LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

CAMPANIA: da Bruxelles via libera al Programma Operativo Fesr
gioved 13 settembre 2007,, MarketPress.info

FONDI UE, REGIONE CAMPANIA : DA BRUXELLES VIA LIBERA AL PO FESR CAMPANIA 2007-2013 I 15 GRANDI PROGETTI PRESENTATI A BRUXELLES

Bruxelles, 13 settembre 2007 - La Commissione Europea ha approvato l 11 settembre in via definitiva il Programma Operativo Fesr (Fondo Europeo per lo sviluppo Regionale) della Regione Campania. Con il via libera da parte di Bruxelles, lamministrazione regionale potr disporre fin da subito delle risorse finanziarie assegnate al nuovo fondo nel periodo 2007-2013, pari a circa 7 miliardi di euro (3. 432. 397. 599 euro di fondi comunitari, a cui si aggiungono il cofinanziamento nazionale e regionale, per un totale di 6. 864. 795. 198 euro). Il programma concentra le risorse su alcune priorit strategiche di sviluppo come: la sostenibilit ambientale, la competitivit del sistema produttivo regionale, il comparto energetico, infrastrutture e trasporti, innovazione tecnologica e ricerca, sviluppo urbano e qualit della vita, turismo e politiche culturali, cooperazione. Il Fesr 2007-2013 rappresenta - insieme al Por Fse (Fondo Sociale Europeo) e al Psr (Programma di Sviluppo Rurale), i cui iter di approvazione in sede comunitaria si concluderanno entro settembre il quadro di riferimento per lutilizzo dei fondi europei nei prossimi sette anni. Lapprovazione del Fesr da parte della Commissione Europea il risultato di un intenso lavoro portato avanti nel corso di questi mesi tra Napoli, Roma e Bruxelles ha dichiarato il Presidente della Regione Campania Antonio Bassolino. Siamo tra le prime regioni italiane ad aver chiuso il negoziato - ha continuato Bassolino anticipando al massimo la disponibilit delle nuove risorse. In concreto, laccordo di oggi ci permetter di avviare fin da subito, per esempio, la realizzazione dei primi "15 grandi progetti", sui quali il confronto con Bruxelles gi a buon punto (vd elenco allegato). Si tratta di opere dal grande valore strategico, destinate a incidere profondamente sullo sviluppo dei nostri territori, in particolar modo nelle attivit produttive, industriali e delle alte tecnologie, nel campo della logistica, delle infrastrutture e della cultura. Pi in generale, il nuovo programma ci permetter di fare un vero e proprio salto di qualit nel comparto energetico e della sostenibilit ambientale. Voglio davvero ringraziare il Tavolo di Partenariato socio-economico e istituzionale, lViii Commissione del consiglio regionale e tutti coloro che hanno lavorato con grande impegno per raggiungere questo risultato in tempi rapidi. Andiamo avanti adesso con ancora maggiore celerit per attuare quanto prima tutte le iniziative previste dal programma. Se ai nuovi fondi europei si affiancheranno le dovute risorse ordinarie e se, come ho scritto ieri al Presidente Prodi, nella prossima finanziaria il governo porter fino in fondo gli impegni assunti per la Campania e il Mezzogiorno, allora avremo davvero la possibilit di compiere una svolta importante sul fronte dello sviluppo", ha concluso Bassolino. Di seguito i 15 grandi progetti presentati a Bruxelles. Risanamento ambientale e valorizzazione dei laghi dei Campi Flegrei Descrizione Il Grande Progetto si pone come obiettivo il risanamento qualitativo ed ambientale dei laghi Miseno, Averno, Fusaro e Lucrino mediante ladeguamento funzionale, il completamento della fognatura comunale, ladduzione allimpianto comprensoriale di Cuma - Napoli Ovest, la raccolta degli scarichi abitativi e delle attivit presenti sulle sponde del lago ed il ripristino delle originarie caratteristiche ecologiche al fine di valorizzare i laghi come risorsa naturalistica ed economica inserendoli apieno titolo nel