcarono senza controlli (in seguito furono vendute da Elgin e il museo inglese ne diventato il custode). Le opere in questione sono: il fregio della cella del Partenone, con una sfilata straordinaria di cavalieri, e le statue che ornavano i frontoni del tempio. Sono tonnellate di marmo che mescolano uomini e dei, eroi e animali. Mai prima di Fidia si erano visti panneggi dalla stoffa cos sottile, cavalli "schiacciati" e a tutto tondo concepiti con tanto realismo: un inno scolpito per la dea Atena che contnua a incantare dopo quasi 25 secoli. Il rientro di questo tesoro ha punteggiato la storia della Grecia indipendente, con un crescendo negli ultimi vent'anni che trova consensi anche nel Regno Unito. La nuova rivoluzionaria proposta dei greci potrebbe andare a buon fine. Ma, dicono, gli esperti avrebbe ripercussioni pesanti. Per esempio, a Berlino si trovano l'Altare di Pergamo, simbolo nazionale per la Turchia, e la Porta di Ishtar di Babilonia, pretesa dall'Iraq. E la lista non finisce qui.





Venere in tribunale
In Italia sono numerosi i capolavori che mancano all'appello, esportati illegalmente. Ma, avverte l'ambasciatore Mario Bondioli Osio, responsabile governativo per il recupero delle opere d'arte, risale al 1939 la prima legislazione organica sulla tutela del nostro patrimonio. Non si pu intervenire sul traffico clandestino precedente. Se quindi non potr tornare a Taranto la famosa "Dea seduta in trono" finita a Berlino, si pu sperare per la "Venere" di Morgantina oggi al Getty Museum, oggetto di un'indagine giudiziaria,
Come si pu porre un freno ai traffici illegali? Dice Bondioli Osio: Non mancano le intese internazionali, come la Convenzione Unesco del 1970, ma non stata ancora ratificata da tutti i paesi. Molto importante il Memorandum of Understanding del 2001 siglato da Italia e Usa, che prevede lunghi prestiti di reperti, e mostre e scavi. Vie bilaterali, che limitano i danni. Cosi va anche inteso il protocollo firmato un anno fa dalle Soprintendenze di Roma, Pompei, Puglia e Campania e dai cinque pi importanti musei tedeschi.



news

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

25-07-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 luglio 2020

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

Archivio news