percorso turistico individuato dal Pit e nei percorsi naturalistici legati ai siti di interesse comunitario e offrendo, in tal modo,unoccasione di sviluppo economico della zona I laghi flegrei, pur essendo Siti di Importanza Comunitaria ai sensi della Direttiva Habitat, e, in particolare il Lago dAverno, essendo anche Z. P. S. Zona di Protezione Speciale ai sensi della direttiva Uccelli, in quanto luogo privilegiato di sosta per lavifauna migratoria, sono stati individuati dallArpa Campania come siti potenzialmente contaminati da sottoporre a caratterizzazione, bonifica e riqualificazione ambientale nellambito dellattivit di subperimetrazione del sito di bonifica di interesse nazionale del Litorale Domizio-flegreo e Agro Aversano svolte dallAgenzia Regionale per il sub-Commissario di Governo per lemergenza bonifiche in Regione Campania. Risanamento ambientale e valorizzazione dei Regi Lagni Descrizione Il Grande Progetto finalizzato al risanamento ambientale dei Regi Lagni attraverso la bonifica del territorio e la promozione di un progetto idraulico di canalizzazione e sistemazione idraulica, nonch la rivalorizzazione e riqualificazione di unarea del territorio campano un tempo particolarmente apprezzata per le caratteristiche paesistiche,artistiche e climatiche, in cui ricadono diversi siti naturali di grande pregio, tra cui anche lOasi di Variconi, uno dei due siti Ramsar presenti in Campania. Polo fieristico regionale presso la Mostra dOltremare Descrizione Il progetto prevede la realizzazione di un polo fieristico e congressuale in grado di poter entrare in competizione con quelli nazionali e internazionali e di porsi come porta di accesso alle economie del Mediterraneo. Le due strutture contribuiranno a formare unofferta unica ed integrata, in grado di riposizionare lintera regione Campania nel mondo del turismo per affari. Collegate tra loro da una fitta rete di trasporti pubblici urbani, sia su ferro che su gomma, il nuovo quartiere fieristico regionale e le nuove strutture congressuali della Mostra dOltremare, rappresenteranno un sistema integrato di offerta, in grado di offrire una pluralit di soluzioni diverse alle esigenze del mondo degli affari. Il nuovo quartiere fieristico sar collocato in unarea di circa 250. 000 metri quadri comprendente padiglioni, strutture di servizio e spazi espositivi allaperto (per circa 150. 000 metri quadri), cui si andranno ad aggiungere la viabilit interna e le aree di parcheggio. Polo agroalimentare regionale (Par) Descrizione Il progetto prevede la realizzazione di una piattaforma logistica polifunzionale, in prossimit di uno snodo autostradale e ferroviario e in unarea fortemente caratterizzata da aziende ortofrutticole, con il duplice obiettivo, da un lato, di fornire servizi avanzati e soluzioni per il tracking delle merci, e, dallaltro, di favorire il miglioramento e la sostenibilit degli ecosistemi agricoli, promuovendo prodotti locali con marchi protetti e garantiti affiancati a servizi di formazione e aggiornamento del personale addetto, per una nuova concezione di agricoltura, diversificata e polifunzionale. Allegato al Comunicato Stampa dell11 settembre 2007 2 / 4 Polo logistico regionale a sostegno del comparto floro-vivaistico Descrizione Obiettivo del progetto quello di supportare il comparto floro vivaismo, che con unincidenza percentuale del 38% circa della produzione del Mezzogiorno e del 13 % di quella nazionale, ha assunto importanza strategica per lo sviluppo delleconomia campana. Il progetto prevede la realizzazione della Citt del floro-vivaismo in modo da fare della nostra regione il punto di riferimento e di aggregazione del comparto per tutto il Mezzogiorno, favorendo laggregazione dellofferta e il raggiungimento di quelle dimensioni di scala sempre pi indispensabili per affrontare la concorrenza nazionale e internazionale. Lipotesi progettuale prevede lestensione della Citt del floro-vivaismo su unarea di poco meno di 400mila metri quadrati; essa comprender 4show room (3 coperti e uno en plain air), 3 isole produttive, due aree servizi e logistica e unarea know how. Inoltre, si ipotizza la realizzazione di un impianto per il recupero dei rifiuti. Cambio: la rete delle eccellenze biotecnologiche della Campania Descrizione Il progetto finalizzato alla creazione e al potenziamento di strutture di Ricerca, convertendole a strutture di trasferimento tecnologico; allavvio di azioni di sistema (distretto delle biotecnologie); alla messa in rete dellintero sistema biomedicale regionale. Sistema della metropolitana regionale Descrizione Il progetto di completamento della Linea 1 della Metropolitana di Napoli,tratta Dante (stazione esclusa) Garibaldi Centro Direzionale (opera gi cantierata e inserita nel Por Campania 2000-2006), prevede il completamento delle opere civili, la realizzazione delle opere tecnologiche, dellarmamento edelle finiture. La tratta ha una lunghezza complessiva di 5,3 km con 6 stazioni. Il progetto della Linea 6 della Metropolitana di Napoli, tratta Mergellina(stazione esclusa) San Pasquale Municipio, unopera anchessa gi cantierata (la tratta Mostra Mergellina, inserita nel Por Campania 2000-2006 aperta allesercizio dal febbraio 2007). La tratta ha una lunghezza complessiva di 3,8 km con 3 stazioni. Una prima apertura allesercizio prevista al 2011,lultimazione dei lavori al 2013. Il completamento del sistema metropolitano della conurbazione salernitana prevede la realizzazione di una linea ferroviaria a semplice binario in affiancamento alla linea Fs esistente sulla tratta Arechi (stazione esclusa) Pontecagnano Fs Pontecagnano Aeroporto. La tratta ha una lunghezza complessiva di 8,9 km con 5 fermate. Il primo lotto dellopera, Salerno Centroarechi, inserito nel Por Campania 2000- 2006, aprir allesercizio nel 2008. La tratta Arechi Pontecagnano Fs sar ultimata entro il 2012, mentre il completamento Pontecagnano Fs Pontecagnano Aeroporto entro il 2014. Il completamento della Ferrovia Metrocampania Nordest, tratta Piscinola-capodichino, costituir la chiusura dellanello della metropolitana di Napoli e la possibilit di accesso ferroviario al sito aeroportuale di Capodichino. Una prima tratta funzionale Piscinola-miano sar aperta allesercizio entro il 2009, mentre lultimazione dei lavori prevista al 2012. Logistica e porti Descrizione Il Grande Progetto Logistica e porti affianca in modo integrato gli interventi previsti per i collegamenti tra le reti di trasporto mediterranee e la rete transeuropea Ten (Trans European Network). Il progetto prevede: il rafforzamento dei collegamenti aerei e marittimi della regione con il resto del Mediterraneo; la razionalizzazione e il miglioramento delle relazioni mediante ferrovia; limplementazione della logistica di secondo livello alla city-logistic; la realizzazione delloperativit della linea Av/ac per il trasporto delle merci in un approccio di sistema impostato sullimplementazione delle reti della mobilit nelle varie modalit (ferro, gomma, acqua e aria) e delle relative connessioni intermodali. Interventi regionali complementari allalta capacit Na-ba Descrizione Il Grande Progetto proposto si inserisce nellambito del piano nazionale ed europeo volto allo sviluppo di una rete europea ad Alta Velocit, con lobiettivo di trasformare la rete ferroviaria italiana, nel suo complesso, in una rete ad Alta Capacit. Il Grande Progetto risponde, inoltre, alla visione strategica che emerge dal Documento Strategico Regionale della Regione Campania come regione aperta che vuole sia interconnettersi ai programmi delle reti europee, che lavorare con le altre regioni meridionali e con il Governo nazionale per delineare un comune programma strategico Sud, grande piattaforma logistica integrata nel Mediterraneocon lintento di essere in grado nei prossimi anni di intercettare i traffici che dalla Cina, dallIndia, dallEstremo Oriente e dalla costa Africana tornano a solcare il Mediterraneo. Nellottica di configurare, in ambito regionale, il sistema Av/ac in modo non disgiunto dal sistema delle linee storiche, e di prevedere, pertanto, le opportune integrazioni al fine di ottenere la migliore Allegato al Comunicato Stampa dell11 settembre 2007 3 / 4 flessibilit di organizzazione dei servizi sia passeggeri che merci e la loro adattabilitnel tempo, il progetto realizzer la Variante della linea Fs Cancello Napoli, nel Comune di Acerra, costituente un segmento del realizzando prolungamento dellAv/ac verso Bari. Sistema degli Aeroporti Campani Descrizione Il progetto finalizzato alla realizzazione del sistema regionale di infrastrutture tese a garantire la migliore accessibilit a mezzi e presone allaeroporto di Grazzanise. A tal proposito, si prevede di migliorare il collegamento tra lautostrada A1, il futuro Aeroporto di Grazzanise e la Domiziana, e la variante di Capua, con la realizzazione di:- Unarteria con caratteristiche autostradali (due corsie per senso di marcia) di collegamento tra il nuovo svincolo di Capua Sud-santamaria Capua Vetere (in costruzione) dellautostrada A1, e lassedi supporto allaltezza di Villa Literno (Domiziana), che raggiunger anche il futuro aeroporto di Napoli-grazzanise;- Unarteria stradale (una corsia per senso di marcia) di collegamento tra la nuova strada di cui al primo punto, e losvincolo di Capua Nord dellA1 (cosiddetta variante di Capua). Un collegamento ferroviario tra i siti aeroportuali di Capodichinoe Grazzanise Tangenziale aree-interne Descrizione Il progetto risponde allesigenza di favorire laccessibilit delle aree interne e di favorire la fluidit dei flussi di merci necessaria a sostenere le dinamiche di crescita e di incremento della competitivit del sistema produttivo della Valle Caudina e dellarea Avellino - Pianodardine. Lasse Attrezzato Valle Caudina Pianodardine una nuova infrastruttura con caratteristiche di strada extraurbana secondaria,Categoria C1 del D. M. 05/11/01. Il 1 lotto, gi in esercizio, ha una lunghezza di circa 6,45 km e si di parte dalla S. S. 7 Appia fino allincrocio con la S. P. S. Martino V. C. Montesarchio. Il 2 lotto, inserito nel Por Campania 2000-2006, incorso di costruzione e sar completato entro la fine di luglio 2007. Esso hauna lunghezza di circa 6,55 km e collega i Comuni di S. Martino V. C. E Roccabascerana. Il 3 lotto, di cui disponibile il progetto definitivo per appalto integrato, consentir di collegare il comune di Roccabascerana con la zona industriale dei comuni di Arpaise (Bn) ed Altavilla Irpina (Av). Dopo lespletamento della gara e la realizzazione del progetto esecutivo,lavvio dei lavori previsto per la fine del 2008, mentre lultimazione dei lavori entro il 2013. Allarga la rete: banda larga e sviluppo digitale in Campania Descrizione Lintervento prevede lampliamento dellattuale copertura di servizi in larga banda in aree gi parzialmente servite da Primari Operatori e da Operatori Locali del settore con la realizzazione graduale della copertura in larga banda in aree attualmente non raggiunte da servizi internet adeguati alle esigenze della popolazione e delle aziende. Lintervento sar modulato sulle caratteristiche dei seguenti territori: a) Nelle aree intermedie si provveder ad avviare stimoli alla domanda, in modo da rendere competitive quelle zone rispetto alle esigenze degli operatori di mercato; b) Nelle zone pi marginali (Sannio, Cilento ed Irpinia) si realizzeranno interventi di carattere infrastrutturale, che permetteranno la copertura in larga banda del territorio regionale. Le tecnologie utilizzate dipenderanno dalla struttura del territorio e dal livello di domanda da servire e saranno sia wired, con strutturefisiche in rame o in fibra ottica, che wireless, con collegamenti radiopunto-punto e punto-multipunto. Realizzazione di interventi del Piano Urbanistico-attuativo per larea dellex Italsider di Bagnoli Descrizione Il Grande Progetto per la riqualificazione e riconversione dellex area Italsider di Bagnoli Cordoglio, approvato dalla Giunta Regionale con Delibera n. 1467/05, prevede la realizzazione di interventi di significative dimensioni finanziarie nellambito dellarea circoscritta allex complesso industriale dellItalsider, relativi, in particolare, a strutture di tipo turistico sportivo- ricettivo e commerciali. Il progetto prevede la bonifica dellarea, la realizzazione di un Parco urbano con annesso Parco sportivo, la conversione di un sito di archeologia industriale dei residui impianti dimessi con annesse infrastrutture di accessibilit quali parcheggi, ecc. La definizione di un piano strategico per Bagnoli, ex area industriale dimessa che, situata in una posizione strategica rispetto alla zona occidentale della citt di Napoli, inserita in un contesto caratterizzato da bellezze naturali e al contempo da degrado urbano ed ambientale,occupa un posto di rilievo nella programmazione regionale. Allegato al Comunicato Stampa dell11 settembre 2007 4 / 4 Completamento e riqualificazione del fiume Sarno Descrizione - Il progetto finalizzato alla sistemazione idraulica, alla riduzione del rischio idrogeologico e alla riqualificazione ambientale del fiume Sarno. Il progetto risponde alle esigenze di riqualificazione di un Sin in unarea naturale che corrisponde al Parco Regionale del Fiume; inoltre,esso costituisce il completamento di interventi di ripristino ambientale del fiume Sarno gi avviati e di riqualificazione della zona adiacente rientrante nel Parco Regionale. Recupero e riuso del Real Albergo dei Poveri Descrizione - Il Real Albergo dei Poveri, edificio monumentale di grandi dimensioni(pi di 100. 000 mq e 830. 000 mc) realizzato in epoca borbonica su progetto dellArch. Ferdinando Fuga, oggi in corso di recupero. Monumento unico per impianto architettonico, linearit, dimensione e articolazione volumetrica, il Real Albergo dei Poveri si presta anche ad un recupero e riuso per fasi e funzionali verticali. Lintervento nel suo complesso testimonia la capacit di identificare un Grande Progetto infrastrutturale di alto valore, sia simbolico che economico, maturo sia in senso istituzionale che tecnico e finanziario, e pertanto attuabile in tempi brevi. Tale intervento conferma lattenzione dellamministrazione verso il recupero e la rivitalizzazione di manufatti edilizi, spesso di pregio storico-monumentale, posti nellarea pi antica della citt e non pi o male utilizzati. Nello specifico, si intende completare lattivit di valorizzazione del bene monumentale nel rispetto della multifunzionalit, flessibilit e accessibilit dellimpianto originario che costituisce, per forma e dimensione, esempio ineguagliabile della magnificenza civile del1700. Lintervento in questione stato avviato con il ciclo di programmazione 2000/2006 con la notifica e conseguente approvazione da parte della Commissione Europea del Grande Progetto riguardante una prima significativa parte dellintervento di recupero. Il recupero e riuso definitivo delledificio, rappresentano unopportunit di rivitalizzazione culturale e civile di un ampia area urbana, connotata anche da fenomeni di forte degrado. .



news

17-09-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 17 settembre 2019

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

Archivio news